Problemi con reflusso

Forum dedicato all'alimentazione Crudista Vegan.

Moderatore: marco urbisci

Re: Problemi con reflusso

Messaggioda Luna8 » lun mag 04, 2015 9:29 am

Ciao Scyntyl,

se vuoi evitare i cereali e la frutta (= carboidrati), ci sono altri tipi di crudismo che forse per te in questo momento sarebbero adatti. Una mia amica si è trovata bene con un'alimentazione prevalentemente di verdura e grassi come avocado, semi di lino, sesamo, noci e altri semi oleosi. Faceva anche i cracker essiccati a 40 gradi con i semi di lino e i germogli di grano saraceno. Mangiava pochissima frutta.
Ci sono studi che dicono che grassi e zuccheri insieme fanno male. Se è vero, è meglio scegliere o un'alimentazione in cui prevalgono fortemente i carboidrati o i grassi, perchè le calorie devono pur venire da qualche parte.

Vorrei sottolineare di nuovo che l'alimentazione è comunque un solo aspetto. È altrettanto importante muoversi e rilassarsi.

Un salutone
Luna
Luna8
 
Messaggi: 318
Iscritto il: ven lug 27, 2012 6:02 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Problemi con reflusso

Messaggioda swami863 » lun mag 04, 2015 9:03 pm

Scynyl, tu cosa mangeresti d' istinto?
Cosa senti che farebbe bene al tuo stomaco?
Togliere per un attimo la frutta? magari verdure cotte e cereali?
Insomma credo che il tuo corpo sappia indicartelo meglio di noi. Quando compaiono dei sintomi ho capito che è bene parlarne ma poi filtrare tutto anche con l' ascolto.
E' una fase momentanea, magari anche solo la voce del tuo corpo che ti chiede di rallentare un attimo....poi sentirai di nuovo l' appetito tornare.
E poi stai sereno, a me l' ansia ha sempre moltiplicato il sintomo :)
Avatar utente
swami863
 
Messaggi: 185
Iscritto il: ven nov 23, 2012 12:09 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Problemi con reflusso

Messaggioda arbor » mar mag 05, 2015 2:14 pm

Il problema di Alessandro è anzitutto un problema di detox (anche di ansia e paura, che però è in larga parte scatenata dalla detox). Detox che nel tuo caso non si è manifestata subito in maniera acuta, ma dopo qualche mese, e questo è abbastanza normale: solo quando l'organismo si rende veramente conto che si sta facendo sul serio, allora esso comincia a reagire e a lavorare per la guarigione, provocando tutti gli inconvenienti della detox che tu hai ben conosciuto. Se questi ultimi sono troppo gravosi per l'interessato, non c'è che una strada, quella di una maggiore gradualità: contenere il ricorso alla frutta (limitandola ad esempio agli spuntini, al massimo alla colazione) e compensare con le verdure cotte soprattutto amidacee (patate, carote, broccoli, carciofi, rape rosse, zucca ecc. Importante comunque eliminare i cereali (anche quelli senza glutine), per non soffocare del tutto la detox, che comunque occorre cercare di tener viva, anche se al minimo. Se possibile.
La detox è fatta così, comporta una serie infinita di disturbi di ogni genere, insomma dolore e sofferenza, più o meno acuta secondo i casi. Dobbiamo imparare a gestirla secondo le nostre forze, senza tuttavia strozzarla nella culla.
Ciao Alessandro, queste cose tu ormai le sai benissimo, ma te le ho volute ricordare "ad abundantiam".
arbor
 
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Problemi con reflusso

Messaggioda arbor » mar mag 05, 2015 2:22 pm

Ovviamente quando col tempo si riuscirà a mettere la detox sotto il proprio controllo, allora ci si potrà finalmente scatenare con la frutta, che diventerà di gran lunga il nostro cibo più importante. Insomma la frutta resta sempre il nostro obiettivo, cui si approderà con la dovuta gradualità ma quella resta la meta.
arbor
 
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Problemi con reflusso

Messaggioda scyntyl » mer mag 06, 2015 7:52 am

Ciao Alessandra e ciao Arbor,
scusate il ritardo ma ieri non sono stato presente.
Arbor ha pienamente ragione in me si è scatenata una detox e io non la so dominare, come è sempre stato cosi nella mia vita è questo che intuisco a tatto. Ho una gran paura della minima cosa che mi sta succedendo anche perchè sono sintomi più violenti di quello che avevo un tempo e questo non mi aiuta di certo perchè nella mia mente è come se fosse un peggioramento delle mie patologie e non un processo di guarigione.
Alessandra io cerco di andare ad istinto e l'istinto purtroppo mi porta verso il pane, la pizza, formaggio che mi fanno pure stare meglio al livello di stomaco però peggiorano di molto il mio intestino. Per la frutta ancora non riesco a mangiarla sembra piu che altro un rifiuto psicologico perche proprio lei innesca il processo di cambiamento e forse intuisco chè io non sono pronto per cambiare. Ora sto mangiando riso integrale, grano saraceno, patate lesse e mele cotte. Come vedi manca la frutta speriamo torni presto la vera voglia di essa.
Per Luna grazie di tutti i tuoi suggerimenti ma per la dieta crudista con i grassi non credo faccia per me.
grazie
scyntyl
 
Messaggi: 19
Iscritto il: gio apr 23, 2015 10:37 am
Controllo antispam: dieciott

Re: Problemi con reflusso

Messaggioda arbor » mer mag 06, 2015 9:49 am

E’ vero, Alessandro, la detox può essere davvero una brutta bestia, un ostacolo quasi insormontabile. Bisogna allora cercare di aggirarla, di ingannarla, o più semplicemente di gestirla. Il modo più semplice per farlo è quello di affrontarla con la gradualità necessaria. A me è capitato proprio questo, di prendermi tutta la gradualità necessaria: non si è trattato di una scelta consapevole, ma di un percorso che si è dipanato un po’ per volta, mano a mano che acquisivo nuove conoscenze. Sono stato tre anni e più vegetariano, altri tre anni vegano, poi ho conosciuto l’igienismo, ma per 4/5 anni ho continuato a mangiare cereali (stile raw till4), infine tre anni fa ho conosciuto Marco e Ross0, con loro ho eliminato i cereali e scoperto la dieta frugivora a basso contenuto di grassi, in questi tre anni ho fatto i miei bravi passaggi nella detox che spero siano gli ultimi. Se avessi conosciuto Marco e Ross0 dieci anni prima, forse sarei approdato prima al crudismo nella versione attuale, o forse avrei detto che non facevano al caso mio, chi può saperlo, o forse avrei provato e mi sarei trovato di fronte a difficoltà insormontabili a causa di una detox virulenta, come è successo a te. Fatto sta che le cose sono andate come sono andate, ognuno ha il suo percorso, ora tocca a te. La strada più o meno la conosci, è quella di bandire anzitutto i cibi di origine animale, in secondo luogo di bandire anche i cereali (prima quelli con glutine poi quelli senza), andando a compensare dapprima con le verdure cotte amidacee (più o meno) e poi, per quote via via maggiori, con la frutta. All’inizio il nostro organismo rifiuta la frutta, perché questa scatena reazioni depurative (detox) molto forti: non si tratta di una relazione diretta frutta-detox, ma di una reazione mediata dal nostro sistema immunitario, che una dieta a base di frutta mette nelle migliori condizioni per farlo lavorare per l’autoguarigione (lo stesso succede anche quando si digiuna, ma ovviamente non si può digiunare sempre, mentre la dieta a base di frutta è sostenibile a lungo termine). Tutte cose che tu Alessandro sai già perfettamente, hai solo bisogno di provarle e personalizzarle con la tua esperienza, dopo esserti armato di tanta pazienza insieme alla conoscenza delle cose.
arbor
 
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Problemi con reflusso

Messaggioda scyntyl » mer mag 06, 2015 11:11 am

Non so se mi sto sbagliando ma è proprio da te Alessandra che potrei avere i giusti consigli per questo mio difficilissimo percorso verso il crudismo ad alta quota di frutta chè purtroppo io adesso al momento non riesco piu a mangiare.
Saluti
scyntyl
 
Messaggi: 19
Iscritto il: gio apr 23, 2015 10:37 am
Controllo antispam: dieciott

Re: Problemi con reflusso

Messaggioda swami863 » gio mag 07, 2015 8:25 am

Grazie della fiducia caro, premesso che siamo tutti diversi nei tempi e nelle reazioni, posso però passarti la mia esperienza.

Se un giorno avrai tempo e leggerai la mia tortuosa storia verso la salute, capirai che per me sono stati davvaro graduali i passi
In questi anni non ho scartato nenache l' idea di fermarmi prima, ovvero su un percorso Vegano ma più orientato al cotto, tanto erano forti le reazioni scatenate dalla frutta.
Io avevo in mano la DEA di Marco ma su di me non riuscivo ad applicarla, stavo male, pallida, nausea ecc.

Questo Forum e la pazienza di chi era più avanti di me mi hanno aiutata.
......ma mi ha aiutata anche l' ascolto di Me.
Se tendi verso carboidrati come pane,pasta pizza....forse è perchè ti sei imposto un passaggio troppo brusco: la tua mente sa dove vuole andare, il tuo corpo ancora non è pronto e cerca di frenare la Detox coi soliti cibi.

Bene, resta ancora un attimo nei cereali integrali, una pizzetta vegana ogni tanto, verdure cotte, insomma un passaggio di Transizione tranquillo, poi riprendi, a quel punto un gradino più su.

Se hai nausea per la frutta forse ci sono troppe tossine in circolo e il corpo ti avvisa di non smuoverne altre.
Tanto, il Processo va avanti comunque!!

L' importante è che i carboidrati non siano troppo raffinati, che tu non ricada in formaggi pesanti, carni ecc....ma lo sai.

Stati sereno, sei solo partito troppo di corsa: tra ciò che razionalmente vuoi e ciò che desidera il corpo c' è uno scollamento ora, ma rallentando torna l' equilibrio, a volte bastano anche solo pochi giorni, una pausa.

E nel tempo impariamo a diventare sempre più Medici di Noi stessi: se segui questo percorso e poi vai da un Dottore....ne esci Fragile e Confuso, ma anche qui solo il tempo ci rende forti , informandoci e leggendo tanti autori Maestri in questi Percorsi Igienisti

Tienici informati!!
Avatar utente
swami863
 
Messaggi: 185
Iscritto il: ven nov 23, 2012 12:09 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Problemi con reflusso

Messaggioda scyntyl » gio mag 07, 2015 10:34 am

Allora non mi sbagliavo, accipicchia c'è molto da leggere su di te, ma anche su Ehret forse sei tu, troverò un po di tempo per leggere sicuramente.
Ma ora da quanto mi par di capire hai superato insomma quella fase.
Saluti e grazie.
scyntyl
 
Messaggi: 19
Iscritto il: gio apr 23, 2015 10:37 am
Controllo antispam: dieciott

Re: Problemi con reflusso

Messaggioda scyntyl » gio mag 07, 2015 10:40 am

Per Arbor, continui a scrivere interi capitoli di igienismo e di detox(quest'ultima mancante in quasi tutta la letteratura igienista). Sei veramente come gia ti ho detto molte volte di grandissimo aiuto per molte persone che approdano all'igienismo stile Vaccaro e come me non riescono comunque a risolvere i loro problemi.
Grazie per divulgare la tua grande esperienza.
scyntyl
 
Messaggi: 19
Iscritto il: gio apr 23, 2015 10:37 am
Controllo antispam: dieciott

Re: Problemi con reflusso

Messaggioda swami863 » gio mag 07, 2015 11:27 am

Ho superato moltissimi sintomi da Detox (le prime pagine del miio diario sono un Cimitero!!), sia fisici che emotivi, che mi davano molta instabilità nel percorso: mi spaventavo e mi documentavo su possibili alternative di percorso, anzicheè semplicemente moderare il percorso, in calma e serenità.

Oggi ho capito la dinamica (anche le Ossessioni e le Ansie sono una forma di Detox ) e sono più serena, so che passa, ne sono passate davvero tante di "magagne" :)
Non è tutto risolto, ma sono FERMA nell' intenzione di proseguire in questa direzione: la fermezza ti viene dai risultati

La calma aiuta, piccoli passi perseveranti!
Avatar utente
swami863
 
Messaggi: 185
Iscritto il: ven nov 23, 2012 12:09 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Problemi con reflusso

Messaggioda scyntyl » gio mag 07, 2015 11:53 am

E' proprio vero mi rispecchio in cio chè dici,Alessandra, ogni sintomo che ho mi fa crescere ansia e vere e proprie ossessioni e di sicuro mi peggiora il reflusso. Ho un groppo in petto, una terribile ansia che non riesce a passare. Questa cosa la sento che è 1000 volte più forte di quando ho cominciato questa avventura. Prima diciamo da sempre era lievemente percepibile e mi dava dei piccoli malesseri al livello emotivo ed anche fisico(palpitazioni). Ma da 3 mesi a questa parte diciamo da quando ho cominciato la vera dieta solo con frutta e verdura come dicevo prima l'ansia e le fobie sono quasi insopportabili. Ora sono 10 giorni che viaggio senza frutta e con un po d'aiuto del pantorc ma sembra che ancora la cosa non passi proprio perche di natura profonda e nervosa almeno cosi la interpreto al momento.
Speriamo passi presto un saluto a tutti
scyntyl
 
Messaggi: 19
Iscritto il: gio apr 23, 2015 10:37 am
Controllo antispam: dieciott

Re: Problemi con reflusso

Messaggioda arbor » ven mag 08, 2015 7:59 am

Chi si affaccia all’igienismo in genere lo fa per motivazioni in qualche modo legate a problemi di salute, problemi che in genere si presentano con l’avanzare dell’età a causa del nostro scorretto stile di vita. Naturalmente ci sono anche casi diversi da questi, c’è anche il(la) diciassettenne che rimangono fulminati dalla bellezza e dalla forza intrinseca della disciplina igienista, a prescindere da qualsiasi loro problema personale, che d’altra parte se pur vi fosse sarebbe di ben scarso rilievo vista la loro tenera età. Insomma i guai alla salute si presentano in genere più avanti con gli anni, e sono proprio questi guai che ci spingono a cercare una soluzione nell’igienismo. Tutto questo per dire che l’esperienza igienista è, almeno in genere, un’esperienza di guarigione: questo naturalmente quando tale esperienza va a buon fine, il che spesso non è, ci sono anche i fallimenti, di chi arriva alla conclusione, naturalmente errata ma purtroppo reale, secondo cui “l’igienismo non fa per me”.
Insomma l’igienismo è un’esperienza di guarigione (o di mancata guarigione nei non pochi casi fallimentari). E, manco a dirlo, la guarigione passa attraverso la detox, cioè le crisi eliminative e riparative dell’organismo, che si manifestano attraverso una serie innumerevole di infiammazioni (le famose “iti”) in qualche punto o funzione del nostro corpo. Insomma l’igienismo è quasi sempre un’esperienza di detox: se siamo in grado di gestire correttamente la detox, di capirne il significato e di assecondarne la logica, allora abbiamo la fortuna di giungere alla guarigione; se invece non comprendiamo la logica della detox, se non siamo in grado di gestirla e prenderla per le corna, rischiamo il fallimento e dunque di allontanarci dall’igienismo e alla fine anche dalla guarigione.
Per questo la detox è così cruciale nel percorso igienista. E la cosa curiosa è che pur essendo la detox un’intuizione tipicamente igienista (è la filosofia opposta a quella imperante che impone il ricorso al medico, al chirurgo, al farmaco, insomma all’intervento esterno, laddove l’igienismo crede alla capacità autoguaritiva del nostro medico interno che è il corpo stesso e il suo sistema immunitario), eppure proprio negli ambienti igienisti si tende a minimizzarne la funzione, a non capirne il suo complesso funzionamento e a non riconoscerne il ruolo effettivamente guaritivo. Molti maestri igienisti tendono a farci credere che l’igienismo sia una panacea istantanea di tutti i mali: adotta la dieta igienista e vedrai che risolverai quasi all’istante ogni tuo problema; sì avrai qualche crisi eliminativa, ma sarà una questione di pochi giorni, specie se ricorrerai a qualche digiuno, magari lungo. Ma le cose non stanno così, quasi mai almeno, salvo che uno non sia già in buone condizioni di salute. Ma se c’è qualche acciacco (anche più di uno) antico da risolvere, se c’è qualche danno degenerativo già prodotto o anche solo in corso, specie se l’età non è più quella verde dei vent’anni, il processo di guarigione richiede in genere tempi molto più lunghi e percorsi molto più tribolati complessi e dolorosi. Spesso non basta qualche mese, ci vuole qualche semestre o addirittura qualche anno, sempre che si segua un percorso virtuoso, compatibile con le potenzialità della detox, e non si assumano invece comportamenti che ne stronchino l’efficacia operativa.
Per questo io insisto con la detox, perché su questo terreno non si fa abbastanza, né a livello divulgativo (i testi igienisti non trattano quasi per niente la detox) né a livello terapeutico (i maestri igienisti sono in genere degli esperti digiunisti, ma di detox si occupano poco o nulla). Questa è la situazione, per quanto mi pare di vedere.
arbor
 
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Problemi con reflusso

Messaggioda scyntyl » ven mag 22, 2015 11:58 am

Vi aggiorno sulla mia situazione.
Alla fine ho dovuto a distanza di un anno ripetere la gastroscopia perchè i dolori allo sterno e bruciori hanno continuato, anche se da un paio di giorni devo dire che ho avuto un miglioramento.
Dalla gastroscopia risulta(meno male) tutto negativo e mi hanno detto di continuare la cura per un'altro mese.
La mia alimentazione al momento è vegetariana e qualche volta devo aggiungere pane e pasta, perchè solo grazie ad essi sento un senso di appagamento della fame, che se invece non fermo mi da ancora piu noie allo stomaco con ulteriori succhi gastrici.
E' proprio ciò chè mi è successo , almeno credo, chè con l'alimentazione vegana-fruttariana che avevo intrapreso non riuscivo mai a colmare quel senso di fame chè la sola frutta e verdura non mi riesce a togliere. Non so come spiegarlo, ricorrevo spesso anche al riso e altri cereali ma rimaneva sempre un qualche cosa che non andava. Soltanto adesso chè ho fatto retromarcia sono diventato piu consapevole di questa cosa. Io credo, correggetemi se sbaglio, che il mio corpo è molto lontano da un'alimentazione frugrivora e sicuramente ci vorrà molto tempo di transizione
scyntyl
 
Messaggi: 19
Iscritto il: gio apr 23, 2015 10:37 am
Controllo antispam: dieciott

Re: Problemi con reflusso

Messaggioda arbor » ven mag 22, 2015 2:15 pm

L’insoddisfazione, la fame senza fine, è un indice di detox in corso, che si manifesta anche in forma di crisi di astinenza dovuta alle tossine che circolano nel sangue. Tutto questo è destinato a passare: quando la detox è alle spalle, la soddisfazione dipende solo dall’aver mangiato calorie a sufficienza, a sazietà, raggiunta la quale non resta più alcun appetito o fame balorda. E’ chiaro, Alessandro, che tu sei ancora lontano da questa condizione, che potrai raggiungere solo dopo un periodo di transizione che nel tuo caso si prospetta piuttosto lungo. Io però non mi preoccuperei della sua lunghezza, io mi prenderei tutto il tempo che occorre, senza lasciarmi prendere da ansie da prestazione. Possono volerci anche degli anni, e allora? Sei tanto giovane, hai tutto il tempo davanti a te. L’importante è procedere nella giusta direzione, un passettino alla volta, da fare al momento giusto senza nessuna particolare forzatura. La strada la conosci perfettamente, devi solo metterti in cammino e imparare a convivere con questo genere di percorso, senza lasciarti tentare da improbabili vie di fuga, che nel tuo caso, come abbiamo già visto, non portano a risultati utili. Meglio essere pragmatici ed accettare qualche compromesso, in vista della meta finale che prima o poi, stanne pur certo, potrai finalmente tagliare.
arbor
 
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

PrecedenteProssimo

Torna a Alimentazione Crudista

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite