Green Graffiti

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Green Graffiti

Messaggioda lux » mer apr 15, 2009 7:03 pm

Anche l'arte continua a muoversi sempre più verso la salute ed il rispetto dell'ambiente.
Si continua a sperimentare e cercare nuove soluzioni tra i sempre più numerosi mezzi espressivi di questo secolo.
Siamo abituati a vedere le opere d'arte chiuse nei musei, coperte da una fitta rete invisibile di allarmi antifurto...vietato toccare, vietato sostare a lungo e vietato fotografare.. Ma è un bene che ci sia tutto questo, altrimenti le opere del passato non sarebbero di certo giunte a noi.
I tempi però cambiano, con i cellulari e le TV tuch-screen tutto è stato rivoluzionato e le nostre abitudini sono cambiate radicalmente..Sentiamo sempre più la necessita di toccare e palpare la consistenza di quello che abbiamo di fronte. Tutto deve essere immediato e accessibile con il semplice tocco di un dito.
Anche l'arte quindi non resta estranea a tutto questo.
L'Arte adesso deve essere toccata, vista e "vissuta". Non importa se ciò ne compromette l'aspetto iniziale e la sua "durata".
Un grande esempio di questi nuovi linguaggi espressivi sono sicuramente i Green Graffiti di Edina Tokodi, Anna Garforth e Eleanor Stevens. Opere d'Arte create con muschio e piccolissime erbe attaccate alla parete. In questo modo le opere hanno una nuova consistenza, lasciano immaginare e sognare di tornare bambini, quando si giocava al parco e si cadeva su un letto di muschio...un mondo di sogni, ricordi e nuove sensazioni per rendere il visitatore non solo spettatore, ma anche partecipe dell'opera e del messaggio che vuole essere consegnato.

Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Fonti:
http://www.terranauta.it/a926/cultura_e ... ogica.html
http://www.mosstika.com/news/moss_stencil_dumbo/
http://www.crosshatchling.co.uk/
Avatar utente
lux
 
Messaggi: 153
Iscritto il: dom lug 20, 2008 11:48 pm
Località: Napoli

Torna a Archivio forum

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 13 ospiti