ESSIAC

Forum dedicato alle proprietà delle piante in ambito medicinale.

ESSIAC

Messaggioda Ele83 » sab dic 08, 2007 6:14 pm

Riguardo all'essiac e ai suoi possibili effettti tossici, soprattutto nelle donne che lo stanno usando come terapia antitumorale, il Dr. Firenzuoli del Centro di Medicina Naturale dell'Ospedale di Empoli ha lanciato un appello pregando di telefonare al Centro stesso allo 0571-702661 o lo 0571-702601.

Pubblicizzate questa iniziativa presso i vostri conoscenti
Avatar utente
Ele83
 
Messaggi: 17
Iscritto il: gio giu 07, 2007 9:07 am

Messaggioda Landre82 » lun dic 10, 2007 6:20 pm

Io sarò un po troppo "conservatore" ma a me ste piante esotiche/indigene che esulano dalla tradizione del vecchio continente mi lasciano sempre titubante ....
( guardo intimorito anche il tè verde , lo so , son patologico :) )
Avatar utente
Landre82
 
Messaggi: 1069
Iscritto il: mar ott 11, 2005 7:07 pm
Controllo antispam: cinque

Messaggioda Marco Valussi » mar dic 11, 2007 9:52 am

Landre82 ha scritto:Io sarò un po troppo "conservatore" ma a me ste piante esotiche/indigene che esulano dalla tradizione del vecchio continente mi lasciano sempre titubante ....
( guardo intimorito anche il tè verde , lo so , son patologico :) )


Ma guarda che l'Essiac non è altro che una miscela tipo tisana composta da piante del tutto comuni anche da noi: Rumex acetosella (450 grammi), Arctium lappa (700 grammi), Polvere di Olmo (113 grammi), Rheum palmatum (28 grammi). Lo scandalo sta nel fatto che qualcuno possa proporre una miscela simpatica ma banalotta come questa (del tutto simile a centinaia di altre ricette di tipo depurativo che si trovano nella tradizione occidentale, da quella umorale a quella mitteleuropea a quella britannico-americana) come rimedio per il cancro (come se i tumori potessero rispondere ad una terapia standardizzata e banale come questa, invece che richiedere rimedi personalizzati e più pensati), e soprattutto venderla a prezzi infami quando la si potrebbe miscelare da soli acquistando le singole piante dall'erborista a costo circa 10 volte inferiore.
Quanto all'allerta lanciato da Firenzuoli, credo che sia causato più dal rischio negativo che da quello positivo. Ovvero, dal rischio che la persona ammalata e poco informata utilizzi ESSIAC al posto di un'altra terapia più efficace. Il rischio positivo (un rischio derivato da tossicità della miscela in se stessa) mi pare insignificante, anche se c'è naturalmente spazio per potenziali interazioni con eventuali altri farmaci utilizzati allo stesso momento.
ciao
marco
Marco Valussi
 
Messaggi: 1770
Iscritto il: mer ott 06, 2004 8:04 am
Località: Verona

Messaggioda giuliar » ven dic 14, 2007 1:55 pm

Mi potrebbe spiegare meglio perchè secondo lei questo essiac non è una cura contro il tumore?Premetto che è da poco che ne ho sentito parlare,e comunque ne so molto poco.
Sono stupita però che in un forum che ho scoperto ieri,http://www.aerrepici.org/forum/topic.asp?TOPIC_ID=3651
affermano che invece questo essiac guarisce davvero dai tumori,e mi è sembrato di capire che hanno anche le prove di gente guarita...perlomeno questo mi è sembrato leggendo il forum.
Insomma,chi ha ragione?L'essiac cura o no il tumore?
giuliar
 
Messaggi: 4
Iscritto il: ven giu 29, 2007 8:57 am

Messaggioda Marco Valussi » ven dic 14, 2007 3:25 pm

giuliar ha scritto:Mi potrebbe spiegare meglio perchè secondo lei questo essiac non è una cura contro il tumore?Premetto che è da poco che ne ho sentito parlare,e comunque ne so molto poco.
Sono stupita però che in un forum che ho scoperto ieri,http://www.aerrepici.org/forum/topic.asp?TOPIC_ID=3651
affermano che invece questo essiac guarisce davvero dai tumori,e mi è sembrato di capire che hanno anche le prove di gente guarita...perlomeno questo mi è sembrato leggendo il forum.
Insomma,chi ha ragione?L'essiac cura o no il tumore?


Gentile giuliar,
il fatto che l'ESSIAC non curi i tumori è, per l'appunto, un fatto, non una mia opinione. Ovvero non solo non esistono studi che dimostrino la sua efficacia, ma esiste almeno uno studio che mostra che NON è efficace: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/sites/entre ... stractPlus
Ma che una miscela di erbe comunissime non sia una cura per i tumori dovrebbe essere abbastanza banale, prima di tutto perchè non esiste il tumore, bensì i molti tumori, molto differenti tra di loro, secondo perchè l'idea che la terapia di un problema così complesso e polifattoriale sia una miscela standard, non personalizzata, va contro l'idea portante della fitoetrapia tradizionale, cioè il concetto di personalizzazione della terapia. Terzo, certo, ci sono due piante nella miscela che hanno mostrato effetti antitumorali in vitro, come del resto centinaia di altre piante del mondo.
Chi propala l'idea che una tisana possa curare il cancro fa opera di disinformazione criminale giocando sulla pelle di chi sta male, e lo fa abdicando completamente alla propia capacità raziocinante, di solito farneticando su concetti quali natura, tradizione ecc. senza sapere in realtà cosa dice. La cosa triste è che come quasi sempre dietro ci sono degli interessi economici (qualcuno vende a caro prezzo questa miscela), e questi interessi nascondono le vere novità eccitanti in campo fitoterapico. Perché di piante ad azione antitumorale ce ne sono, e sono anche efficaci, ma quasi nessuno ne parla: curcuma, te verde, resveratrolo, bacche, zenzero, funghi, ecc.
ciao
marco
Marco Valussi
 
Messaggi: 1770
Iscritto il: mer ott 06, 2004 8:04 am
Località: Verona

Tisane e speculazioni

Messaggioda NinfeaNera » mar dic 18, 2007 11:01 pm

Lo scandalo sta nel fatto che qualcuno possa proporre una miscela simpatica ma banalotta come questa (del tutto simile a centinaia di altre ricette di tipo depurativo che si trovano nella tradizione occidentale, da quella umorale a quella mitteleuropea a quella britannico-americana) come rimedio per il cancro (come se i tumori potessero rispondere ad una terapia standardizzata e banale come questa, invece che richiedere rimedi personalizzati e più pensati), e soprattutto venderla a prezzi infami quando la si potrebbe miscelare da soli acquistando le singole piante dall'erborista a costo circa 10 volte inferiore.
Quanto all'allerta lanciato da Firenzuoli, credo che sia causato più dal rischio negativo che da quello positivo. Ovvero, dal rischio che la persona ammalata e poco informata utilizzi ESSIAC al posto di un'altra terapia più efficace. Il rischio positivo (un rischio derivato da tossicità della miscela in se stessa) mi pare insignificante, anche se c'è naturalmente spazio per potenziali interazioni con eventuali altri farmaci utilizzati allo stesso momento.
ciao
marco[/quote]

Caro Marco,
io questa tisana la conosco bene: forse non curerà il cancro, ma sicuramente è un'ottima terapia complementare.
Il prezzo non è basso, ma neanche proibitivo; e nessuno vieta a nessuno di comprare le piante e miscelarsele a casa, salvo per il fatto che non è facilissimo procurarsi in Italia la corteccia dell'olmo rosso: la composizione è ormai pubblica e si può trovare ovunque, web, libri e, credo, sulle stesse confezioni.

L'Essiac non è un prodotto che si acquista di contrabbando sul web dalle mani di "spacciatori" senza scrupoli, ma è in vendita nelle erboristerie e nelle farmacie di tutta Italia. Nessuno mai (che sia medico, erborista, farmacista o semplicemente amico) si sognerebbe di proporre una tisana o l'aloe o il tè verde o la graviola al posto di terapie "più efficaci".
Così come non penso che le persone affette da un tumore, per quanto fisicamente e psicologicamente provate, si lascino raggirare tanto facilmente.

L'allerta lanciato da Firenzuoli è gravissimo, soprattutto perché infondato e menzognero: dice chiaramente che l'Essiac eccita le cellule tumorali e le fa proliferare e invita tutte le donne con tumore al seno che ne fanno uso a mettersi immediatamente in contatto con il suo centro.

Firenzuoli ha agito in modo poco pulito e superficiale (ad essere buoni) come il Prof. Stefano Scoglio non ha mancato di fargli notare nella sua lettera aperta che ti invito a leggere:
http://www.nutrigea.com/upload/LETTERA_APERTA.pdf

Per quanto riguarda le speculazioni effettuate sulla pelle dei malati, le infamità avvengono a ben altri livelli e con ben altre cifre.

Ciao
Laura
NinfeaNera
 
Messaggi: 3
Iscritto il: gio dic 13, 2007 8:25 am

Re: Tisane e speculazioni

Messaggioda Marco Valussi » mer dic 19, 2007 10:32 am

NinfeaNera ha scritto:Caro Marco,
io questa tisana la conosco bene: forse non curerà il cancro, ma sicuramente è un'ottima terapia complementare.
Il prezzo non è basso, ma neanche proibitivo; e nessuno vieta a nessuno di comprare le piante e miscelarsele a casa, salvo per il fatto che non è facilissimo procurarsi in Italia la corteccia dell'olmo rosso: la composizione è ormai pubblica e si può trovare ovunque, web, libri e, credo, sulle stesse confezioni.

L'Essiac non è un prodotto che si acquista di contrabbando sul web dalle mani di "spacciatori" senza scrupoli, ma è in vendita nelle erboristerie e nelle farmacie di tutta Italia. Nessuno mai (che sia medico, erborista, farmacista o semplicemente amico) si sognerebbe di proporre una tisana o l'aloe o il tè verde o la graviola al posto di terapie "più efficaci".
Così come non penso che le persone affette da un tumore, per quanto fisicamente e psicologicamente provate, si lascino raggirare tanto facilmente.

L'allerta lanciato da Firenzuoli è gravissimo, soprattutto perché infondato e menzognero: dice chiaramente che l'Essiac eccita le cellule tumorali e le fa proliferare e invita tutte le donne con tumore al seno che ne fanno uso a mettersi immediatamente in contatto con il suo centro.

Firenzuoli ha agito in modo poco pulito e superficiale (ad essere buoni) come il Prof. Stefano Scoglio non ha mancato di fargli notare nella sua lettera aperta che ti invito a leggere:
http://www.nutrigea.com/upload/LETTERA_APERTA.pdf

Per quanto riguarda le speculazioni effettuate sulla pelle dei malati, le infamità avvengono a ben altri livelli e con ben altre cifre.

Ciao
Laura


Cara Laura,
premetto che sono d'accordo con te che sulla base dell'evidenza di uno studio in vitro non si può condannare una miscela di piante. Quello studio ha un livello di significatività e di generalizzabilità molto basso, e va certamente valutato pesandolo contro le molteplici evidenze che indicano che le piante che compongono la miscela dell'essiac non sono tossiche. Quindi da questo punto di vista siamo d'accordo.
D'altro canto se accettiamo questo livelli di analisi, esso vale anche per gli studi sull'efficacia. Ovvero se l'evidenza che l'ESSIAC funziona è basata su dati in vitro, questa evidenza è poco significativa, soprattutto quando gli studi in vitro sono pochi e poco interessanti, e quando la correlazione tra studi e tradizione e bassa, come è per l'essiac, che contiene piante che non hanno una tradizione (e 70 anni di utilizzo, dal mio punto di vista, non sono una lunga tradizione) antitumorale. Non sono quindi d'accordo con la tua affermazione che l'Essiac costituisca una ottima terapia complementare. Cosa vorrebbe dire? In che senso è ottima? E' stata testata come terapia supplementare insieme a chemio o radioterapia? Ci sono dati seri sull'aumento di sopravvivenza? Ci sono dati sperimentali che ci indichino perchè dovrebbe avere un effetto chemiopreventivo o chemioterapeutico? No, non ci sono. E quello che fa più rabbia è che si continui a parlare di questa miscela banale, ripeto banale, quando ci sono piante che possono fattivamente dimostrare di essere efficaci come chemiopreventivi e chemioterapici.

Guarda, sono fitoterapeuta da abbastanza anni ormai, mi sono formato nella tradizione britannico americana, l'essiac e la Hoxsey le conosco molto bene, le ho studiate bene, e sono sempre molto stupito che la gente possa pensare che una formula che è nata come depurativo, e che non è altro che una variante di centinaia di altre dello stesso tipo, possa essere una terapia complementare.
E non sono nemmeno d'accordo con la tua affermazione che non ci siano persone che offrono essiac come alternativa, ci sono eccome purtroppo. Non è colpa dell'essiac, poverina, ma ci sono. Ed è totalmente destituita di fondamento l'affermazione che un malato di cancro non si aplagiabile. Tutti gli studi di psicologia oncologica mostra che una persona affetta da una malattia degenerativa a lungo termine è tendenzialemnte sempre più plagiabile, quindi offrire false speranze a chi le sta cercando è doppiamente sbagliato. E a me hanno insegnato che due torti non fanno una ragione, quindi il fatto che ci siano nel mondo del farmaco squali ben peggiori non significa che gli squaletti siano buoni. E vendere a prezzi elevati una miscela, facendo credere che altre miscele siano meno efficaci (l'olmo, come insegna la tradizione e la fitoetrapia, è perfettamente sostituibile con semi di lino) non è certamente un reato ma è cattiva informazione.
Ma soprattutto, la terapia del tumore è sempre una terapia personalizzata, sperare che una tisana standardizzata con un generico effetto depurativo e due piante con debole attività antitumorale in vitro possa fare la differenza è come minimo ingenuo. Andiamo a dare una occhiata a quali sono i dati epidemiologici nel mondo, e li vedremo dove sono le piante veramente interessanti
ciao
marco
Marco Valussi
 
Messaggi: 1770
Iscritto il: mer ott 06, 2004 8:04 am
Località: Verona

Re: ESSIAC

Messaggioda furion2012 » ven ago 07, 2009 7:31 pm

salve

volevo chiedere a chi da disinformazione di riportare le percentuali , delle persone che si salvano con tumore maligno, usando la chemioterapia. quasi pari al 0%

un altra cosa, esistono molte cure alternative per curarsi dal cancro, di fatto il tumore e dovuto ad una errata alimentazione e avvelenamento dell organismo.
come ad esempio, l uomo non è onnivoro ma fruttivoro.
vi siete mai chiesti perche un leone non ha problemi di colesterolo o problemi al fegato, vene intasate ed altro.
semplice l organismo del leone e fatto per poter digerire corretamente le proteine animali con i grassi.
mentre il nostro pancreas chiede perdono ogni volta che mangiamo grassi animali.
il maggior numero di case fermaceutiche optano per scartare tutto quello che non crea profitto come le cure alternative naturali.
il maggior lavoro delle case farmaceutiche e sintetizzare proteine principi attivi che in natura esisto già, e che altrimenti non possono essere brevettate .
ma purtroppo le scarse informazione che ci arrivano , son per lo più pilotate. vi basta pensare che da 60 anni ricevo finanziamenti per trovare una cura contro il cancro ed ancora usano del veleno per curarlo, un esempio sarebbe usare una bomba atomica per mettere un chiodo nel muro.
se controllate bene esistono invece delle ricerche che danno credito a queste cure.
voi vi fidereste delle banche come enti di beneficenza. io no dopo tutto quello che sta succedendo , sarebbe ora di aprire gli occhi.
ma forse ci vogliono ignoranti. diffidate da chi parla , e scredita tutto. anche a galileo lo volevano bruciare perché diceva che la terra era tonda , e l uomo non era al centro dell universo.

naturalmente le cure alternative fanno seguite da un dottore o nutrizionista che vi da la una super visione su come procede al meglio.

dimenticavo da poco uno studio universitario a scoperto la vitamina B17 contenuta nei semi di albicocca pesca mela uva, questa vitamina attacca le cellule tumorali distruggendole , creando dentro la cellula delle tossine. mentre nelle cellule sane si combina creando acidi essenziali all organismo. anche questa va presa con estrema cautela seguita da un medico.
informatevi prima di dare un giudizio negativo da chi è guarito non da chi vi vende la medicina
furion2012
 
Messaggi: 1
Iscritto il: ven ago 07, 2009 7:14 pm
Controllo antispam: cinque

Re: ESSIAC

Messaggioda Nec » mar ago 11, 2009 10:24 pm

furion2012 ha scritto:salve
volevo chiedere a chi da disinformazione di riportare le percentuali , delle persone che si salvano con tumore maligno, usando la chemioterapia. quasi pari al 0%


Assolutamente falso, seppur la chemio rappresenta un mezzo aggressivo e non certo benefico per l'organismo, e su questo siamo daccordo, tuttavia ben spesso ed in molti casi di tumore può essere risolutiva.
Per esempio nella leucemia infantile sarebbe assurdo rinunciare ad una chemio.
Oggi ogni 100 bambini che si ammalano di leucemia 95 ottengono la remissione (cioè l'assenza di segni della malattia) entro il primo mese di terapia; 80 completano i due anni di terapia senza ripresentare più la malattia; 75 rimangono in remissione a distanza di tre anni dalla sospensione delle cure. A questo punto il rischio che la leucemia si ripresenti è raro (1%).[/quote]

furion2012 ha scritto:salve

dimenticavo da poco uno studio universitario a scoperto la vitamina B17 contenuta nei semi di albicocca pesca mela uva, questa vitamina attacca le cellule tumorali distruggendole , creando dentro la cellula delle tossine. mentre nelle cellule sane si combina creando acidi essenziali all organismo. anche questa va presa con estrema cautela seguita da un medico.
informatevi prima di dare un giudizio negativo da chi è guarito non da chi vi vende la medicina


Molecole con interessanti attività antitumorali nel campo vegetale sono numerosissime, ma da qui a dire che esse guariscono il cancro rappresenta un azzardo!
Graviola, Essiac, Amigadalina dei semi, Aloe Arborescens, tutte sostanze ampiamente studiate ma comunque senza alcun esito miracoloso.
P.S. ricordiamoci che Essiac e Aloe sono attualmente i rimedi più utilizzati dai malati oncologici, il web è pieno di offerte, ma i poveri ammalati continuano a morire lo stesso, come è successo a mia madre.

Un saluto
Nec
 
Messaggi: 53
Iscritto il: dom set 11, 2005 11:36 am
Località: PESCARA

Re: ESSIAC

Messaggioda yuzaman » lun ago 24, 2009 12:51 pm

la chemioterapia aggredisce il tumore, non cura il cancro.

Credo che su questo si dovrebbe riflettere
yuzaman
 
Messaggi: 2
Iscritto il: sab ago 22, 2009 11:30 am
Controllo antispam: cinque

Re: ESSIAC

Messaggioda pasionario » sab set 05, 2009 8:17 pm

furion2012 ha scritto:salve

volevo chiedere a chi da disinformazione di riportare le percentuali , delle persone che si salvano con tumore maligno, usando la chemioterapia. quasi pari al 0%

un altra cosa, esistono molte cure alternative per curarsi dal cancro, di fatto il tumore e dovuto ad una errata alimentazione e avvelenamento dell organismo.
come ad esempio, l uomo non è onnivoro ma fruttivoro.
vi siete mai chiesti perche un leone non ha problemi di colesterolo o problemi al fegato, vene intasate ed altro.
semplice l organismo del leone e fatto per poter digerire corretamente le proteine animali con i grassi.
mentre il nostro pancreas chiede perdono ogni volta che mangiamo grassi animali.
il maggior numero di case fermaceutiche optano per scartare tutto quello che non crea profitto come le cure alternative naturali.
il maggior lavoro delle case farmaceutiche e sintetizzare proteine principi attivi che in natura esisto già, e che altrimenti non possono essere brevettate .
ma purtroppo le scarse informazione che ci arrivano , son per lo più pilotate. vi basta pensare che da 60 anni ricevo finanziamenti per trovare una cura contro il cancro ed ancora usano del veleno per curarlo, un esempio sarebbe usare una bomba atomica per mettere un chiodo nel muro.
se controllate bene esistono invece delle ricerche che danno credito a queste cure.
voi vi fidereste delle banche come enti di beneficenza. io no dopo tutto quello che sta succedendo , sarebbe ora di aprire gli occhi.
ma forse ci vogliono ignoranti. diffidate da chi parla , e scredita tutto. anche a galileo lo volevano bruciare perché diceva che la terra era tonda , e l uomo non era al centro dell universo.

naturalmente le cure alternative fanno seguite da un dottore o nutrizionista che vi da la una super visione su come procede al meglio.

dimenticavo da poco uno studio universitario a scoperto la vitamina B17 contenuta nei semi di albicocca pesca mela uva, questa vitamina attacca le cellule tumorali distruggendole , creando dentro la cellula delle tossine. mentre nelle cellule sane si combina creando acidi essenziali all organismo. anche questa va presa con estrema cautela seguita da un medico.
informatevi prima di dare un giudizio negativo da chi è guarito non da chi vi vende la medicina



Sottoscrivo tutto il tuo messaggio.
In più consiglio l'acquisto e la lettura di questo libro: http://www.macroedizioni.it/libri/essiac.php
pasionario
 
Messaggi: 847
Iscritto il: ven lug 01, 2005 12:13 pm
Località: MDR

Re: ESSIAC

Messaggioda Nec » mer set 30, 2009 9:22 pm

yuzaman ha scritto:la chemioterapia aggredisce il tumore, non cura il cancro.

Credo che su questo si dovrebbe riflettere


Parimenti va considerato che oggi migliaia di malati di cancro ricorrono a vie alternative, tuttavia senza alcun esito.
Credo che anche su questo si dovrebbe riflettere.
Nec
 
Messaggi: 53
Iscritto il: dom set 11, 2005 11:36 am
Località: PESCARA

Re: ESSIAC

Messaggioda pasionario » mer set 30, 2009 10:52 pm

Nec ha scritto:Parimenti va considerato che oggi migliaia di malati di cancro ricorrono a vie alternative, tuttavia senza alcun esito.
Credo che anche su questo si dovrebbe riflettere.


Certo, ma bisogna ricordare che la stragrande maggioranza di essi sceglie le cure alternative come ultima spiaggia DOPO quelle classiche, quindi con un organismo fortemente debilitato perché già imbottito di veleni, irradiato o sottoposto a chiururgia invasiva. D'altronde quanti medici sono di così larghe vedute da consigliare ai loro pazienti un trattamento naturale?
pasionario
 
Messaggi: 847
Iscritto il: ven lug 01, 2005 12:13 pm
Località: MDR

Re: ESSIAC

Messaggioda Nec » dom ott 04, 2009 11:35 am

pasionario ha scritto:
Nec ha scritto:Parimenti va considerato che oggi migliaia di malati di cancro ricorrono a vie alternative, tuttavia senza alcun esito.
Credo che anche su questo si dovrebbe riflettere.


Certo, ma bisogna ricordare che la stragrande maggioranza di essi sceglie le cure alternative come ultima spiaggia DOPO quelle classiche, quindi con un organismo fortemente debilitato perché già imbottito di veleni, irradiato o sottoposto a chiururgia invasiva. D'altronde quanti medici sono di così larghe vedute da consigliare ai loro pazienti un trattamento naturale?



Siamo alle solite, dopo ogni tentativo fallimentare di curare un cancro con cure naturali si aggiunge la solita scusa, ovvero di affermare che non ha funzionato perchè in precedenza il malato era stato debilitato dai farmaci e dalla chirurgia. Direi un pietoso alibi che si ripete all'infinito!
Personalmente sono reduce da una lunga esperienza a riguardo, quando a mia madre le diagnosticarono un tumore rettale ho scelto senza indugio la via alternativa rifiutando a priori la chemio e qualsiasi trattamento chirurgico, il piano terapeutico era: aloe arborescens metodo Zago 6 cucchiai al dì (secondo accurato procedimento ed impiego di componenti biologici) , vitamina C 3 grammi al giorno, regime alimentare esclusivamente vegetariano, Vitamina E 300mg al dì e quantaltro. Purtroppo mamma se ne andata via in 6 mesi spegnendosi fra le mie braccia, è da considerare inoltre che avevamo iniziato la cura tempestivamente (stava ancora bene) ma nonostante ciò è stato un fallimento..

Tuttora io e mia moglie coltiviamo l'aloe arborescens e ne facciamo uso a scopo di profilassi confidando nelle virtù immunostimolanti dell’ aloemodina, come peraltro consumiamo periodicamenete fitopreparati e piante che sembrerebbero prevenire l’insorgenza di neoplasie.
Ma attenzione tutte queste accortezze vanno prese con le pinze e senza illudersi.
L’atteggiamento migliore a mio avviso sarebbe quello di guardare con razionalità e fatti prima di discorrere con convinzioni a senso unico, credo che oggi le terapie alternative (bioterapia e fitoterapia) debbano essere riconosciute ed accettate dalla medicina ufficiale come utilissimi mezzi integrativi per una corretta prevenzione, ma voler credere per forza che essi rappresentino un efficace sostituto alle terapie ufficiali e alla chirurgia ben spesso può rivelarsi una tragica illusione.

Ti sconsiglio di prendere alla lettera le baggianate scritte sui siti ottusi dove sparano teorie e concetti senza fondamento con l’unico scopo di attaccare la medicina ufficiale, pensassero invece a riportare studi più pertinenti alla medicina alternativa in modo equilibrato e senza sparate fantasiose.
Per informazioni più accurate e concrete invece ti consiglio di consultare Marco Valussi davvero molto competente ed esaustivo sull’argomento.


Ciao
Nec
 
Messaggi: 53
Iscritto il: dom set 11, 2005 11:36 am
Località: PESCARA

Re: ESSIAC

Messaggioda pasionario » dom ott 04, 2009 1:38 pm

Nec ha scritto: credo che oggi le terapie alternative (bioterapia e fitoterapia) debbano essere riconosciute ed accettate dalla medicina ufficiale


se dici questo non hai capito come funzionano le cose. E' impensabile che la medicina ufficiale riconosca cure alternative non brevettabili e di facile reperimento. Sarebbe come se un'industria svelasse la formula segreta di un suo prodotto di successo. Controproducente, sarebbe la morte di tutto l'impianto medico che si basa su fiumi di soldi che ruotano attorno alle terapie classiche.
Da qui poi tutta la serie di manomissioni e tentativi ben riusciti di discredito nei confronti delle numerose terapie alternative.
pasionario
 
Messaggi: 847
Iscritto il: ven lug 01, 2005 12:13 pm
Località: MDR

Prossimo

Torna a Piante Medicinali: Proprietà e utilizzi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti