Aggancio a terra

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

Re: Aggancio a terra

Messaggioda IngMR » mar lug 17, 2018 4:51 pm

tmx64 ha scritto:Ciao Ing
IngMR ha scritto:ciao, no intendevo chiedere come la pensa il vostro ing del distacco strutturale creato proprio dalla striscia di vetro cellulare posato sotto la parete in legno. di fatto è un distacco di alcuni centimetri che in caso di sisma è da considerare come un vuoto

Dici?!? Perché lo consideri come vuoto?
Il vetro cellulare mi può lavorare sui carichi verticali....tipo come se fosse il classico listone di partenza. Il taglio del sisma lo faccio passare dalle squadrette.

ciao
thomas


perchè ha dei valori di resistenza alla compressione e basta. Per poter partecipare all'analisi strutturale deve essere un materiale adatto a funzioni strutturali, certificato alle funzioni strutturali e collegato agli altri elementi attraverso connessioni strutturali studiate. La scheda tecnica riporta SOLO per un prodotto (a meno di sviste ho notato alcune note per il prodotto perinsul) SOLO specifiche discutibili. Di fatto, per com'è descritto, per me strutturalmente è un finto vuoto che crea un distacco tra la base della parete e lo zero sismico (condizione non ottimale per viti, spinotti ecc). Mi piacerebbe un confronto su questo!
IngMR
 
Messaggi: 585
Iscritto il: mer dic 05, 2012 10:27 am
Controllo antispam: cinque

Re: Aggancio a terra

Messaggioda tmx64 » mar lug 17, 2018 5:54 pm

Ciao Ing
IngMR ha scritto:... perchè ha dei valori di resistenza alla compressione e basta. ...!

Dai, su qualche pannello qualche dato in più ce l'hai
https://it.foamglas.com/-/media/files/p ... 170703.pdf
Avatar utente
tmx64
 
Messaggi: 2235
Iscritto il: gio lug 02, 2009 3:25 pm
Località: Milano
Controllo antispam: diciotto

Re: Aggancio a terra

Messaggioda IngMR » mer lug 18, 2018 7:21 am

ciao tmx! premessa, ma solo con me il sito funziona da schifo qui??

tornando a noi però non mi hai risposto! cosa ne pensa il tuo strutturista? come lo considera quello strato ai fini di calcolo? se lo considera e secondo me non lo fa.. Qui mi hai messo dei dati tecnici (discutibili) su uso strutturale, ma una certificazione ad uso strutturale? e nel caso, significa che studiate il fissaggio tra pannello ed elemento in legno, attraverso quali fissaggi, viti o graffe calcolate? qua stiam parlando di spessori fino a 100mm di distacco tra elemento verticale e piano orizzontale. In caso di sisma non è sottovalutabile, secondo me. Fosse parte integrante alla struttura, potrei utilizzarlo parzialmente nel fissaggio di holddown, titan, altro.. ti fideresti della loro tenuta?
IngMR
 
Messaggi: 585
Iscritto il: mer dic 05, 2012 10:27 am
Controllo antispam: cinque

Re: Aggancio a terra

Messaggioda Gio&Cri » mer lug 18, 2018 10:18 pm

Buona sera a tutti,secondo voi quale è il miglior modo di fissare la striscia di vetro cellulare al cordoletto di cemento? Per l'impermeabilizzazione esterna la guaina deve prendere in verticale il pannello di XLAM per cm30 per finire sul marciapiede?
Grazie Giorgio.
Gio&Cri
 
Messaggi: 82
Iscritto il: dom apr 15, 2012 9:01 am
Controllo antispam: cinque

Re: Aggancio a terra

Messaggioda tmx64 » gio lug 19, 2018 11:40 am

Ciao IngMR.
Io vedo il vetro cellulare che ha come unico scopo strutturale il supporto ai carichi verticali.
Tutto lo sforzo orizzontale (sisma e vento) lo faccio passare dagli agganci metallici.
Come schiacciamento direi che il vetro cellulare sia più che ok. Perché non ti convincono i valori che indicano? Perché dici che sono discutibili??
In fin dei conti i pannelli in vetro cellulare vengono utilizzati sotto fondazioni e platee in c.a.
Io pensavo comunque a spessori di vetro sui 5 cm.
Anche con uno zoccolo in cemento ho gli hold-down con un bel braccio tra aggancio al legno e tassello a terra.

IngMR ha scritto:.. e nel caso, significa che studiate il fissaggio tra pannello ed elemento in legno, attraverso quali fissaggi, viti o graffe calcolate? ..

Mi sono perso...cosa intendi? Intendi l'aggancio tra la parete in legno e il listone d'appoggio sempre in legno (il dormiente in legno)?

ciao
thomas
Avatar utente
tmx64
 
Messaggi: 2235
Iscritto il: gio lug 02, 2009 3:25 pm
Località: Milano
Controllo antispam: diciotto

Re: Aggancio a terra

Messaggioda tmx64 » gio lug 19, 2018 11:42 am

IngMR ha scritto:ciao tmx! premessa, ma solo con me il sito funziona da schifo qui??..

c'è sicuramente qualche problema tecnico che prima non c'era.
Ogni messaggio che posto mi da errore

ciao
thomas
Avatar utente
tmx64
 
Messaggi: 2235
Iscritto il: gio lug 02, 2009 3:25 pm
Località: Milano
Controllo antispam: diciotto

Re: Aggancio a terra

Messaggioda Gio&Cri » gio lug 19, 2018 12:40 pm

tmx64 ha scritto:
IngMR ha scritto:ciao tmx! premessa, ma solo con me il sito funziona da schifo qui??..

c'è sicuramente qualche problema tecnico che prima non c'era.
Ogni messaggio che posto mi da errore

ciao
thomas

Ciao,anche a me al messaggio che posto mi dice errore.
Comunque io sono intenzionato a fare la platea con rialzo perimetrale in cemento (dove appoggiano le pareti ) per un altezza di cm 10 per poi posizionare il vetro cellulare per cm5/6 l'unico dubbio e come fissare il vetro cellulare,magari incollarlo con colla specifica di solito voi come lo fissate?
Grazie e buona estate a tutti.
Gio&Cri
 
Messaggi: 82
Iscritto il: dom apr 15, 2012 9:01 am
Controllo antispam: cinque

Re: Aggancio a terra

Messaggioda IngMR » gio lug 19, 2018 1:24 pm

IngMR
 
Messaggi: 585
Iscritto il: mer dic 05, 2012 10:27 am
Controllo antispam: cinque

Re: Aggancio a terra

Messaggioda IngMR » gio lug 19, 2018 1:47 pm

tmx64 ha scritto:Ciao IngMR.
Io vedo il vetro cellulare che ha come unico scopo strutturale il supporto ai carichi verticali.
Tutto lo sforzo orizzontale (sisma e vento) lo faccio passare dagli agganci metallici.
Come schiacciamento direi che il vetro cellulare sia più che ok. Perché non ti convincono i valori che indicano? Perché dici che sono discutibili??
In fin dei conti i pannelli in vetro cellulare vengono utilizzati sotto fondazioni e platee in c.a.
Io pensavo comunque a spessori di vetro sui 5 cm.
Anche con uno zoccolo in cemento ho gli hold-down con un bel braccio tra aggancio al legno e tassello a terra.

IngMR ha scritto:.. e nel caso, significa che studiate il fissaggio tra pannello ed elemento in legno, attraverso quali fissaggi, viti o graffe calcolate? ..

Mi sono perso...cosa intendi? Intendi l'aggancio tra la parete in legno e il listone d'appoggio sempre in legno (il dormiente in legno)?

ciao
thomas



Ciao tmx come avrai capito su questi aspetti sono pignolo! Parto da un presupposto: o un elemento è adatto all'uso strutturale (e ha le sue certificazioni apposite) oppure non lo è. Parto dal punto di vista che non è il mio e considero questi pannelli adatti all'uso strutturale. Dovrei partire appunto dalla certificazione, che al mio incontro con l'azienda non era disponibile e sul sito io non la ho trovata; magari mi è sfuggita. Se è adatto all'uso in questione, dovrò studiare la corretta integrazione con gli altri elementi. Per questo ti chiedevo (volontariamente puntiglioso) se il tuo progettista ne tiene conto e se studia tipo, numero, ecc di viti (o cambrette, o graffe, o altro) che leghino il pannello con la base della parete. Intendevo l'aggancio tra pannello foamglas e base di legno. Ovviamente lo fissate con il solo scopo che non scappi via.

Tu hai citato giustamente 2 esempi per me da sempre critici: l'utilizzo in fondazione e il paragone, per spessore, con il cordolo in CA.

Per l'utilizzo sotto platea non comporta un distaccamento tra elementi sismoresistenti. Esiste comunque tutt'ora il dubbio della tenuta nel lungo periodo e in caso di sisma. Di sicuro è una soluzione migliore rispetto ai pannelli XPS, su questo non ci piove!
Per il cordolo invece il paragone non regge. Io, in caso di cordoli in CA, eseguo sempre cordoli armati e non firmo rialzi che non siano studiati e armati. Seguo le normative, per cui considero la presenza degli angolari, posizione dei tasselli, distanza dei tasselli dai bordi del cordolo, ecc. I 50mm di cui parli tu, che comunque possono arrivare anche al doppio, sono di fatto un pattino. Il pannello, così come rialzi in cemento non armato, penalizzano tanto i fissaggi a terra.
IngMR
 
Messaggi: 585
Iscritto il: mer dic 05, 2012 10:27 am
Controllo antispam: cinque

Re: Aggancio a terra

Messaggioda DixDix » gio lug 19, 2018 7:28 pm

Anche il mio strutture sta ha bocciato il vetro cellulare per attacco a terra, anche lui ha proposto gli stessi problemi di ing.
Sarebbe stato un ottimo isolamento ma non ha convinto per la questione statica.
DixDix
 
Messaggi: 24
Iscritto il: lun giu 01, 2015 7:29 am
Controllo antispam: diciotto

Re: Aggancio a terra

Messaggioda Cargo » ven lug 20, 2018 5:17 am

Ragazzi datemi un consiglio. La mia casa a telaio sarà interamente in abete lamellare, l aggancio è previsto su un cordolo rialzato con guaina. Le pareti non le hanno ancora costruite, consigliate di chiedere che il dormiente venga fatto in larice? Credo che pagando mi effettuerebbero la modifica. Ne vale la pena o lascio tutto come previsto?
Cargo
 
Messaggi: 84
Iscritto il: dom mar 18, 2018 6:39 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Aggancio a terra

Messaggioda IngMR » ven lug 20, 2018 7:29 am

com'è previsto intanto? oltre al fatto che ci sia un rialzo con guaina. La parte legno sarà completamente sopra la quota esterna di calpestio? com'è stato pensato globalmente quel dettaglio? magari ti preoccupi di un aspetto, che per come descritta non chiederei quell'aggiornamento, poi ce ne sono altri più importanti. Cosa dice il tuo tecnico, cosa ti ha proposto?

ps mio solito e poco piacevole, se il tecnico non ha proposto nulla, ne si è preoccupato, o rimanda tutto alla ditta costruttrice, ricordati di non pagargli una quota di parcella
IngMR
 
Messaggi: 585
Iscritto il: mer dic 05, 2012 10:27 am
Controllo antispam: cinque

Re: Aggancio a terra

Messaggioda Cargo » ven lug 20, 2018 7:47 am

Guarda ti dico quello che ho capito. La parte legno è tutta sopra la quota calpestio esterna. C'è un cordolo di 20x20 con guaina e contro guaina. Di più non so, fai conto che questi dettagli me li spiega solo quando chiedo (grazie alle vostre dritte).
Il cliente medio non va così nello specifico.
Io mi raffronto con il geometra (che ovviamente conosce la materia), lui si interfaccia con la falegnameria che produce.
Il dubbio sul larice mi é venuto leggendovi, ovviamente loro non lo riterranno necessario ma se lo volessi di certo farebbero tale modifica
Cargo
 
Messaggi: 84
Iscritto il: dom mar 18, 2018 6:39 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Aggancio a terra

Messaggioda Cargo » ven lug 20, 2018 7:48 am

Guarda ti dico quello che ho capito. La parte legno è tutta sopra la quota calpestio esterna. C'è un cordolo di 20x20 con guaina e contro guaina. Di più non so, fai conto che questi dettagli me li spiega solo quando chiedo (grazie alle vostre dritte).
Il cliente medio non va così nello specifico.
Io mi raffronto con il geometra (che ovviamente conosce la materia), lui si interfaccia con la falegnameria che produce.
Il dubbio sul larice mi é venuto leggendovi, ovviamente loro non lo riterranno necessario ma se lo volessi di certo farebbero tale modifica
Cargo
 
Messaggi: 84
Iscritto il: dom mar 18, 2018 6:39 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Aggancio a terra

Messaggioda tmx64 » ven lug 20, 2018 10:00 am

Ciao Ing
IngMR ha scritto:... o un elemento è adatto all'uso strutturale (e ha le sue certificazioni apposite) oppure non lo è. ..

Se ho capito bene, le tue perplessità riguardano principalmente la certificazione del materiale?!?
Se mettessi un neoprene di 20-30 mm sotto alla parete x te ci sarebbero le stesse perplessità?

ciao
TMX
Avatar utente
tmx64
 
Messaggi: 2235
Iscritto il: gio lug 02, 2009 3:25 pm
Località: Milano
Controllo antispam: diciotto

PrecedenteProssimo

Torna a Bioedilizia - Bioarchitettura

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti