info inci dr. hauschka

Forum di supporto al nuovo Biodizionario.it
per approfondimenti sui giudizi espressi del BioDizionario sugli ingredienti Cosmetici e Alimentari

Moderatori: laura serpilli, Erica Congiu

spicchiodimela
Messaggi: 9
Iscritto il: sab nov 05, 2005 11:53 am

info inci dr. hauschka

Messaggio da spicchiodimela » sab gen 28, 2006 5:02 pm

Ciao a tutti!
Ho acquistato diversi prodotti del Dr. Haushcka ma ho notato che in quasi
tutti, ai primissimi posti dell'inci, c'è l'alcool e alla fine sostanze che sono componenti degli oli essenziali. Ho chiamato la Wala, azienda che li produce, e mi hanno risposto che l'alcool è il risultato dell'estrazione delle piante o comunque la parte alcolica delle piante quindi non è alcool comune aggiunto. Può causare dei problemi su una pelle sensibile e secca? Ho notato che è anche contenuto nel mascara. Gli occhi non avranno problemi? Viene usato come conservante?
So che gli oli essenziali hanno una struttura molecolare molto picccola e capaci di oltrepassare l'epidermide ed entrare in circolo. Le sostanze quali eugenol, farnesol, citral, geraniol,linalool ecc. ,che sono presenti in quasi tutti i prodotti Haushcka, sono dannosi? A cosa servono?

Vi prego di darmi delle delucidazioni e consigli in merito.
GRAZIE :-)

pulsatilla
Messaggi: 49
Iscritto il: mar ott 05, 2004 5:52 pm

Messaggio da pulsatilla » sab gen 28, 2006 7:00 pm

Io ho provato il mascara e non mi dava nessun fastidio...
sull'alcool ti copio un messaggio di Riky dato su un altro topic:

quote="Riky"]Mah in realtà il povero alcol etilico non è così terrificante, è un solvente dei grassi per cui indubbiamente ha una azione nei confronti dei lipidi epidermici - in primis dei lipidi del film idrolipidico del corneo - certo a insistere arriva a sciogliere anche i lipidi inter- e intracorneocitari, a sciogliere il "cemento" intercellulare (ceramidi), etc etc. Ma a insistere e a esagerare, oppure applicando etanolo su cute già lesa e "soluta" da altri aggressori quali i tensioattivi. Insomma dipende da quanto, quando, dove (laddove c'è molto sebo - p.es cuoio capelluto, zona T del volto, dorso, torace), l'alcol solve appunto il sebo - e non arriva a ledere altri lipidi e addirittura la sostanza proteica. Sul meccanismo di azione chimico, non mi chiedere (non mi chiere come sciolga i trigliceridi, o spezzi le catene disolfuro etc etc etc).
Però.
Ho visto proprio sulla mia pelle che cosmetici con troppo alcol dentro come conservante (i tedeschi in pratica) non vanno poi così bene.
Anzi.
Per esempio, c'è una cremina della Wala per le mani che è carina perchè si assorbe subito (ed è ovviamente bio). Ma dire che non serve a nulla sulle mani davvero rovinate (leggi, le mie, che per motivi di mestiere vengono lavate migliaia di volte al giorno - oltre ad essere parecchio secche d'inverno, pur sempre anche massaia sono)...
Lo stesso successe l'esate scorsa con un doposole Weleda - carino, ok, non unge, ok....ma non idratava un tubazzo.
E questo per la massiccia presenza di alcol, per quanto l'effetto solvente fosse attenuato dai lipidi presenti nelle emuslioni.
Ma ho sempre prescritto, che so, l'alcol salicilico al 2% (alcol 60° e ac.salic) senza provocare alcun danno, da utilizzare periodicamente su zona T del viso, o sulla schiena, o sul cuoio capelluto, dipende da un sacco di fattori, my dear!
ciao

riky[/quote]

Non so dirti di più!

Ciao!

Fabrizio Zago
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Messaggio da Fabrizio Zago » sab gen 28, 2006 7:20 pm

Cara spicchiodimela,
è molto probabile che efettivamente l'alcool sia un componente che viene usato per estrarre i principi attivi vegetali. Ma, credi a me, soprattutto serve a conservare il prodotto.
Come dice Riky l'etanolo non è poi così malvagio ma, mai come in questo caso, è necessario testare il prodotto per verificare la compatibilità.
I vari: eugenol, farnesol, citral, geraniol,linalool ecc. sono degli allergeni che devono essere indicati in etichetta in modo che se un consumatore è conscio di essere allergico ad uno di questi componenti non fa altro che evitarne l'acquisto. E lo stesso devi fare tu.
Ciao
Fabrizio

paracelso
Messaggi: 399
Iscritto il: mer giu 08, 2005 10:24 am

Messaggio da paracelso » sab gen 28, 2006 9:42 pm

uhm !!!!! saro' un po' rompi....
ok mettetela con la mia fissazione di proibire la commercializzazione degli oli essenziali ed altre strane idee solitarie :-))))

c'è una tendenza abbastanza diffusa nella cosmesi bio-eco a riutilizzare l'alcohol: ethanol.
Non mi piace per niente.
Non vorrei sbagliarmi ma con solo un decimo delle ricerche positive sulla tossicità, cancerogenicità, danni alla riproduzione ecc. ecc.. se non fosse alcohol lo avrebbero già proibito da qualunque formulazione cosmetica.
Poi come tutto " è la dose che fa il veleno" e sulla pelle a parte la secchezza , l'irritazione ed altri danni più o meno evidenti siamo talmente abituati a darcelo che non ci si fa più caso.
Però ritengo ipocrita un marketing eco-bio-salutistico che fa terrorismo su certe molecole e poi sull'alcohol fa finta di niente, a dispetto del fatto che per anni una buona cultura cosmetologica si era sforzata di allontanare l'alcohol dalle formulazioni cosmetiche.

creatus
Messaggi: 254
Iscritto il: dom feb 06, 2005 11:21 am

Messaggio da creatus » sab gen 28, 2006 11:36 pm

ciao paracelso
spiega a questa ignorante cosa vuoi dire con
"Non vorrei sbagliarmi ma con solo un decimo delle ricerche positive sulla tossicità, cancerogenicità, danni alla riproduzione ecc. ecc.. se non fosse alcohol lo avrebbero già proibito da qualunque formulazione cosmetica.
"
grazie

vittorio urbani

Messaggio da vittorio urbani » dom gen 29, 2006 10:54 am

paracelso ha scritto:e poi sull'alcohol fa finta di niente...
bèh, è un ottimo veicolante dei polifenoli da vitis vinifera! Tu ed il tuo glicole...:-/

paracelso
Messaggi: 399
Iscritto il: mer giu 08, 2005 10:24 am

Messaggio da paracelso » dom gen 29, 2006 12:32 pm

x vittorio a me non piace SOLO il dilagante uso cosmetico :-))))

per creatus...se fai una ricerca su medline o sulle banche dati tossicologiche sull'etanolo ne trovi di cotte e di crude.
Non serve a nulla generare allarmismi ma è un fatto che per quanto riguarda
i parametri di sicurezza degli ingredienti cosmetici, con l'alcohol etilico si è utilizzata una mano molto leggera, direi eterea.....

spicchiodimela
Messaggi: 9
Iscritto il: sab nov 05, 2005 11:53 am

non capisco...

Messaggio da spicchiodimela » dom gen 29, 2006 4:33 pm

Grazie a tutti per le risposte!!!
Scusate la mia ignoranza, non riesco a comprendere la differenza, se c'è differenza, tra l'alcool che viene impiegato nei prodotti Hauschka e l'alcool al quale voi avete fatto riferimento. Mi spiego: l'alcool presente in notevole quantità in questi cosmetici, riferisce la Wala, è ottenuto dalla macerazione in acqua, per circa un anno, delle piante che verranno poi utilizzate per un determinato cosmetico. Ora, mi sembra che questa sia la soluzione alcolica naturale (tintura madre?) di queste piante e forse l'impatto con la pelle è meno aggressivo o diverso (prego, un vostro parere). Forse non avevo esposto bene la mia questione o forse parliamo esattamente della stessa cosa ma mi sembra di avere capito che voi parliate di un diverso alcool, forse di sintesi, opp. ottenuto diversamente.
Insomma, voi parlate di etanolo...anche io?
sigh, grazie Vi aspetto

Lola
Messaggi: 2943
Iscritto il: mar ott 05, 2004 9:34 am
Località: Monfalcone

Messaggio da Lola » dom gen 29, 2006 6:46 pm

Guarda, prova a macerare una pianta per un anno in acqua e uno: ti marcisce e non resta più niente del suo aroma-proprietà originari, due: fosse così facile ottenere l'alcool ci faremmo tutti la grappa in casa...

Mi sa che quelli della Wala te la raccontano...

paracelso
Messaggi: 399
Iscritto il: mer giu 08, 2005 10:24 am

Messaggio da paracelso » dom gen 29, 2006 8:12 pm

L'etanolo è alcol etilico ed in inci compare come ALCOHOL.
Se questa è la definizione in etichetta , stiamo parlando della stessa molecola, comunque sia stata prodotta.

creatus
Messaggi: 254
Iscritto il: dom feb 06, 2005 11:21 am

Messaggio da creatus » lun gen 30, 2006 12:54 pm

scusa paracelso, se infierisco, ma ti riferisci a danni sulla cute? perché l'alcool é tossico, certo, lo sapiamo tutti, basta pensare a qualcuno con malattia cronica al fegato dovuto ad eccesso di bibite alcooliche, ma sulla pelle? é un ottimo disinfettante, penetra abbastanza, é vero, ma é anche anti-infiammatorio (quando ci sono infiammazioni alla pelle, tipo brufoloni, anche punture, applicare un battufolo di cottone con alcool e lasciarlo lá un pó 2 o 3 volte al giorno ha un effetto pazzesco)... insomma, se é diciamo il 10 % di un prodotto cosmetico, e pure si evapora velocemente, dici che é un problema? non lo so...
anzi, ti prego di cercare di convincermi, cosi imparo sicuramente qualcosa...
ciao, a presto
mónica

donquijote
Messaggi: 72
Iscritto il: mar gen 17, 2012 10:48 am
Controllo antispam: cinque

Re: info inci dr. hauschka

Messaggio da donquijote » mar gen 17, 2012 11:20 am

Questa cosa dell'alcool andrebbe approfondita, per evitare equivoci. Nei cosmetici naturali è molto probabile che si trovi nei primi posti dell'inci soprattutto (o forse quasi esclusivamente) nel caso in cui sono state utilizzate le tinture ed altri tipi di estratti che richiedono l'alcool per l'estrazione della maggior parte della pianta in questione. Dunque, a parer mio,
1) se il cosmetico naturale contiene l'alcool ai primi posti dell'inci non è assolutamente detto che il motivo sia per conservare, ma che anzi sia così perché sono stati utilizzati estratti ricavati dall'alcool (il che, se proprio vogliamo dirla tutta, è un procedimento di gran lunga più eco bio e naturale di altri tipi di estrazione)
2)è vero, come dice Fabrizio Zago, che l'alcool è usato per conservare, ma se è così solo come risultato dell'uso di TM od altri estratti con alcool, il consumatore deve essere informato per avere la sicurezza che il prodotto non sia dannoso.
Le ditte farmaceutiche che producono cosmetici avvalendosi di TM possono specificarlo in inci evitando di includere l'alcool nell'inci stesso; cosa che non è permessa alle aziende cosmetiche che devono invece indicare la presenza di alcool derivante dalle Tm o altri estratti che usano l'alcool. Cosa che è ben diversa dall'utilizzare alcool come conservante.


Pregherei pertanto l'intervento di persone come Zago, (o comunque di ESPERTI non di SPIGNATTATORI; non me ne vogliano questi ultimi, ma si sta parlando di un argomento che presuppone delle conoscenze specifiche e PROFESSIONALI); che si dica chiaramente se la presenza di alcool in un cosmetico è dannosa o meno, e lo si dica con ricerche alla mano. Altrimenti si rischia di informare male e in maniera fuorviante il consumatore o, alla peggio, si rischia di indirizzarli verso determinate aziende cosmetiche, o farmaceutiche, che magari non usano l'alcool ma altri "conservanti" o ingredienti vari che, usati in piccolissime % non sono nemmeno dichiarate in inci.

adriano
Messaggi: 589
Iscritto il: mar ott 05, 2004 9:13 am

Re: info inci dr. hauschka

Messaggio da adriano » mar gen 17, 2012 1:00 pm

BOh trovo strano riesumare una discussione del 2006 ci sarà il motivo certamente .
L'alcool è indubbio che abbia un potere conservate a determinate percentuali sia che lo si metta tal quale sia sotto forma di TM , non vedo quindi nessuna differenza .
Se non si vuole usare alcool si usi un estratto secco che problema c'è

poi si scrive : Pregherei pertanto l'intervento di persone come Zago, (o comunque di ESPERTI non di SPIGNATTATORI; non me ne vogliano questi ultimi, ma si sta parlando di un argomento che presuppone delle conoscenze specifiche e PROFESSIONALI); che si dica chiaramente se la presenza di alcool in un cosmetico è dannosa o meno, e lo si dica con ricerche alla mano. Altrimenti si rischia di informare male e in maniera fuorviante il consumatore o, alla peggio, si rischia di indirizzarli verso determinate aziende cosmetiche, o farmaceutiche, che magari non usano l'alcool ma altri "conservanti" o ingredienti vari che, usati in piccolissime % non sono nemmeno dichiarate in inci.

veramente sull'alcool ( se non fosse l'ingrediente principale dei profumi ( eau de toilette ecc..) la commissione europea l'avrebbe già messo nell'allegato II e quindi vietato o con forti limitazioni d'uso proprio perche vi sono studi sulla sua pericolosità ...è chiaro che non voglio demonizzarne l'uso ma risparmiaci le prediche dopo 5 anni .

Fabrizio Zago
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: info inci dr. hauschka

Messaggio da Fabrizio Zago » mar gen 17, 2012 6:33 pm

In realtà ci sono cose dette da donquijote che non sono assolutamente sottoscrivibili. Ad esempio quando dice che "
determinate aziende cosmetiche, o farmaceutiche, che magari non usano l'alcool ma altri "conservanti" o ingredienti vari che, usati in piccolissime % non sono nemmeno dichiarate in inci."
Questa cosa NON è vera! Anche se la quantità fosse piccolissima essa DEVE essere descritta nell'INCI. E' la Legge che lo prescrive.

Per quanto riguarda i dati scientifici che mi fanno dire "occhio all'alcol" non ho la possibilità di essere esaustivo in questa sede e quindi ti invito a visitare questo sito in cui troverai i motivi della mia affermazione. In sintesi che l'alcol sia aggiunto di proposito (come conservante) che derivi dall'impiego di tinture madri o da altra via, sempre etanolo è con i rischi che leggerai, se ne hai voglia, qui:
http://www.afsset.fr/index.php?pageid=2057&parentid=523
Ciao
Fabrizio

donquijote
Messaggi: 72
Iscritto il: mar gen 17, 2012 10:48 am
Controllo antispam: cinque

Re: info inci dr. hauschka

Messaggio da donquijote » mer gen 18, 2012 12:46 pm

Ringrazio entrambi per il chiarimento.

Adriano, mi spiace aver dato l'impressione di "riesumare" tale questione per fini non ben specificati; volevo solo avere delle spiegazioni, indipendentemente dal tempo trascorso. Quando 5 anni fa è iniziata questa discussione, non ero presente per poter intervenire. L'ho fatto ora perché ora ho letto l'argomento e, invece di inserire un nuovo topic e rischiare di combinare disastri, ho proseguito la discussione nella speranza di capirci qualcosa di più in merito, visto che non sono un esperto, ma un semplice consumatore che tenta di districarsi in questa "selva oscura" per fare un acquisto il più consapevole possibile e, soprattutto, per evitare di incappare in allarmismi che spesso nascondono dell'altro. Probabilmente mi sono espresso male se ho anche dato l'impressione di "fare la morale"; non è mia abitudine né ascoltare né salire su pulpiti per "divulgare il verbo".

Fabrizio, io credevo che nella vaga dicitura "profumo" potessero nascondersi altre sostanze, non meglio specificate.

Rispondi