Bellezza dalle erbe

Forum di supporto al nuovo Biodizionario.it
per approfondimenti sui giudizi espressi del BioDizionario sugli ingredienti Cosmetici e Alimentari

Moderatori: laura serpilli, Erica Congiu

Rispondi
Vera F.
Messaggi: 552
Iscritto il: mar feb 07, 2006 10:13 pm
Località: Napoli Prov.
Contatta:

Bellezza dalle erbe

Messaggio da Vera F. » mer mag 03, 2006 12:12 pm

APPROVATI DALLE SPIGNATTATRICI!

Scopiazzo da un librone comprato qualche anno fa, intitolato "L'enciclopedia delle erbe - riconoscere le erbe, saperle preparare per trarne i migliori benefici", edizioni Mosaico.

BAGNI A BASE DI ERBE.
Bagno alla melissa, calmante e delicato. Tenete a bagno una manciata di foglie fresche di melissa e sommità fiorite in u ncatino di acqua fredda, strizzate i fiori e travasate l'acqua nella vasca da bagno.
Bagno al rosmarino. Bollite in 5 litri di acqua una manciata di foglie pulite di rosmarino fresco; quando è tiepido filtrate, strizzate e versate nella vasca.
Bagno alle cinque erbe, rilassante. In 5 litri d'acqua bollente versate 35g di foglie di salvia, 20g di rosmarino, 25 g di fiori di lavanda, 25g di foglie di menta, 35g di foglie di timo. Dopo cinque minuti, spegnete, filtrate e versate nella vasca.
Bagno al tiglio, delicatissimo. Bollire per mezz'ora 300g di fiori di tiglio in una grossa pentola, strizzare e filtrare il decotto, versare nella vasca.
Bagno tonificante. Usare basilico, camomilla, fiori di sambuco, fiori di tiglio, foglie di salvia, di verbena o eucalipto.
Sacchetto alla crusca. In un sacchetto di stoffa fine (cotone o lino) versate qualche cucchiaio di crusca, una scorza di limone o arancia, spruzzando con acqua di colonia o lavanda, chiudete e bollite in un litro d'acqua. Dopo mezz'ora versare l'acqua nella vasca, usare il sacchetto per strofinare la pelle. Rilassa e leviga la pelle.
Sali da bagno. Mescolare 140g di bicarbonato di sodio e 85g di polvere di giaggiolo, poche gocce di olio essenziale (fior d'arancio, rosmarino, lavanda); amalgamare, pestare al mortaio, riporre in barattoli a chiusura ermetica. Si conservano per tre mesi.

IMPACCHI PER GLI OCCHI stanchi o arrossati.
1 Un pizzico di cerfoglio o camomilla in infusione in poca acqua bollente, quando è tiepido inzuppare due tamponcini di cotone, posare sugli occhi e restare sdraiati per 20 minuti.
2 Due fettine sottilisime di patata applicate sugli occhi.
3 Un infuso con pochissima acqua e un pizzico di pimpinella, quando è tiepido fare degli impacchi per 20 minuti.
4 Impacchi di acqua di rose (in farmacia)
5 Bollire 100g di foglie di ruta, quando è tiepido filtrare e fare degli impacchi.
6 Bollire un cucchiaino di fiori di sambuco secchi, filtrare, fare degli impacchi tiepidi per mezz'ora.

POLVERI RINFRESCANTI E CIPRIE
La base deve essere costituita dal 50% farina di riso riso, 45% amido di frumento, 5% polvere di iris fiorentina (giaggiolo).
Per eseguire la preparazione, aggiungere alla base l'olio essenziale goccia a goccia mescolando con pestello e mortaio; aggiungere i semi aromatici in polvere o le erbe.
Cirpia orientale. 450g di base, 25g di cassia in polvere, 25 g di legno di sandalo in polvere.
Cipria al sandalo. 1200g di base chimica, 110g di polvere di legno di sandalo, 110g di polvere di baccelli di vaniglia, 50g di polvere di grani di Dipterix odorata, 4 gocce di olio di fior d'arancio, 4 gocce di olio di bergamotto, 4 gocce d ifiori di geranio.
Cipria alla lavanda. 450g di base, 450g di polvere di fiori di lavanda, 50g di polvere di storace, 25 ml di olio di lavanda.
Cipria semplice. 450g di base, 8 gocce di uno dei seguenti oli: bergamotto, patchouli, frangipane (Plumeria rubra), ylang ylang, tiglio, erba limetta (Andropogon spp.), geranio, anice, lauro.

PEDILUVI
Alloro, noce e quercia.Bollire per mezz'ora in un litro d'acqua una manciata di bacche e foglie secche di alloro, lasciate raffreddare e filtrate, spremendo. Versare in una bacinella d'acqua calda.
Fare un pediluvio all'alloro tutte le mattine, d'estate, evita la sudorazione eccessiva. La preparazione è identica con foglie di noce o quercia.

VAPORIZZAZIONI ALLE ERBE
Per pulire i pori della pelle. Per pelli normali. Versare in un catino di 40-50cm di diametro un infuso a scelta tra salvia, menta, fiori di camomilla o fiori di tiglio (3 cucchiai da tavola in 3 litri d'acqua). Reclinare il viso tenendolo a 20 cm dalla superficie, coprendo il capo con u nasciugamani di spugna che copra anche il catino. Non superare i 10-15 minuti. Spruzzare la pelle di acqua tiepida, poi fredda; passare la pelle con un batuffolo di cotone imbevuto nel tonico astringente. Dopo la vaporizzazione, restare in casa per almeno un'ora; non ripetere prima di tre giorni.

PUNTI NERI
Sfregarli con una fetta di pomodoro o di zucchino.
Se i punti neri si infettano, applicare un infuso di 50g di bardaba in 500g di acqua, raffreddato.

LOZIONE DETERGENTE.
450g di acqua di rose calda, 2 manciate di petali di rosa secchi (meglio Rosa gallica), 5g di storace. Mescolare i petali e l'acqua di rose; dopo due ore filtrare. Dopo due giorni aggiungere lo storace. Applicare con dischetti di cotone.

DETERGENTI E MASCHERE PER IL VISO
Pelli grasse. Detergente: avema farina di mandorle, amido di masi sono detergenti se mescolate con succo di limone, acedo di sidro, acqua tiepida. Il tè di millefoglio preparato con un infuso di due cucchiai da tavola di millefoglio essiccato in un bicchiere e mezzo d'acqua bollente è adatto alla pulizia della pelle grassa. Maschera: sfregare la pelle con cetriolo fresco o polpa di fragole. Applicare raccogliendo i capelli, stendendo sul viso (tranne zona occhi e labbra) e sul collo, collevando i piedi più in alt odella testa e tenendo in posa per 10-15 minuti. Si sciacqua con acqua tiepida. Maschera astringente: mescolare parti uguali di succo di pomodoro e limone, stendere sulla pelle, trascorsi 10 minuti risciacquare con acqua tiepida.
Pelli secche. Maschera di farina d'avena: mescolatela con acqua di rose o di sambuco; stendete sul viso e lasciate asciugare per 15 minuti; togliere con acqua tiepida e tamponare con una pezzuola umida. Maschera a base di frutta: mescolare fragole, pesche, anguria, ananas e cetriolo con un frullatore o mortaio. Spalmare su viso e cotto, risciacquare con acqua tiepida dopo qualche minuto.

NUTRIMENTO DELLA PELLE
Olio di mandorle. 40g mandorle macinate, 1 litro di acqua di rose o piovana, 1 cucchiaino da caffè d izucchero e 1/2 cucchiaino da caffè di tintura di storace. Mescolare le mandorle con l'acqua fino ad ottenereuna pasta omogenea; filtrare, aggiungere lo zucchero e lo storace; conservare in un flacone fino all'uso.
Olio di cetriolo. Rinfresca e protegge dalle scottature. Tagliare a pezzi, con la buccia, 2 cetrioli maturi;metterli in una pentola con un litro d'acqua fredda, far bollire per 20 minuti. Scolare, filtrare, aggiungere 1 dl di acqua piovana, 2 cucchiai di glicerina e 1/2 cucchiaino da caffè di tintura di storace.
Lozione antirughe. Tenere in infusione 15-20 petali di papavero in 30g di acqua bollente, per 10 minuti.

CAPELLI
Shampo coloranti.
Baccaride, dona riflessi ramati ai capelli castani. Bruciare una manciata di foglie di baccaride e aggiungere allo shampoo.
Camomilla, per capelli biondi: mescolare 30g di fiori di camomilla e 15g d iradice di rabarbaro cotta in poche cucchiaiate di acqua e mezzo litro di vino bianco. Frizionare i capelli già lavati.
Castagno, dona riflessi ramati ai capelli castani o biondi. Bollire due manciate di foglie secche di castagno in un litro d'acqua. Filtrare e frizionare i capelli lavati.
Edera, lucida i capelli neri o bruni. Bollire in mezzo litro d'acqua una manciata di foglie fresche di edera; risciacquarvi i capelli.
Limone, sgrassa i capelli: frizionarli, dopo lo shampoo, con il succo di un limone in mezzo litro di acqua tiepida.
Fissatore per la piega, bollire 50g di semi di mela cotogna in 280g di acqua per 15 minuti, filtrare spremendo, applicare caldo.
PROBLEMI DI CAPELLI
Forfora. Fare massaggi leggeri con olio d'oliva o di mandorle dolci sul cuoio capelluto; in alternatva infuso di camomilla o di calendula.
Basilico. Una volta al giorno frizionare con un infuso di una manciata di foglie di basilico tenute per 20 minuti a bagno in una tazza di acqua bollente.
Bardana. Bollire 10g di radice di bardana tritata in un cucchiaio di acqua per pochi minuti, strofinare questa pasta sul cuoio capelluto.
Ortica. Bollire 200g d iortica in 500g di aceto, filtrare. Frizionare su tutti i capelli prima di andare a dormire e pettinare i capelli. Ogni due-tre giorni, al mattino, frizionare con olio d'oliva e due ore dopo fare uno shampoo. Ripetere per due mesi.
Rosmarino. Strofinare una volta al giorno sul cuoio capelluto dell'essenza di rosmarino.
Risciacqui per capelli. Si può utilizzare qualsiasi frutto a base di acido citrico, il più comune è il limone. Utili anche l'aceto, i lvino bianco, il sidro.
Al rosmarino. Bollire per 30 minuti le spighe fiorite. Quando è freddo, risciacquare i capelli.
Miscela di erbe. Bollire in 560g di acqua 25g di erbe tra camomilla, finocchio, fiori di tiglio, salvia, rosmarino, ortica, coda cavallina e millefoglio. Filtrare e risciacquare i capelli.
Olio ricostituente. Macerare al sole in 560g di olio di girasole finocchio, ortica, camomilla e millefoglio.

Avatar utente
Landre82
Messaggi: 1069
Iscritto il: mar ott 11, 2005 7:07 pm
Controllo antispam: cinque
Contatta:

Messaggio da Landre82 » mer mag 03, 2006 12:21 pm

Quante belle cose !!!
Però bisognerebbe avere un orto botanico sotto casa per avere tutte queste materie prime...dovrò imparare a raccogliere e far seccare un' pò di cose ( tipo foglie di castagno ecc )

Vera F.
Messaggi: 552
Iscritto il: mar feb 07, 2006 10:13 pm
Località: Napoli Prov.
Contatta:

Messaggio da Vera F. » mer mag 03, 2006 12:29 pm

Landre82 ha scritto:Quante belle cose !!!
Però bisognerebbe avere un orto botanico sotto casa per avere tutte queste materie prime...dovrò imparare a raccogliere e far seccare un' pò di cose ( tipo foglie di castagno ecc )
Molte aromatiche si coltivano sul balcone; alcune piante selvatiche si trovano nei prati, durante passeggiate in campagna o su boschi di collina (come le foglie di castagno), e comunque in erboristeria penso che trovi tutto tutto tutto o quasi! ;-)

Vera F.
Messaggi: 552
Iscritto il: mar feb 07, 2006 10:13 pm
Località: Napoli Prov.
Contatta:

Messaggio da Vera F. » mer mag 03, 2006 5:31 pm

Esfoliante alla crusca
Avete presente la quantità enorme di crusca che vi rimane nel lavello quando preparate il seitan partendo dalla farina integrale?
Sappiate che è un ottimo esfoliante per la pelle, quindi ecco un piccolo trucco per evitare di gettarla via.

Prima di preparare il seitan, setacciate la farina integrale e conservate la crusca in un barattolo. Al momento di farvi la doccia, mescolatela in una scodella con una quantità sufficiente di olio, di qualsiasi tipo, quello che preferite. Strofinatela su tutto il corpo, vi assicuro che non graffia, è morbida. Massaggiate delicatamente, magari aggiungendo un po' d'acqua, e risciacquate.

Con me funziona, lascia la pelle liscia e l'olio impedisce che si secchi.

Vera F.
Messaggi: 552
Iscritto il: mar feb 07, 2006 10:13 pm
Località: Napoli Prov.
Contatta:

Messaggio da Vera F. » mer mag 03, 2006 5:34 pm

Gel ai semi di lino
Nutre i capelli, non appiccica, non lascia residui e fa pure l'effetto bagnato. E' economica, si può aromatizzare come meglio credete e la preparazione è semplicissima.

Procuratevi dei semi di lino (io li ho trovati in erboristeria).
Versate 4 cucchiai (40g) di semi in un colino di acciaio, adagiatelo in una piccola pentola, e coprite con 250ml di acqua (assicurandovi che i semi non fuoriescano, e tuttavia restino sommersi). Lasciate riposare per una notte. Il giorno dopo, portate a ebollizione e cuocete per 10 minuti. Spegnete il fuoco, scolate i semi (vanno buttati, non credo che si possa utilizzarli per l'alimentazione) ed aggiungete al composto gelatinoso un cucchiaino di sale. Mescolate e lasciate raffreddare. Si conserva in frigo (da 10 giorni a un mese), ma qualcuno suggerisce di versarlo nei sacchetti del ghiaccio, scongelandone all'occorrenza un cubetto tra le mani.
Si usa come una comune gelatina, riempitevene bene le mani. Non è necessario spazzolare per eliminarla e non lascia residui. Se la volete più forte, fatela cuocere più a lungo; viceversa, allungatela con acqua o utilizzate meno semi in cottura.

Note e impressioni: ho letto che a qualcuno, più che gel, questa roba ricorda la bava di cane... in effetti, durante la cottura, sembra un incrocio tra bava di San Bernardo idrofobo, colla per parati extraforte e albume d'uovo. Ha anche un odore piuttosto marcato, dunque non impressionatevi mentre lo preparate!
L'odore sparisce dopo un giorno, rimane solo un vago sentore (che il mio ragazzo accosta a quello della camomilla), e si può eventualmente correggere con un paio di gocce di olio essenziale a scelta; e la consistenza, sparita la schiuma, diventa meno ripugnante.

Kham mi ha scritto questo utile cconsiglio.
"ma vera nooooo i semi non si buttano!!!!
ricettina di riuso semi provata da poco (per capelli chiari):
prendere i semi usati (che tanto un po' di gel, anzi il migliore resta attaccato),e frullarli aggiungendo curcuma (o zafferano) un po' di camomilla (il resto si beve) e succo di limone:
ecco pronto un bell'impacco pre-shampoo!!
kham"

Avatar utente
nocciolpanna
Messaggi: 2
Iscritto il: dom gen 20, 2008 5:53 pm

Re: Bellezza dalle erbe

Messaggio da nocciolpanna » dom gen 27, 2008 3:03 pm

grazie 1000 per i vostri consigli!

Rispondi