camper ecologico

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

camper ecologico

Messaggioda simimy » dom gen 04, 2015 4:23 am

Salve a tutti, mi chiamo Simona e vivo in un vecchio scuolabus adibito a camper in giro per il mondo, il mio obiettivo è quello di rendere questa casa completamente bio-sostenibile, insieme al mio compagno stiamo realizzando un impianto a biodiesel riciclando gli oli esausti dei ristoranti, abbiamo installato dei pannelli solari e compattiamo i pochi rifiuti che facciamo dentro bottiglie di plastica destinate alla bio-costruzione. Da mesi ci laviamo solamente con farina di ceci e siamo felicissimi e senza pruriti o allergie, uso ormai da 6 anni la coppetta mestruale ed evitiamo accuratamente i packaging inutili, l'unico problema è la pulizia e l'igiene della casa, Sono ricorsa a detergenti bio e soluzioni facili trovate su internet ma poi sono incappata in questo forum e ho scoperto che erano tutte bufale... Io sto cercando qualcosa per lavare i piatti che non preveda l'utilizzo di nessun detergente nemmeno ecologico e soprattutto senza schiuma, e sto cercando qualcosa per sanificare e detergere le varie superfici della mia piccola casa, per sbiancare e disinfettare le spugne e i canovacci e potete aiutarmi?
Sono veramente confusa ma con buoni propositi!!!! :D
Grazie in anticipo per la disponibilità
Simona
simimy
 
Messaggi: 12
Iscritto il: sab gen 03, 2015 2:39 am
Controllo antispam: diciotto

Re: camper ecologico

Messaggioda Gianluca Ricciato » mer gen 21, 2015 6:38 pm

Se puoi, prova un po' seguendo queste indicazioni! :D

****

LISCIVA

dal sito: http://www.strie.it/eco_detersivi.html

Qui bisogna essere già streghette o stregoni di campagna, o avere qualcuno che vi fornisca della buona cenere.
Le nonne lavavano la biancheria mettendo la cenere in acqua bollente, facendola decantare una notte e versando, attraverso un panno, l’acqua così ottenuta (lisciva) sopra la biancheria.
Il potere detergente della lisciva dà panni puliti, di un bianco vero che - se stesi al sole - risultano ancora più candidi.
La lisciva è basica (a base di potassio) per cui non è abbinabile con prodotti acidi (tipo aceto come ammorbidente) perché si annullano gli effetti a vicenda (a meno che non prestiate attenzione nell’aggiungere l’aceto solo a fine lavaggio).

Come fare la lisciva:

• Setacciare della buona cenere (di legna! Non carbonella o affini)
• Disporla in una grossa pentola (espressamente destinata a questo uso) e aggiungere acqua in rapporto di 1 cenere – 5 acqua (io metto 5 bicchieri di cenere setacciata e 25 di acqua). Per esperienza non fate il contrario (prima l’acqua e poi la cenere) perché la lisciva risulta più torbida.
• Portare ad ebollizione a fuoco lento, mescolando di frequente
• Far bollire circa 1 ora e mezza, 2 ore (dipende dalla quantità di acqua). E’ consigliabile a fine cottura assaggiare giusto una goccia posandola sulla punta della lingua: se pizzica appena la lisciva è pronta. Non eccedere nella bollitura in quanto diverrebbe troppo forte ed aggressiva per la pelle e l’ambiente.
• Lasciare raffreddare e decantare (magari la notte…). La parte solida si depositerà sul fondo, il liquido risulterà limpido e chiaro.
• Preparare un recipiente con qualche straccio di cotone pulito teso sopra. Versare la lisciva nel recipiente filtrandola e cercando di mantenere separate la parte solida dalla liquida. Se necessario ripetere l’operazione.
• Versare la parte liquida (lisciva) in bottiglie di plastica. Si conserva anche per anni.
• La pasta potete metterla in un vasetto e usarla come pasta lavamani, per lavare i piatti, i lavelli etc.

La lisciva è utilizzabile sia per il bucato a mano sia per quello in lavatrice. Io la uso in lavatrice, con una pallina dosatore… una bella soddisfazione!
Non allarmatevi se inizialmente alcune macchie compariranno improvvisamente: ricordate dei coprimacchia presenti nei detersivi chimici.
Le macchie ostinate possono essere pretrattate con sapone di marsiglia la sera prima, sbattute così in lavatrice e poi lavate col resto del bucato… e se rimane ancora qualche macchia potete sempre considerarla come “medaglia per la salvaguardia dell’ambiente, della vostra salute e della salute e libertà del vostro portafoglio”…
Il sapone di marsiglia è alcalino – basico come la lisciva, per cui possono essere usati insieme.
Pare che la lisciva possa essere anche usata (diluita) per lavarsi i capelli o per l’igiene… non ho ancora provato…

Ringrazio Silvana che ha lasciato questa splendida ricetta in:
www1.autistici.org/fiera-autogestione/lisciva.htm

****************************
Il bucato di una volta
http://www.youtube.com/watch?v=xYqkE0FyXQw
Avatar utente
Gianluca Ricciato
 
Messaggi: 370
Iscritto il: mer ott 18, 2006 1:27 pm
Località: Bologna
Controllo antispam: cinque


Torna a Archivio forum

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 4 ospiti