domanda per i mastri saponieri

Forum di supporto al nuovo Biodizionario.it
per approfondimenti sui giudizi espressi del BioDizionario sugli ingredienti Cosmetici e Alimentari

Moderatori: laura serpilli, Erica Congiu

Avatar utente
arunka
Messaggi: 942
Iscritto il: gio feb 10, 2011 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: domanda per i mastri saponieri

Messaggio da arunka » gio lug 25, 2013 7:22 am

Si toto, ma tu hai dalla tua, appunto 33 anni di esperienza.
Probabilmente il sapone è la tua arte.
Io con il metodo a freddo ottengo un sapone decente dopo 12 mesi di stagionatura e poi devo stare attentissima che non si bagni altrimenti addio.


--- prima che mi dimentico voglio dire le mie impressioni da post Giorno 1 metodo bollitura:
1 è semplice, più semplice di quanto sembri.
2 entro la prima mezz'ora di bollitura bisogna badarlo come un figlio altrimenti potrebbe fuoriuscire. Io l'ho messo nel fornello più basso al minimo e dopo 10 minuti di bollitura mi ha fatto lo scherzetto.. ero preparata e ho usato ciò che è uscito dalla pentola per sgrassare la cucina (ovviamente avevo i guanti.. e la spugna verrà buttata perché si è corrosa) mai ho avuto un fornello più pulito! sapone caustico, una meraviglia!
3 proprio perché ho avuto paura uscisse di nuovo l'ho lasciato bollire per due ore con il coperchio leggermente alzato. Poi però l'ho chiuso e mi sono tranquillizzata. Fatto male a lasciarlo un po' aperto?
4 stamattina ciò che è "avanzato" era principalmente olio. giusto? sbagliato?
5 quando ho aggiunto la salamoia la prima cosa che è venuta a galla è il nero perché evidentemente il fondo mi si è bruciato.. ho fatto qualche errore da qualche parte? a giudicare da come sta procedendo con la salamoia mi verrebbe da dire che il nero me lo troverò tutto a galla e quindi lo eliminerò..
6 al momento, che sta bollendo con salamoia, si presenta in forma di grumoni duri..

anto2
Messaggi: 429
Iscritto il: dom feb 26, 2006 7:29 pm
Località: como

Re: domanda per i mastri saponieri

Messaggio da anto2 » gio lug 25, 2013 8:15 am

Se usi tanto olio di oliva il sapone a freddo tenderà sempre a fare bavetta e smollarsi.
Devi trovare delle formule giuste con un rapporto saturi insaturi corretto.

Soapcalc che trovi in rete, pur essendo un simulatore, è abbastanza affidabile nel predire il risultato del sapone finito.

Tornando in topic ... Temevo anch'io il bruciato sul fondo :roll:

Ma non c'è altro metodo se non il calore diretto della fiamma ?

Tra l'altro, anche avendo la pazienza di mescolare, tutti quei vapori contenenti anche un tot di soda in giro non è che mi allettino molto ...

Continua ad aggiornarci che prima o poi vorrei provarci anch'io :mrgreen:

Avatar utente
toto48
Messaggi: 277
Iscritto il: lun set 15, 2008 5:16 pm

Re: domanda per i mastri saponieri

Messaggio da toto48 » gio lug 25, 2013 11:22 am

arunka ha scritto:Si toto, ma tu hai dalla tua, appunto 33 anni di esperienza.
Probabilmente il sapone è la tua arte.
Io con il metodo a freddo ottengo un sapone decente dopo 12 mesi di stagionatura e poi devo stare attentissima che non si bagni altrimenti addio.


--- prima che mi dimentico voglio dire le mie impressioni da post Giorno 1 metodo bollitura:
1 è semplice, più semplice di quanto sembri.
2 entro la prima mezz'ora di bollitura bisogna badarlo come un figlio altrimenti potrebbe fuoriuscire. Io l'ho messo nel fornello più basso al minimo e dopo 10 minuti di bollitura mi ha fatto lo scherzetto.. ero preparata e ho usato ciò che è uscito dalla pentola per sgrassare la cucina (ovviamente avevo i guanti.. e la spugna verrà buttata perché si è corrosa) mai ho avuto un fornello più pulito! sapone caustico, una meraviglia!
3 proprio perché ho avuto paura uscisse di nuovo l'ho lasciato bollire per due ore con il coperchio leggermente alzato. Poi però l'ho chiuso e mi sono tranquillizzata. Fatto male a lasciarlo un po' aperto?
4 stamattina ciò che è "avanzato" era principalmente olio. giusto? sbagliato?
5 quando ho aggiunto la salamoia la prima cosa che è venuta a galla è il nero perché evidentemente il fondo mi si è bruciato.. ho fatto qualche errore da qualche parte? a giudicare da come sta procedendo con la salamoia mi verrebbe da dire che il nero me lo troverò tutto a galla e quindi lo eliminerò..
6 al momento, che sta bollendo con salamoia, si presenta in forma di grumoni duri..

Ciao Arunka
‘’Io con il metodo a freddo ottengo un sapone decente dopo 12 mesi di stagionatura e poi devo stare attentissima che non si bagni altrimenti addio’’
12 mesi sono tantissimi per usare il sapone puoi dirmi qual è la tua ricetta?ti riferisci per il bucato o per igiene corpo? E quale olio usi?altrimenti mi è impossibile dare un mio parere.
2)’’ entro la prima mezz'ora di bollitura bisogna badarlo come un figlio altrimenti potrebbe fuoriuscire. Io l'ho messo nel fornello più basso al minimo e dopo 10 minuti di bollitura mi ha fatto lo scherzetto’’
Che vada assistito è necessario all’inizio, in merito allo scherzetto è stato normale perché l’effetto vulcano si verifica superando i 50-60°C a ciò si rimedia: quando si vede che inizia ad alzarsi di livello della massa abbassare la fiamma e spruzzare dell’acqua (demineralizzata) con uno spruzzino o con il palmo della mano mentre si continua a mescolare il livello scenderà subito.
3) ‘’l'ho lasciato bollire per due ore con il coperchio leggermente alzato. Poi però l'ho chiuso e mi sono tranquillizzata. Fatto male a lasciarlo un po' aperto?’’
Io quando adottavo il metodo a caldo non ho mai messo coperchio sulla massa in cottura ed ho avuto ugualmente un buon sapone per cui con la mia esperienza non mi spiego il motivo del coperchio e da nessuna parte ho letto la sua stretta necessità magari avrà il suo motivo e se c’è accetto volentieri il suggerimento.
4) stamattina ciò che è "avanzato" era principalmente olio. giusto? sbagliato?
La presenza di olio indica che non tutto è reagito con la soda, controlla la pesatura della soda riferita alla quantità di olio perché avresti dovuto trovare solo acqua sul fondo pentola. Il calcolo dell’acqua che hai fatto è giusto per il metodo a caldo?
5 )quando ho aggiunto la salamoia la prima cosa che è venuta a galla è il nero perché evidentemente il fondo mi si è bruciato.. ho fatto qualche errore da qualche parte?
Dovevi mescolare fino a quando la massa si omogeneizzava e poi lasciarlo in cottura
Per i grumi si può tentare a dare una frullata
Ciao
toto

Avatar utente
toto48
Messaggi: 277
Iscritto il: lun set 15, 2008 5:16 pm

Re: domanda per i mastri saponieri

Messaggio da toto48 » gio lug 25, 2013 11:32 am

anto2 ha scritto:Se usi tanto olio di oliva il sapone a freddo tenderà sempre a fare bavetta e smollarsi.
Devi trovare delle formule giuste con un rapporto saturi insaturi corretto.

Soapcalc che trovi in rete, pur essendo un simulatore, è abbastanza affidabile nel predire il risultato del sapone finito.

Tornando in topic ... Temevo anch'io il bruciato sul fondo :roll:

Ma non c'è altro metodo se non il calore diretto della fiamma ?

Tra l'altro, anche avendo la pazienza di mescolare, tutti quei vapori contenenti anche un tot di soda in giro non è che mi allettino molto ...

Continua ad aggiornarci che prima o poi vorrei provarci anch'io :mrgreen:
Il bilanciamento tra oli saturi ed insaturi in special modo per i saponi da bucato e auspicabile per avere un effetto sgrassante
l'alternativa alla fiamma diretta nel metodo a caldo è quella a bagno maria oppure con la sabbia ma per quest'ultimo occorre una esperienza abbastanza navigata .
ciao toto

Avatar utente
arunka
Messaggi: 942
Iscritto il: gio feb 10, 2011 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: domanda per i mastri saponieri

Messaggio da arunka » ven lug 26, 2013 7:00 am

Il sapone che ho iniziato in questi giorni sono 900 gr oliva 100 gr cocco 141 gr soda.
Dopo il primo lavaggio in salamoia è diventato un mattone tondo di sapone bianco. La pentola (stainless steel) sul fondo è tutta macchiata di nero.
se tocco il sapone si sbriciola. secondo me l'ho cotto troppo/male
Se volete vi faccio vedere un po' di foto

Avatar utente
arunka
Messaggi: 942
Iscritto il: gio feb 10, 2011 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: domanda per i mastri saponieri

Messaggio da arunka » ven lug 26, 2013 7:32 am

Credo anzi sono certa di aver capito il mio errore. Il primo giorno ho mescolato troppo poco e cotto fin da subito. Forse una bella frullata ci voleva. Idem il secondo giorno, non dovevo lasciarlo in forma di mattone.
Comunque per recuperare il lavoro fatto ho: mixato il sapone per portarlo a consistenza stracciatella e poi una volta messa l'acqua e il sale mi sono accorta che si stava ulteriormente ammorbidendo e quindi ho frullato con il minipimer e adesso ho un bellissimo purè di sapone che bolle con salamoia (terzo giorno, seconda lavata).

Avatar utente
arunka
Messaggi: 942
Iscritto il: gio feb 10, 2011 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: domanda per i mastri saponieri

Messaggio da arunka » dom lug 28, 2013 2:39 pm

Ieri ho scolato il sapone, buttato via l'acqua e messo questa specie di purea negli stampi.
Quella che ho messo negli stampi di plastica si sta già indurendo, quella nello stampo di legno è ancora bagnata.

in più.. è salato! (si l'ho assaggiato!)

Con gli avanzi ci ho lavati i piatti e fa una meravigliosa schiuma bianca, molto persistente.
Chissà se riuscirò a farlo indurire in formelle.. ho come l'idea che mi verrà granuloso (ma credo che per il sonia e sartana andrà bene lo stesso.. no?)

mirella tosca
Messaggi: 197
Iscritto il: sab mar 31, 2012 1:45 pm
Controllo antispam: cinque

Re: domanda per i mastri saponieri

Messaggio da mirella tosca » lun lug 29, 2013 5:40 pm

Arunka.
Un mio parere(da non esperta) penso che la colata che si è asciugata prima è stata prelevata dalla parte superiore della massa che tu hai versato negli stampi di plastica e quindi con meno acqua, mentre quella che hai versato nello stampo di legno era la parte inferiore a contatto con l'acqua quindi più umida, sicuramente si asciugherà pure, forse dovevi mescolare la massa prima di versarla negli stampi.Per il sapore salato e la presunta sbriciolatura giriamo la domanda a Fabrizio.

Ciao
Mirella

Fabrizio Zago
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: domanda per i mastri saponieri

Messaggio da Fabrizio Zago » lun lug 29, 2013 8:20 pm

Prima di azzardare delle conclusioni è preferibile se aspettiamo un attimino che il sapone maturi, giusto?
Ciao
Fabrizio

Avatar utente
arunka
Messaggi: 942
Iscritto il: gio feb 10, 2011 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: domanda per i mastri saponieri

Messaggio da arunka » mar lug 30, 2013 8:00 am

Mescolato, ho mescolato :)

Io adesso me ne vado a lavorare all'estero per qualche giorno, così occhio non vede, cuore non duole, sapone maturi :)

Seboz
Messaggi: 1
Iscritto il: dom giu 08, 2008 7:46 pm

Re: domanda per i mastri saponieri

Messaggio da Seboz » dom set 22, 2013 8:27 am

Ciao a tutti,
volevo condividere con voi la mia esperienza del sapone fatto con il metodo di Fabrizio :)

Ho seguito le indicazioni di arunka...sia per le quantità che per le procedure.

Ho utilizzato olio di oliva esausto da cucina.

Dopo il primo giorno di bollitura ho separato il liquido dalla parte solida che si era formata.
Il liquido era per 1/3 acqua sporca e per 2/3 olio.
Deduco quindi che il processo di saponificazione non era completato.
Ho quindi deciso di procedere nel seguente modo:

con la parte solida ho iniziato i lavaggi in salamoia, mentre per la parte liquida ho separato l'acqua sporca dall'olio e con questo ho avviato un nuovo processo di saponificazione.

Con il primo prodotto ho avuto un problema il primo giorno di lavaggio, nel senso che dopo poco più di 1 ora l'acqua pari in peso era evaporata tutta e non ho quindi dovuto filtrare niente.
La parte solida rimasta è di un bel bianco, non odora di olio usato, tende a compattarsi in piccoli grumi farinosi che se sbriciolati ungono le dita.
Domanda: ho sbagliato qualcosa oppure ha senso continuare coi lavaggi ?

Il secondo prodotto di lavorazione ha avuto uno scarto minimo e si presenta come una pappetta biancastra ben solidificata dopo la prima notte.
Adesso sto facendo il primo lavaggio...è sul fuoco da 2 ore e mezzo ed è ancora abbastanza liquido. non è presente quindi l'evaporazione del primo caso.

Vi tengo aggiornati e appena posso metto delle foto !

Grazie a tutti per le preziosissime informazioni :)

Rispondi