Ancora sulla durata

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

Ancora sulla durata

Messaggioda Cargo » sab mag 12, 2018 11:18 am

Sono in procinto di chiudere il mio acquisto.
Ho letto molto, visitato cantieri, parlato con possessori, spulciato forum.
Paradossalmente l'argomento più importante in merito alla bio edilizia è quello che ho trovato meno chiaro.
Al di la delle pagode giapponesi o delle block haus montane o dei pali di Venezia (esempi per me fuorvianti), quanti anni vi aspettate che duri una casa in legno?
Lamellare di pino, mdf, truciolare, non sono materiali troppo morbidi?
Al di la della perfetta posa, lana di roccia, guaine impermeabili e nastrature, non parliamo di elementi dalla durata esigua? Squadrette avviate quanto possono reggere?
Non vi nego che quando mi sono avvicinato a questo mondo mi aspettavo di trovare strutture più solide, invece ho perplessità (specie ora che conosco di cosa stiam parlando).
Che durata nel tempo vi aspettate?
Come superare questo scoglio psicologico?
Cargo
 
Messaggi: 74
Iscritto il: dom mar 18, 2018 6:39 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Ancora sulla durata

Messaggioda DixDix » sab mag 12, 2018 2:27 pm

Ciao, mi spiace ma non capisco quali cantieri e aziende tu abbia visitato.
Lamellare di pino, mdf e truciolare non li ho mai visti usare per costruire case in legno.
Probabilmente ti hanno parlato di mobili.
Lo scoglio psicologico lo superi informandomi bene, le costruzioni in legno esistono anche in altri stati e da molti anni.
Altrimenti puoi valutare altro di più solido per te, la bioedilizia non è solo legno.
Un bravo progettista può chiarire molti tuoi dubbi.
Un saluto
DixDix
 
Messaggi: 23
Iscritto il: lun giu 01, 2015 7:29 am
Controllo antispam: diciotto

Re: Ancora sulla durata

Messaggioda Cargo » sab mag 12, 2018 4:32 pm

Mi correggo... Lamellare abete, mdf idrorepellente confermo, no truciolare ma pannelli osb.
Detto ciò son conscio che queste strutture non possono durare come il calcestruzzo (la mia casa natale ha 40 anni senza mostrar problemi), però è davvero difficile trovare esempi di longevità, al di la dei soliti esempi poco calzanti.
Cargo
 
Messaggi: 74
Iscritto il: dom mar 18, 2018 6:39 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Ancora sulla durata

Messaggioda tmx64 » dom mag 13, 2018 5:12 pm

Ciao Cargo
Cargo ha scritto:... quanti anni vi aspettate che duri una casa in legno?..

:D Spero che, con adeguata e corretta manutenzione, durino per mooolto moooolto tempo!
Scherzi a parte, qualsiasi tipologia costruttiva, se applicata in maniera corretta, non ha una data di scadenza
Cargo ha scritto: Lamellare di pino, mdf, truciolare, non sono materiali troppo morbidi?... Squadrette avviate quanto possono reggere?
Non vi nego che quando mi sono avvicinato a questo mondo mi aspettavo di trovare strutture più solide...

Quelle squadrette fanno in modo che una casa in legno non ti cada in testa durante un sisma mentre la casa del vicino, fatta in mattoni molti anni fa, magari è già un ammasso di macerie.
Cargo ha scritto:.. Come superare questo scoglio psicologico?

Difficile aiutarti. Ma perché non ti fai allora una casa in tradizionale? Anche in mattone e/o cemento posso uscire delle case ottime.

Hai mai toccato veramente con mano i materiali di cui stiamo parlando?
Esempio: un travetto di copertura può avere una sezione minima di 10,0 cm x 16,0 cm. Prova ad alzarne un lungo 5 metri e ti puoi rendere conto che il "travetto", se ti finisce addosso, sono cazzz!!
Oppure una vite lunga 30-40 cm....hai voglia tranciarla...

ciao
thomas
Avatar utente
tmx64
 
Messaggi: 2182
Iscritto il: gio lug 02, 2009 3:25 pm
Località: Milano
Controllo antispam: diciotto

Re: Ancora sulla durata

Messaggioda Cargo » lun mag 14, 2018 11:26 am

Mi ero informato sul legno per la mia ristrutturazione, ora dietro casa fanno villette nuove in bioedilizia, l occasione è questa!
Sono sempre più in procinto.
Mi chiedevo, chissà quali opere di manutenzione bisognerà fare a una casa in bio, tipo fra 50 anni? Si potrà sostitire qualche parte che ha preso umidità?
Si potrà "aprire il muro" per costatare l integrità del legno?
Si potrà pensar di sostitir la lana di roccia senza abbattere e ricostruire?
Insomma, voi che siete tecnici, avete un idea in cosa possa consistere una manutenzione molto lontana o nessuno si è posto il problema?
Cargo
 
Messaggi: 74
Iscritto il: dom mar 18, 2018 6:39 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Ancora sulla durata

Messaggioda tmx64 » lun mag 14, 2018 3:04 pm

Ciao Cargo.
In linea di larga massima, direi che la manutenzione come la intendi tu è fattibile...

Però è come chiedersi se fra 50 anni potrò verificare se i mattoni della mia casa saranno ancora a posto e se potrò sostituire quelli ammalorati.
Se si potranno sostituire le travi in cemento crepate....o scavare nel pilastro in cemento x vedere come sono messi i ferri d'armatura...

Comunque, se hai queste grosse perplessità fondamentali di base, ti consiglio di farti una casa in tradizionale.
Una normalissima casa in mattoni. Mica è obbligatorio farsela in legno.

ciao
thomas
Avatar utente
tmx64
 
Messaggi: 2182
Iscritto il: gio lug 02, 2009 3:25 pm
Località: Milano
Controllo antispam: diciotto

Re: Ancora sulla durata

Messaggioda Nicola0768 » ven mag 18, 2018 4:25 pm

Cargo , qui ci sono argomentazioni interessanti.
E' una tesi di 185 pagine sul WEB ... vedi un po' ...

http://tesi.cab.unipd.it/22271/1/antoni ... a_tesi.pdf
Nicola0768
 
Messaggi: 45
Iscritto il: mar lug 12, 2016 1:56 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Ancora sulla durata

Messaggioda Cargo » dom mag 20, 2018 2:22 pm

Ho letto quello ed altro.
La morale è che i moderni sistemi di costruzione in legno hanno molte variabili che vanno a determinare la loro durata.
Hon letto uno studio americano sul sistema a telaio, che evidenzia problematiche in edifici degli anni 80 in usa (googolando "wood house durability").
Le più gravi sono dovute alle nastrature che cedono, e all OSB che si sgretola. Tutt'ora sono stupito dall'utilizzo di questo materiale che ritengo veramente friabile e poco duraturo.
Si releva poi la scarsa durabilità dell'abete rosso, e il fatto che il legno lamellare possa comunque essere soggetto all attacco di insetti.
Credo che il sistema telaio moderno possa mantenersi bene finché tutte le componenti saranno integre, e se la qualità della posa è impeccabile.
Avvicinandomi a questo mondo credevo di trovare l utilizzo di legna più nobile, e di sistemi costruttivi più solidi e massicci.
In settimana credo di portare a termine il mio acquisto di casa a telaio, ma non posso dirmi pienamente soddisfatto della mia analisi sulla durabilità (spero in cuor mio che si arrivi almeno a 50 ANNI).
Cargo
 
Messaggi: 74
Iscritto il: dom mar 18, 2018 6:39 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Ancora sulla durata

Messaggioda tmx64 » dom mag 20, 2018 5:51 pm

Ciao Cargo
Correggerei così la tua frase:
"La morale è che i sistemi di costruzione hanno molte variabili che vanno a determinare la loro durata"
Tolgo "moderni" e tolgo "legno".
Cargo ha scritto:... Hon letto uno studio americano sul sistema a telaio, che evidenzia problematiche in edifici degli anni 80 in usa (googolando "wood house durability").
Le più gravi sono dovute alle nastrature che cedono, e all OSB che si sgretola. Tutt'ora sono stupito dall'utilizzo di questo materiale che ritengo veramente friabile e poco duraturo...

Lascia stare gli americani e i loro sistemi di costruzione in legno!! Le loro case è già tanto che stiano in piedi!!
Cargo ha scritto:... Si releva poi la scarsa durabilità dell'abete rosso, e il fatto che il legno lamellare possa comunque essere soggetto all attacco di insetti.
...Avvicinandomi a questo mondo credevo di trovare l utilizzo di legna più nobile, e di sistemi costruttivi più solidi e massicci...

Mah...secondo me dovresti sceglierti una casa in tradizionale.

Toglimi una curiosità: ma perché con tutti i dubbi e perplessità che hai vuoi comprarti una casa in legno? Quali sono i motivi x cui scegli una casa a telaio e non una casa in tradizionale?

ciao
thomas
Avatar utente
tmx64
 
Messaggi: 2182
Iscritto il: gio lug 02, 2009 3:25 pm
Località: Milano
Controllo antispam: diciotto

Re: Ancora sulla durata

Messaggioda Cargo » dom mag 20, 2018 6:24 pm

Ciao Thomas, intanto ti ringrazio perché è sempre utile discutere con chi ne sa più di me.
Perché casa in legno? L'idea mi è sempre piaciuta, si da poi il caso che nella zona in cui cerco casa costruiscono ville a telaio.
Da li ho approfondito l argomento case in legno, forse troppo... A volte bisogna scegliere e non farsi mille domande.
Resta il fascino per questo genere di strutture, e la comodità di averla (la villa) a portata di mano
Cargo
 
Messaggi: 74
Iscritto il: dom mar 18, 2018 6:39 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Ancora sulla durata

Messaggioda Kappa2 » ven mag 25, 2018 1:57 pm

È plausibile stimare in almeno 50 anni la durata di un edificio in legno ben costruito?
Kappa2
 
Messaggi: 4
Iscritto il: ven mag 25, 2018 1:50 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Ancora sulla durata

Messaggioda Cargo » sab mag 26, 2018 1:35 pm

Kappa2 la questione è piuttosto controversa. Essendo in procinto di acquisto, ho parlato con molti possessori in questo periodo. A domanda sulla durata ho ricevuto sempre risposte elusive o poco chiare. Mi pare quasi una professione di fede. Mi ha colpito il possessore di una villa da 450000€ che mi ha risposto "oggi va bene, fra 10 anni non lo so".
Tornando alla tua domanda, io credo che 50 anni sia il minimo immaginabile, se così non fosse saremmo di fronte al più grande errore edilizio della storia contemporanea.
Cargo
 
Messaggi: 74
Iscritto il: dom mar 18, 2018 6:39 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Ancora sulla durata

Messaggioda tmx64 » lun mag 28, 2018 10:24 am

Ciao Kappa
Kappa2 ha scritto:È plausibile stimare in almeno 50 anni la durata di un edificio in legno ben costruito?

Sì, se è stata fatta bene
No, se è stata fatta alla czzz
Forse, se non so come è stata fatta!
:D

La prima risposta sarebbe quella più corretta ma come x tutte le cose, case in tradizionale incluso, dipende da come è stata fatta.
La durata di una casa non dipende dal materiale utilizzato ma da come è stato utilizzato, progettato e montato.
Premesso naturalmente che ci sia sempre una corretta manutenzione continuativa della casa.

Ci sono case fatte in tradizionale (muratura) che hanno gravi problemi già dopo pochi anni.


ciao
thomas
Avatar utente
tmx64
 
Messaggi: 2182
Iscritto il: gio lug 02, 2009 3:25 pm
Località: Milano
Controllo antispam: diciotto

Re: Ancora sulla durata

Messaggioda Cargo » lun mag 28, 2018 12:16 pm

Che poi 50 anni sono nulla. Io sono cresciuto in una casa di edilizia popolare, e dopo 50 anni a parte un filo di muffa nell angolo più a nord della casa tutto è in ordine. Ovvio, se uno entra oggi deve fare un po di lavori, ma la struttura è semi nuova.
Cargo
 
Messaggi: 74
Iscritto il: dom mar 18, 2018 6:39 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Ancora sulla durata

Messaggioda IngMR » lun mag 28, 2018 12:32 pm

Cargo ha scritto:Che poi 50 anni sono nulla. Io sono cresciuto in una casa di edilizia popolare, e dopo 50 anni a parte un filo di muffa nell angolo più a nord della casa tutto è in ordine. Ovvio, se uno entra oggi deve fare un po di lavori, ma la struttura è semi nuova.


perchè alcune case popolari, per l'epoca, erano realizzate piuttosto bene. In alcune città, negli anni 80, hanno fatto una sorta di vendita/riscatto a prezzi veramente validi.. infatti che le aveva acquistate aveva fatto un affare.

Comunque i 50 anni valgono per ogni sistema costruttivo, se realizzate bene e se fatta la corretta manutenzione. Non si pensi di passar 50 anni senza mettere minimamente mano alla casa, perchè alcuni ritocchi o interventi andranno fatti
IngMR
 
Messaggi: 557
Iscritto il: mer dic 05, 2012 10:27 am
Controllo antispam: cinque

Prossimo

Torna a Bioedilizia - Bioarchitettura

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti