La casa prefabbricata

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

La casa prefabbricata

Messaggioda tmx64 » gio set 28, 2017 1:58 pm

...vista la calma piatta (se non piattissima!), mi butto in mie considerazione sul mondo delle case prefabbricate.
Giusto qualche spunto.

IERI: Fino a qualche anno fa, la casa prefabbricata era conosciuta da pochi e solo pochi se la potevano permettere, anche perchè il prezzo del tradizionale era veramente basso. Poche aziende di estrazione altoatesina / tedesca. Prezzi alti. Arroganza molta. Poche varianti o alternative.
Qualità alta in confronto all'edilizia tradizionale del tempo.

OGGI: Moltissime realtà nuove, locali. Molti improvvisati. Ormai (parlo delle mie zone / Lombardia ovest) non c'è più un leader del settore. Vedi dieci cantieri fatti da dieci società diverse. Sempre meno "chiavi in mano", sempre più budget stringati da rispettare. Le lavorazioni vengono sempre più spacchettate ed appaltate direttamente. Le Haus tradizionali spesso con prezzi sempre più alti e fuori di mercato. Si muovono le prime imprese per realizzare direttamente le case.

DOMANI: Le Haus tradizionali solo eventualmente x grandi appalti, altrimenti restano nelle loro zone / regioni tedesche. Il grosso del "chiavi in mano" passa ormai dalle imprese o da gestori di commessa locali.

ciao!!
tmx
Avatar utente
tmx64
 
Messaggi: 2230
Iscritto il: gio lug 02, 2009 3:25 pm
Località: Milano
Controllo antispam: diciotto

Re: La casa prefabbricata

Messaggioda IngMR » gio set 28, 2017 2:24 pm

per il domani secondo me ci sarà più interazione tra le grandi haus e le realtà locali per le gestioni dei "chiavi in mano". Nella speranza che torni la vecchia classe media che ampi maggiormente il mercato, vedo le piccole realtà che o si sviluppano per andar a fare seria concorrenza alle haus oppure resteranno in un mercato più limitato fatto di ampliamenti, piccole realizzazioni ecc. Gli improvvisati dovranno per forza e giustamente sparire - speriamo - con il minor danno possibile
IngMR
 
Messaggi: 585
Iscritto il: mer dic 05, 2012 10:27 am
Controllo antispam: cinque

Re: La casa prefabbricata

Messaggioda enzo23773 » mer ott 25, 2017 5:07 pm

Buonasera a tutti, volevo dire la mia sulle aziende della Lombardia.
Io e mia moglie ci siamo rivolti ad un'azienda di Salò (BS) la Costruire Bio, per comodità vi lascio il loro sito da poter consultare www.costruirebio.it
Devo dire che ci siamo trovati molto bene fin da subito e, con il titolare si è instaurato subito un rapporto confidenziale non rigido come potreste trovare in Austria, Germania, ecc...
Questa azienda fa solo il chiavi in mano, dal progetto alla consegna ed ha un capitolato che nessuno ci aveva offerto, se volte vederlo andate sul sito e scaricate i pdf.
Questa azienda è sempre stata nell'edilizia da generazioni, in sostanza il titolare era un muratore ed ora dirige l'azienda, diciamo che di case ne ha fatte molte e l'esperienza c'è l'ha sicuramente ma, perché ho voluto scrivere su questo forum, semplice perché si pensa che le brave aziende siano soltanto quelle Austriache, Tedesche o del Trentino, in realtà non è cosi, basta affidarsi ad aziende giuste e la qualità si trova anche nella nostra bella Lombardia.
Buonasera a tutti.
Enzo.
enzo23773
 
Messaggi: 1
Iscritto il: mer ott 25, 2017 4:51 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: La casa prefabbricata

Messaggioda claudio23773 » dom feb 18, 2018 1:48 pm

Buongiorno, anche noi siamo della Lombardia, è ti posso assicurare che un'azienda conosciuta c'è si chiama Costruire Bio e per l'esattezza si trova a Salò (BS) anche se ha diverse filiali sparse nel Nord e Centro Italia, in caso potrà consultare il loro sito www.costruirebio.it
Se provi a contattarli ti potranno dare una prima consulenza ma, la cosa migliore sarebbe andare in ditta come abbiamo fatto noi.
Noi ci siamo trovati bene ì, molto bene direi e questa azienda fa solo il chiavi in mano sul sito vedi anche i loro capitolati, oggi arredano pure gli interni.
Mi hanno fatto una garanzia di fideiussione che non avevo neppure richiesto, invece loro senza che io l'avessi considerata mi hanno dato ancora più tranquillità.
Insomma ogni uno ha le sue idee, noi lo rifaremmo ancora perchè stiamo spendendo annualmente una cifra di circa 600 euro di spese totali, rispetto a prima che ne spendevamo circa 4.000, direi ottimo risultato a livello fisico ed economico.
Ciao Claudio
claudio23773
 
Messaggi: 2
Iscritto il: dom feb 18, 2018 1:33 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: La casa prefabbricata

Messaggioda Paolo Boni » dom feb 18, 2018 4:30 pm

:shock: :shock: :shock:
:lol: :lol: :lol:
Ora tocca a
paolo23773
Giovanni 23773
Eccc
Eccc.

Un consiglio.
Se volete pubblicizzarvi il metodo migliore è la chiarezza e l'utilità dell'informazione
Paolo Boni
 
Messaggi: 3411
Iscritto il: gio ott 29, 2009 6:15 pm
Località: Carpenedolo (BS)
Controllo antispam: diciotto

Re: La casa prefabbricata

Messaggioda Paolo Boni » lun feb 19, 2018 8:31 am

Domani...
Concordo con tmx.
Il chiavi in mano si trasformerà sempre più in appalti differenziati.
Sta succedendo gia ora.

Le aziende attuali anche piccole saranno sempre più in difficoltà.
Oramai, e lo si vede anche in fiera, i produttori di pannelli si sono direttamente strutturati anche per il privato.
PRO: prezzi più bassi, necessità di progetti dettagliati
CONTRO: mancanza di polizza decennale, problemi di individuazione di responsabilità, possibilità di dimenticanze nell'utilizzo dei prodotti adeguati al mondo del legno.
Paolo
Paolo Boni
 
Messaggi: 3411
Iscritto il: gio ott 29, 2009 6:15 pm
Località: Carpenedolo (BS)
Controllo antispam: diciotto

Re: La casa prefabbricata

Messaggioda tmx64 » lun feb 19, 2018 10:31 am

Ciao Paolo
Paolo Boni ha scritto:Il chiavi in mano si trasformerà sempre più in appalti differenziati...

Si va sempre più verso i concetti dell'impresa tradizionale: gestione e/o general contractor in zona.
Ormai, alla fin fine, le classiche Haus viaggiano quasi sui 2.000 euro/mq per il chiavi in mano finale.
Iniziano con prezzi più bassi ma poi si arriva sempre oltre i 1.800/mq.
Ma è una cosa normale visto che arrivano da lontano e devono subappaltare quasi tutto.
D'altronde ho sempre ritenuto strano che chi si occupa del legno (20 - 25% del valore del chiavi in mano), vada poi a gestire il restante 80%.

In merito ai tuoi dubbi
Paolo Boni ha scritto:...CONTRO: mancanza di polizza decennale, problemi di individuazione di responsabilità, possibilità di dimenticanze nell'utilizzo dei prodotti adeguati al mondo del legno...

secondo me (mie personalissime opinioni)
- La polizza decennale è superflua sia perchè sono già tutelato dal codice civile (rispondo x 10 anni sulle strutture) sia perchè le famose polizze (decennale, trentennale) sono qualitativamente un pizzico migliori della carta igienica, non di più.
- Se la casa la fa la classica impresa che subappalta le strutture in legno, allora direi che l'impresa risponde in prima battuta. Discorso diverso se il cliente appalta direttamente le varie lavorazioni. Allora ognuno risponde del suo.
- Prodotti adeguati. Su questo punto ho un'opinione "democratica". I cani ci sono nelle Haus come nell'edilizia tradizionale. Dire che dalle grandi Haus ho solo alta qualità garantita...mah!!! Cerco di fare il diplomatico!!! :D
L'unica vera qualità me la garantisce il progettista.

Ciao
Thomas
Avatar utente
tmx64
 
Messaggi: 2230
Iscritto il: gio lug 02, 2009 3:25 pm
Località: Milano
Controllo antispam: diciotto

Re: La casa prefabbricata

Messaggioda IngMR » lun feb 19, 2018 3:20 pm

ciao, per come la vedo io chi deciderà di appaltare direttamente le varie lavorazioni ne uscirà con le ossa rotte e un'infinità di problemi. Da un lato non si vuole rinunciare a nulla e si fanno i salti mortali per far rientrare tutto nei budget iniziali (che poi sforano sempre), andando a risparmiare su tutto pensando di poter gestire il più possibile in prima persona; dall'altra parte anche volendo affidarsi a un tecnico, spesso le scarse capacità di questi fanno tanti troppi danni. Le aziende produttrici di pannelli che si sono strutturate di certo non potranno offrire la giusta qualità e impegno per un progetto personalizzato. In parole povere, andranno bene per situazioni semplici, standard, senza troppe problematiche. Per il futuro vedo la sopravvivenza di quelle aziende che si possono affidare a impianti di produzione propri o affidabili e capaci di gestire tutto ciò che resta attraverso collaborazioni e appalti con realtà locali. Il concetto di prefabbricazione si andrà a perdere e probabilmente si ridurrà a struttura / cappotto / forse serramenti / forse intercapedini. Tutto il resto sarà sul modello appunto dei general contractor. Alla fine la maggior parte dei clienti ha bisogno di un contatto ravvicinato con gli artigiani soprattutto per le finiture e aver uno showroom di zona aiuta molto più del tener il campionario nella propria sede. Certo che le indecisioni, i cambiamenti continui, il dover seguire il cliente con maggior attenzione farà lievitare i tempi di realizzazione (e la pazienza di chi lavora). Ci sono pro e contro ma alla fine il cliente pagherà la haus non per i lavori diretti ma per la supervisione e coordinamento dei vari artigiani. Se accetteranno si prenderanno il ricarico sulle lavorazioni ma avranno un referente unico in caso di problematica, altrimenti finiranno in un vortice di casini tipico del peggior "tradizionale".
Qualcuno finalmente sta iniziando a ragionare e pensare di rinunciare a qualcosa per aver tutto il resto curato in maniera migliore. Sono pochi ma ci sono
IngMR
 
Messaggi: 585
Iscritto il: mer dic 05, 2012 10:27 am
Controllo antispam: cinque

Re: La casa prefabbricata

Messaggioda tmx64 » mer feb 21, 2018 2:07 pm

Ciao Ing
IngMR ha scritto:ciao, per come la vedo io chi deciderà di appaltare direttamente le varie lavorazioni ne uscirà con le ossa rotte e un'infinità di problemi. ...dall'altra parte anche volendo affidarsi a un tecnico, spesso le scarse capacità di questi fanno tanti troppi danni. ...

Non la vedo così estrema. Detto così, sembra che tutto quello che non passa dalle Haus sia solo una schifezza!
Per me, una qualsiasi Haus è una normale impresa di costruzioni, specializzata in edifici con una struttura in legno. Per il resto, tutto uguale ad una normale ed onesta impresa di costruzioni. Praticamente tutte le Haus sono sempre state delle banalissime general contractor. Subappaltano già quasi tutto. E hanno per forza costi superiori ad una normale ed onesta impresa di costruzioni in zona
E gli eventuali casini ci sono con tutti, nessuno escluso, legno o muratura.

Dire che uno che si gestisce direttamente le varie lavorazioni ne uscirà con lee ossa rotte, mi sembra un po' buttata lì.
sarà vero se è uno che non ne capisce e che ne uscirebbe con le ossa rotte anche con l'edilizia tradizionale.
Falso x chi ne capisce di edilizia, di gestione ed ha un tecnico di qualità banalmente normale....

A mio avviso, uno dei problemi di base è anche che proprio le Haus veicolano il messaggio (puramente commerciale!!) della semplicità di costruirsi una casa! Bugia mostruosa!
Vieni da noi che non avrai problemi!! ....tot al mq, tutto incluso, faccio tutto io, tu non devi preoccuparti di niente, il progettista non serve, solo io ne capisco di case in legno.....
Il tutto come se fosse equivalente alla semplice compravendita di un immobile

ciao
TMX
Avatar utente
tmx64
 
Messaggi: 2230
Iscritto il: gio lug 02, 2009 3:25 pm
Località: Milano
Controllo antispam: diciotto

Re: La casa prefabbricata

Messaggioda IngMR » mer feb 21, 2018 3:36 pm

ciao TMX, forse mi sono espresso male. Intendevo dire che il cliente, persona qualsiasi, che si mette ad appaltare direttamente le varie lavorazioni ne uscirà conciato male. Il rischio è altissimo, indipendentemente dal discorso casa in legno. Troppo spesso ci sono persone che per risparmiare, ma soprattutto per NON rinunciare a nulla, decidono di far da se e i risultati penso siano noti a tutti. Sul "tecnico di qualità banalmente normale" nutro seri dubbi e tante perplessità. Può funzionare abb bene in un discorso tradizionale, dove in un qualche modo si riesce a saltarci fuori con una soluzione accettabile, ma se generalmente prendo un tecnico di media bravura e inizio a parlargli di strutture in legno nei loro punti critici e delicati ti assicuro che la qualità "normale" si abbassa drasticamente. Affidare a loro la gestione di appalto e coordinamento sarà sicuramente meglio rispetto al gestirlo in prima persona, ma che si possa stare tranquilli no..assolutamente no. Nel tradizionale come nel mondo legno esistono aziende decisamente serie e capaci (che ovviamente risultano non essere mai al prezzo più conveniente) e affidarsi a loro, per il cliente medio, significa aver un riferimento solo con cui prendersela in caso di problemi. Le aziende serie, che di errori ne commettono perchè nessuno è perfetto, rispondono e intervengono; in una situazione di appalti diversificati dove il fulcro è il cliente o un tecnico non preparato, significa che al minimo problema la colpa è sempre degli altri e saltarci fuori senza rimetterci tempo e denaro è praticamente utopia! Le aziende serie infatti non sono nemmeno quelle che lanciano il messaggio del tipo vieni con noi che il tecnico non serve, anzi ci collaborano. Son quelle aziende che secondo me resisteranno infatti.
Sui messaggi puramente commerciali e sulle promesse di semplicità e 0 problemi si basano tantissime aziende che nascono e muoiono, che però a turno continuano a chiudere contratti... forse lo avevo già detto in un altro post, se io avessi una ditta medio piccola di strutture in legno, con qualità e passione, mollerei immediatamente il settore delle nuove costruzioni per dedicarmi esclusivamente a ristrutturazioni / ripristini / interventi sul realizzato del mondo legno
IngMR
 
Messaggi: 585
Iscritto il: mer dic 05, 2012 10:27 am
Controllo antispam: cinque

Re: La casa prefabbricata

Messaggioda gbykat » mer feb 21, 2018 7:27 pm

io non sono un tecnico ma bazzico ormai da un pò nel settore.Posso solo aggiungere alla discussione che vedo sempre più spesso corsi organizzati dalle haus ,sia per montataori che per tecnici e anche per commerciali.
evidentemente il settore non è più di nicchia.





ps. lol
lo dimostrano anche tutte ste costruirebio che ci sono in giro :lol: :lol: :lol:
gbykat
 
Messaggi: 1035
Iscritto il: dom set 23, 2012 8:21 am
Controllo antispam: diciotto


Torna a Bioedilizia - Bioarchitettura

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Jonny82 e 4 ospiti