Case in legno-paglia-terra cruda-calce e VMC

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

Rispondi
yatahaze
Messaggi: 51
Iscritto il: sab giu 16, 2012 9:04 pm
Controllo antispam: cinque

Case in legno-paglia-terra cruda-calce e VMC

Messaggio da yatahaze » lun dic 17, 2018 9:16 am

che ne pensate dell'utilizzo di una VMC in una casa in legno-paglia e intonaci di terra cruda e calce?
normalmente non vengono montati ma secondo me, male non ci farebbero, e si eviterebbe di dover aprire le finestre in estate con conseguente ingresso del caldo
(una volta entrato il caldo, difficile farlo uscire)
o sbaglio?

Paolo Boni
Messaggi: 3472
Iscritto il: gio ott 29, 2009 6:15 pm
Controllo antispam: diciotto
Località: Carpenedolo (BS)
Contatta:

Re: Case in legno-paglia-terra cruda-calce e VMC

Messaggio da Paolo Boni » lun dic 17, 2018 12:26 pm

yatahaze ha scritto:che ne pensate dell'utilizzo di una VMC in una casa in legno-paglia e intonaci di terra cruda e calce?
normalmente non vengono montati ma secondo me, male non ci farebbero, e si eviterebbe di dover aprire le finestre in estate con conseguente ingresso del caldo
(una volta entrato il caldo, difficile farlo uscire)
o sbaglio?
Sono due sistemi tra loro autonomi.
La casa funziona per conto suo e l'impianto di VMC anch'esso ha una sua autonomia che esula dall'utilizzo della paglia-argilla-calce.
Ad oggi un buon sistema di VMC funziona bene, come sempre se progettato bene da vantaggi e se progettato male peggiora un equilibrio già precario.
La VMC non è ne buona e ne cattiva, dipende sempre da come la si organizza.
Principi fondamentali sono tubature cortissime, distribuzioni lineari e buon bilanciamento in mandata e estrazione sia all'esterno che alle varie bocchette. Se progettate così l'equilibio interno non ne risente, se sbagli puoi seccare troppo l'aria.
I materiali di finitura calce o (meglio ancora) Argilla non influiscono sul comportamento della Vmc. Unica attenzione è che se diventa il sistema climatizzante della casa (vedi aggregato compatto) allora gli equilibri di temperatura fanno tutto e diVentano FONDAMENTALI.

Come ti dicevo occhio che l'aggregato compatto ha bisogno del famoso dato molto difficile da ottenere in un abitazione e cioè una potenza max non superiore a 10 W/mq da poter dare all'aria per genstire molto bene gli equilibri.

E ti assicuro che sono Ca... da ottenere. Mediamente con il sono isolante balletta di paglia fatichi ad ottenerli.
Se salta quel dato lascia perdere l'aggregato compatto ma passa ad altri sistemi.
Paolo

yatahaze
Messaggi: 51
Iscritto il: sab giu 16, 2012 9:04 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Case in legno-paglia-terra cruda-calce e VMC

Messaggio da yatahaze » lun dic 17, 2018 5:12 pm

grazie Paolo,
mi fa piacere che uno del mestiere supporti la mia idea....di solito la gente che compra case in paglia sono asceti che non vogliono impianti di climatizzazione, mettono poi magari il solare termico (assurdo davvero), una stufetta, e basta.
ma la VMC secondo me ci vuole, anche solo per filtrare l'inquinamento esterno.
Ho sentito dire da un tecnico che sulla parete interna ci andrebbe messo un freno vapore (casa paglia + VMC), ma a me sembra una boiata pazzesca.

Sul discorso di prestazioni, ho visto numerosi esempi in cui si sono raggiunte prestazioni di casa passiva, con una parete sui 43-35 cm di cui qualche bel cm di argilla e calce all'esterno.
facendo le cose per bene vorrei arrivare a non superare i 10w/mq come fabbisogno energetico.
L'aggregato compatto che avevo visto della Brofer ha una potenza di 4,45 kW....tutti gli altri aggregati in commercio arrivano massimo a 1,5 (clivet elfopack). E si sfrutta tutta una sola canalizzazione. 200 litri di accumulo x ACS.

Paolo Boni
Messaggi: 3472
Iscritto il: gio ott 29, 2009 6:15 pm
Controllo antispam: diciotto
Località: Carpenedolo (BS)
Contatta:

Re: Case in legno-paglia-terra cruda-calce e VMC

Messaggio da Paolo Boni » lun dic 17, 2018 5:34 pm

Fai confusione tra potenza di picco 10W/mq e fabbisogno energetico annuo.
Sono due cose diverse.
I 10 w/mq è molto difficile raggiungerli e sono quelli che ti permettono di utilizzare l'aria di mandata per riscaldare e per raffrescare.
P

yatahaze
Messaggi: 51
Iscritto il: sab giu 16, 2012 9:04 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Case in legno-paglia-terra cruda-calce e VMC

Messaggio da yatahaze » lun dic 17, 2018 6:45 pm

Non mi è chiaro cosa intendi perché la potenza di picco lega le caratteristiche della macchina alle dissipazioni di un non precisato involucro.

Paolo Boni
Messaggi: 3472
Iscritto il: gio ott 29, 2009 6:15 pm
Controllo antispam: diciotto
Località: Carpenedolo (BS)
Contatta:

Re: Case in legno-paglia-terra cruda-calce e VMC

Messaggio da Paolo Boni » mar dic 18, 2018 12:21 pm

Vedo di spiegarmi.
Il fabbisogno influisce in parte sulla potenza massima necessaria relativa alle giornate di picco, freddo o caldo.
Per far si che l'aria che utiluzzi per riscaldamento e raffrescamento mantenga un equilibrio legato all'umidità e, soprattutto al surriscaldamento delle polveri (aria troppo calda fatta girare atteaverso le mandate della macchina), la temperatura di questa non deve superare alcuni parametri (= non deve essere troppo calda).
Per evitre che questo accada esite questo parametro di fisica dei 10W/mq che assicura all'aria di poter riscaldare e raffrescare senza peggiorare il benessere.
Per questo parametro influiscono, oltre all'involucro anche tutti gli altri parametri dell'impianto (lunghezza tubi, quantità di plenum distributivi, loro isolamenti, corretta tratura delle bocchette,ecc), inoltre anche tutti gli apporti gratuiti interni ( quante persone, stile di vita, cucina, elettrodomestici, docce,ecc).
Per questo pensare di utilizzare il vettore aria per la climatizzazione invernale ed estiva diventa delicato e se sbagli poi te ne accorgi subito.
Paolo

Rispondi