Ristrutturazione in legno

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

Re: Ristrutturazione in legno

Messaggioda Cargo » lun mag 14, 2018 1:30 pm

Rilancio questa domanda e aggiungo un ulteriore dubbio:


Mi ha parlato poi della platea, sormontata da un cordolo di 25 cm di altezza dove poggiano le pareti, isolato con una guaina impermeabile.
La parete dall esterno è composta da intonaco (su una retina) eps da 8 cm, pannello in mdf idrorepellente, telaio in lamellare con lana di roccia, impianti e dpppio carton gesso (oppure lastra singola ma più spessa).
Possibilità di mettere una specie di lana bianca nella sezione di parete che contiene gli impianti, per aumentare ulteriormente coibentazione e isolamento dai rumori (6/700 euro per tutto ol perimetro).
Che ne dite? In generale e di quell'isolante in aggiunta.


Pareti interne non portanti: sono previste in cartongesso con una lastra di cartongesso per lato da 18mm. E' corretto?
Quindi solo semplice cartongesso?

Aiutatemi che presto ho un imcontro col tecnico, grazie!
Cargo
 
Messaggi: 60
Iscritto il: dom mar 18, 2018 6:39 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Ristrutturazione in legno

Messaggioda tmx64 » lun mag 14, 2018 2:34 pm

Ciao Carrgo
Cargo ha scritto:... Mi ha parlato poi della platea, sormontata da un cordolo di 25 cm di altezza dove poggiano le pareti, isolato con una guaina impermeabile..

Bisogna vedere il dettaglio complessivo dell'aggancio a terra. Il cordolo potrebbe essere ok ma quello che conta è tutto il dettaglio completo dell'appoggio.
Cargo ha scritto:..La parete dall esterno è composta da intonaco (su una retina) eps da 8 cm, pannello in mdf idrorepellente, telaio in lamellare con lana di roccia, impianti e dpppio carton gesso (oppure lastra singola ma più spessa).
Possibilità di mettere una specie di lana bianca nella sezione di parete che contiene gli impianti, per aumentare ulteriormente coibentazione e isolamento dai rumori ...

Il cappotto in EPS non è il massimo. Sarebbe meglio almeno una lana di roccia.
Verso l'interno, dopo il telaio in lamellare, non c'è un ulteriore OSB?
Coibenta sicuramente anche la controparete impianti. Mi rimane il dubbio su cosa sia una "lana bianca"!!!
Cargo ha scritto:... Pareti interne non portanti: sono previste in cartongesso con una lastra di cartongesso per lato da 18mm. E' corretto?
Quindi solo semplice cartongesso?

Potrebbe essere ok. Metti anche della coibentazione all'interno della parete.
A pagina 11 trovi qualche dato sulla portata delle lastre
http://www.knauf.it/FAD.KNAUF.IT/downlo ... %20W61.pdf

ciao
thomas
Avatar utente
tmx64
 
Messaggi: 2147
Iscritto il: gio lug 02, 2009 3:25 pm
Località: Milano
Controllo antispam: diciotto

Re: Ristrutturazione in legno

Messaggioda Cargo » lun mag 14, 2018 3:51 pm

Grazie tmx per l'aiuto.
Si c'è una lastra OSB prima degli impianti, e per quanto riguarda la "lana bianca" nella sezione degli impianti prima del cartongesso di chiusura ti dirò di cosa si tratta.
Il cartongesso ha all'interno 7 cm di lana di roccia.
Chiederò ulteriori dati sull'attacco a terra, e sulla platea (non so come la fanno).
Cargo
 
Messaggi: 60
Iscritto il: dom mar 18, 2018 6:39 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Ristrutturazione in legno

Messaggioda IngMR » mer mag 16, 2018 10:54 am

lodo ha scritto:
IngMR ha scritto:le pareti cassero da riempire in cantiere sono una delle peggiori cose mai partorite nel mondo dell'edilizia.
Cargo, realizzando in laterizio con pacchetti e sistemi studiati si ottengono risultati validissimi. Non è un ripiego anche perchè il legno non è la sola soluzione valida.

Buonasera a tutti, pur non avendo mai postato prima è da un po' che vi seguo con estremo interesse.
Essendo in procinto di cominciare la costruzione di casa con la tecnologia dei casseri a perdere in eps, leggendo questo messaggio mi sono un po' spaventato. IngMR, potresti per favore spiegarmi le ragioni di questa tua affermazione?

Grazie mille, spero comunque di non essere andato troppo OT


Ciao, per prima cosa chiedi al tuo tecnico pregi e difetti del sistema. Se non li sa o risponde vagamente cambialo, perchè avrebbe dovuto sconsigliarteli (a mio parere). Parto con una premessa, immagino ti abbiano lodato i brevi tempi di realizzazione dell'opera. E come partenza è già sbagliata perchè questo è un sistema non a secco per cui avrebbe bisogno dei corretti tempi di asciugatura. Già nel mondo delle costruzioni a secco, le imprese (principalmente per questioni di pagamenti) tendono a ridurre le tempistiche di realizzazione ed è una cosa assolutamente sbagliata. I clienti, supportati dai tecnici, devono capire che esistono dei tempi corretti di posa e non sono i 4 / 5 mesi per avere la casa pronta. Nei sistemi non a secco, una delle cose principali sono i tempi e le condizioni di maturazione e asciugatura dei materiali a componente acquosa. Nel caso dei casseri in EPS non vengono rispettati ne i tempi (per le stesse motivazioni di prima) ne le condizioni, perchè il getto viene chiuso dai casseri che alla fine restano lì e non vengono smontati impedendo la corretta asciugatura e maturazione del tutto. In più c'è la possibilità che ti installino i serramenti il prima possibile creando un ulteriore tappo. Secondo motivo, tutti i punti critici (serramenti, balconi, ecc) hanno bisogno di una cura maniacale e un'attenzione di posa che difficilmente potrai trovare. Di questi punti, il tuo tecnico ti ha fornito TUTTI i disegni e dettagli esecutivi? Secondo me no. un terzo punto è la stratigrafia verso l'interno, dove spero abbiano almeno previsto in tutte le pareti il vano impianti. Ho ahime assistito anche alla fresatura della parte interna del cassero per far passare dei corrugati.. il vero problema è che ormai non mi sono stupito di tanta stupidità!! In sistemi così poi le armature in ferro non son nemmeno così piacevoli da legare tra loro.
Esistono sistemi tradizionali validissimi, che funzionano e danno valore al costruito, che non riesco a capire come si possa appoggiare la realizzazione di una parete piena composta da casseri a perdere e getto.. Nelle strutture umide i tempi più lunghi di realizzazione rispetto alle costruzioni in legno, sono un valore aggiunto.
IngMR
 
Messaggi: 539
Iscritto il: mer dic 05, 2012 10:27 am
Controllo antispam: cinque

Re: Ristrutturazione in legno

Messaggioda Cargo » mer mag 16, 2018 4:05 pm

È normale che la platea sia una base di soli 30 cm di cemento armato più cordolo da 25 cm dove poggiare la parete? Sotto ad essa ghiaia e magrone (?), nessuna ventilazione...
Cargo
 
Messaggi: 60
Iscritto il: dom mar 18, 2018 6:39 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Ristrutturazione in legno

Messaggioda tmx64 » ven mag 18, 2018 1:22 pm

Ciao CArgo
Cargo ha scritto:È normale che la platea sia una base di soli 30 cm di cemento armato più cordolo da 25 cm dove poggiare la parete? Sotto ad essa ghiaia e magrone (?), nessuna ventilazione...

Premesso che bisognerebbe conoscere le tue disposizioni comunali e regionali, è' possibile anche fare platee senza ventilazione sottostante.
Hanno vantaggi termici ed economici.
Devono essere fatte naturalmente con un certo criterio.

ciao
thomas
Avatar utente
tmx64
 
Messaggi: 2147
Iscritto il: gio lug 02, 2009 3:25 pm
Località: Milano
Controllo antispam: diciotto

Re: Ristrutturazione in legno

Messaggioda Cargo » ven mag 18, 2018 1:54 pm

Grazie thomas.
Da me è possibile farle.
Il tecnico mi dice che le preferisce perché capita che i vespai si riempiano d'acqua, di certo lo fa anche perché gli costa meno. La cosa che piace meno è che la casa resta a piano strada.

Approfitto ancora:
Vorrei mettere la doppia lastra di cartongesso ovunque anziché la singola, sarebbe un extracapitolato. Ne vale la pena?

E ancora sul blower door, a spese mie dice che si può fare, ma lui lo consiglia solo sulle case passive o quasi. Posso evitarlo o è tassativo?

Comunque sono ai dettagli, praticamente chiudo tutto in settimana.
Cargo
 
Messaggi: 60
Iscritto il: dom mar 18, 2018 6:39 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Ristrutturazione in legno

Messaggioda Cargo » mer mag 23, 2018 8:10 pm

Ho dettagliato ulteriormente.
130 mq commerciale (casa più portico), box da 2 posti, tutto su un livello, vmc, fotovoltaico 3kw, pdc, radiante pavimento, 550 mq il terreno (casa e box compresi), cinta a paletti e rete metallica, no cancelli.
Telaio, tetto lamiera coibentata (ventilato, con 22 cm lana legno), cappotto eps 8 cm, platea non ventilata.
300000 euro iva compresa (4%).
Visitato case finite e cantiere, azienda ertificata S.A.L.E. che ha sede proprio nel paese (artigiani tutti di zona).

Vi suona male qualcosa?
Cargo
 
Messaggi: 60
Iscritto il: dom mar 18, 2018 6:39 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Ristrutturazione in legno

Messaggioda Paolo Boni » mer mag 23, 2018 9:32 pm

Detto così non suona male nulla.
130 commerciale intendi comprensivi di box?
Di norma il commerciale comprende quote esterni e box.
Paolo Boni
 
Messaggi: 3355
Iscritto il: gio ott 29, 2009 6:15 pm
Località: Carpenedolo (BS)
Controllo antispam: diciotto

Re: Ristrutturazione in legno

Messaggioda Cargo » mer mag 23, 2018 9:56 pm

I box sono a parte, conteggiati come posto auto inizialmente, perché erano costituiti solo da una tettoia. Considerandoli sono 140 commerciali in tutto. Nei 300 c'è compresa una quota per fare le pareti alla tettoia.
Resterebbe fuori solo il costo per cancello carraio e cancelletto pedonale. Come cinta mi tengo i paletti per ora e metto una siepe.

Volevo chiedere la doppia lastra di cartongesso, anziché la singola per dare un po' più di sostanza specie alle pareti divisorie.

Se avete consigli ben vengano, domani devo rifinire il capitolato.
Cargo
 
Messaggi: 60
Iscritto il: dom mar 18, 2018 6:39 pm
Controllo antispam: Diciotto

Precedente

Torna a Bioedilizia - Bioarchitettura

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti