Massetto radiante

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

Massetto radiante

Messaggioda ricpas » lun ago 13, 2018 2:41 pm

Ciao a tutti, sono in fase di progettazione dell'impianto di riscaldamento e vorrei chiedere qualche consiglio.
Spiego brevemente la situazione:
Casa in xlam con fabbisogno termico da legge 10 di 45kwh/mq (a mio avviso sovrastimato di un buon 30%);
Radiante a pavimento, preferito all'impianto ad aria nonostante il maggiore impatto economico, per motivi di comfort;
Ampie vetrate con corretto orientamento e frangisole per la gestione degli apporti solari;

La necessità di base, se ho capito bene la teoria, è quella di ridurre al minimo l'inerzia delle superfici che emettono energia e aumentare quella delle superfici che la ricevono, in altre parole ridurre il massetto e aumentare la massa interna delle pareti perimetrali.

Ora in particolare si sta ragionando sul massetto, e vorrei chiedere a voi del forum se (senza andare nei sistemi a secco) si riescono effettivamente a ottenere risultati apprezzabili in termini di velocità di risposta con un sistema a pannello liscio alluminato più massetto fibrorinforzato ad alta conducibilità a base anidrite, additivato con lattice e rete antiritiro per consentire una posa a spessore minimo (2/3cm sopra tubo) ... o se sono solo trovate commerciali (leggasi pippe mentali)

Grazie
ricpas
 
Messaggi: 5
Iscritto il: mar ago 07, 2018 7:41 am
Controllo antispam: diciotto

Re: Massetto radiante

Messaggioda Paolo Boni » lun ago 13, 2018 10:35 pm

Sotto il massetto di anidrite che c'è...
L'anidrite ha bisogno di sottofondi rigidi altrimenti non tiene.
Quindi che avete previsto sotto?
Paolo Boni
 
Messaggi: 3429
Iscritto il: gio ott 29, 2009 6:15 pm
Località: Carpenedolo (BS)
Controllo antispam: diciotto

Re: Massetto radiante

Messaggioda Paolo Boni » mar ago 14, 2018 8:00 am

ricpas ha scritto:Casa in xlam con fabbisogno termico da legge 10 di 45kwh/mq (a mio avviso sovrastimato di un buon 30%);
Grazie


Non per fare il guastafeste ma non penso proprio sia come dici tu.
Mediamente da legge 10 e da effettiva realtà i peggioramenti ci sono sempre ed anche tanti.
Incidono tutti gli sviluppi dei ponti termici e le effettive tenute all'aria. Inoltre anche gli apporti e le schermature incidono se non correttamente calcolate e i programmi da legge 10 non sono molto sofisticati come può essere il programma del Passivhaus PHPP.
Morale di quanto voglio dire è che fossi in te andrei su di un tradizionale massetto perchè 1 cm in più di caldana non incide poi così tanto sul'inerzia del sistema e sulla risposta dell'intero fabbricato.
Paolo
Paolo Boni
 
Messaggi: 3429
Iscritto il: gio ott 29, 2009 6:15 pm
Località: Carpenedolo (BS)
Controllo antispam: diciotto

Re: Massetto radiante

Messaggioda tmx64 » mar ago 14, 2018 11:11 am

Ciao Ricpas
ricpas ha scritto:... o se sono solo trovate commerciali (leggasi pippe mentali)...

A mio modesto avviso, sì!
Magari poi il tuo riscaldamento a pavimento non lo accenderai praticamente mai (com'è successo ad alcuni nostri clienti).

Pur essendo un tecnico ritengo che ormai si ecceda spesso nel rincorrere dei valori puramente teorici e inutili.
Sfasamenti di 14-16-24(!!) ore, permeabilità stratosferiche, trasmittanze di 0,11, ...mah...
Che la mia casa abbia consumi di 1, 2 o 3 litri al mq/anno non è che la mia vita (o quella degli altri) cambi di molto.

Se sono preoccupato dell'effetto serra, allora farò un viaggio di vacanza in aereo in meno (non vado in vacanza in paesi esotici) o mangerò meno carne del solito (il "costo ambientale" della carne è molto elevato)

ciao
thomas
Avatar utente
tmx64
 
Messaggi: 2259
Iscritto il: gio lug 02, 2009 3:25 pm
Località: Milano
Controllo antispam: diciotto

Re: Massetto radiante

Messaggioda ricpas » lun ago 20, 2018 8:57 am

Thomas, spero effettivamente che sia come dici riguardo alla scarsa necessità di accendere l'impianto, e in effetti la mia idea è che sia proprio questo basso fabbisogno a poter creare problemi se gli apporti non sono gestiti correttamente.

Il mio obiettivo non è (soltanto) quello di contenere i consumi, ma anche e soprattutto quello di ottenere un sistema che mi offfra il giusto livello di comfort. In particolare vorrei tempi di risposta veloci per poter essere in grado di gestire le situazioni di surriscaldamento (vedi cena con amici, giornata invernale di sole, lasagne in forno, ecc).

Paolo, poggerebbe su pannelli xps 300Kpa al piano terra e direttamente sull'alleggerito al primo piano, dove non è ancora deciso se metteremo uno strato anticalpestio visto che non abbiamo prescrizioni per l'acustica, ma so che in caso positivo dovremo aumentare il massetto in proporzione. L'idea cmq è più o meno questa:

Controterra
- 6cm XPS
- 10-12cm alleggerito
- 4cm XPS
- telo freno vapore
- 2cm pannello radiante
- massetto 2-3cm sopra tubo (circa 4-5cm totale) armato con rete

Interpiano (travi e assito)
- telo impermeabile traspirante
- 10-12cm alleggerito
- telo freno vapore
- 2cm pannello radiante
- massetto 2-3cm sopra tubo (circa 4-5cm totale) armato con rete

Dal punto di vista meccanico penso possa funzionare, ma se necessario 1 cm in più di "sicurezza" non guasterà.
Quello che probabilmente può fare la differenza al di là dello spessore credo possa essere la conducibilità, cosa ne pensate?
ricpas
 
Messaggi: 5
Iscritto il: mar ago 07, 2018 7:41 am
Controllo antispam: diciotto

Re: Massetto radiante

Messaggioda Paolo Boni » lun ago 20, 2018 9:52 am

Per la tenuta del massetto chiedi consulenza a chi la posa perché so che su questo punto sono molto esigenti.
Per il resto io andrei con un normalissimo riscaldamento a pavimento. Come ti dicevo non trovo nulla di speciale nelle prestazioni della casa e quindi il minor costo è quello di un tradizionale massetto.
Paolo Boni
 
Messaggi: 3429
Iscritto il: gio ott 29, 2009 6:15 pm
Località: Carpenedolo (BS)
Controllo antispam: diciotto

Re: Massetto radiante

Messaggioda zorzy » gio ago 23, 2018 9:36 am

tmx64 ha scritto:Che la mia casa abbia consumi di 1, 2 o 3 litri al mq/anno non è che la mia vita (o quella degli altri) cambi di molto.


ed invece la produzione di CO2 ed il vincolo della riduzione % nei prossimi anni è un bel problema sia di salute che di milioni di euro annui in multe da pagare all'Europa.
zorzy
 
Messaggi: 2
Iscritto il: ven dic 02, 2016 4:05 pm
Controllo antispam: diciotto


Torna a Bioedilizia - Bioarchitettura

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti