un saluto a tutti da un carnivoro curioso

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

un saluto a tutti da un carnivoro curioso

Messaggioda bobby sands » sab apr 22, 2017 8:24 pm

ciao a tutti, mi sono iscritto a questo forum perché non conosco nessuna persona vegana e ho delle curiosità e dei dubbi che vorrei risolvere, il tutto senza polemiche o preconcetti, ma per sentire con attenzione pareri diversi dal mio per cercare di "capire", per il momento mi limito ad un saluto ma ho parecchie domande da porvi e spero di non scocciare troppo, grazie per l'attenzione
bobby sands
 
Messaggi: 23
Iscritto il: gio apr 20, 2017 6:42 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: un saluto a tutti da un carnivoro curioso

Messaggioda Sauro Martella » dom apr 23, 2017 1:24 am

Benvenuto carnivoro curioso
Avatar utente
Sauro Martella
 
Messaggi: 1905
Iscritto il: lun set 27, 2004 8:27 pm
Località: Umbria
Controllo antispam: diciotto

Re: un saluto a tutti da un carnivoro curioso

Messaggioda bobby sands » dom apr 23, 2017 6:09 am

grazie per il benvenuto, la prima domanda è... evitate di mangiare carne perché fa male alla salute o per rispetto verso gli animali ? scusate la banalità ma vorrei partire dall'inizio, e poi ci sono amimali più " nobili" che vanno rispettati (per es mammiferi) e altri meno (per es zanzare) o sono tutti sullo stesso piano ?
bobby sands
 
Messaggi: 23
Iscritto il: gio apr 20, 2017 6:42 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: un saluto a tutti da un carnivoro curioso

Messaggioda Sauro Martella » dom apr 23, 2017 9:14 am

Ciao,
La scelt vegan è una scelta etica di nonviolenza, quindi l'astensione (dove umanamente possibile e senza estremismi) da ogniboratica che rechi del danno ad altri esseri viventi e senzienti nel vivere quotidiano. Nel vestirsi, nel mangiare ed in ogni altro aspetto...
non è una scelta nutrizionale nè ambientale anche se ovviamente ci sono benefici anche da questi punti di vista
Avatar utente
Sauro Martella
 
Messaggi: 1905
Iscritto il: lun set 27, 2004 8:27 pm
Località: Umbria
Controllo antispam: diciotto

Re: un saluto a tutti da un carnivoro curioso

Messaggioda bobby sands » dom apr 23, 2017 11:14 am

dove umanamente possibile e senza estremismi mi piace anche se devo dire che l'informazione che passa dai media e sui social è di segno opposto (è per questo che cerco di informarmi direttamente da voi), vi assillerò con altre domande, ora è pronto il pranzo,per delicatezza ometto di descrivere il menù :D
bobby sands
 
Messaggi: 23
Iscritto il: gio apr 20, 2017 6:42 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: un saluto a tutti da un carnivoro curioso

Messaggioda Sauro Martella » dom apr 23, 2017 11:30 am

Sai, i media e i social tendono a alzare polveroni e innescare polemiche coinvolgendo solo gli animi più esagitati, perché di fatto campano sulla pubblicità e sul numero dle pubblico... Noi ci occupiamo di fare corretta informazione... Sono ambiti diversi.

p.s. Grazie per l'omissione.
:-)
Avatar utente
Sauro Martella
 
Messaggi: 1905
Iscritto il: lun set 27, 2004 8:27 pm
Località: Umbria
Controllo antispam: diciotto

Re: un saluto a tutti da un carnivoro curioso

Messaggioda bobby sands » dom apr 23, 2017 7:29 pm

perché "sono vietate" uova e latte ? perché sono di origine animale o per non sfruttare il "lavoro" di galline e mucche ?
bobby sands
 
Messaggi: 23
Iscritto il: gio apr 20, 2017 6:42 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: un saluto a tutti da un carnivoro curioso

Messaggioda Sauro Martella » dom apr 23, 2017 7:48 pm

Beh, non è possibile una produzione di uova o latte senza detenzione di esseri viventi e senzienti e senza poi ucciderli appena non producono più i prodotti per i quali sono stati fatti nascere... Oltretutto sia nel caso dei vitelli, che dei pulcini maschi, per non parlare dei Bufalotti, i maschi vengono tutti uccisi perché non ritenuti utili alla produzione... Ripeto finchè un animale non umano viene considerato non un essere senziente con dei diritti, ma un oggetto per produrre, lo sfruttamento e la violenza sono impossibili da evitare.
Avatar utente
Sauro Martella
 
Messaggi: 1905
Iscritto il: lun set 27, 2004 8:27 pm
Località: Umbria
Controllo antispam: diciotto

Re: un saluto a tutti da un carnivoro curioso

Messaggioda bobby sands » dom apr 23, 2017 7:52 pm

premetto che ho l'hoobie dell'apicultura... e il miele ? il miele ,ma anche polline, propoli e pappa reale hanno numerosi effetti benefici per le persone
bobby sands
 
Messaggi: 23
Iscritto il: gio apr 20, 2017 6:42 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: un saluto a tutti da un carnivoro curioso

Messaggioda bobby sands » dom apr 23, 2017 7:58 pm

ne ho molte altre, di domande, dovessi diventare molesto dimmelo e li limiterò. poniamo un esempio, un vegano ha la passione per la coltivazione delle rose, se vuole dei bei fiori deve per forza "fare fuori" gli afidi (e per me fa benissimo) a questo punto può anche bersi un campari che contiene una varietà particolare di afidi per dare il colore rosso
bobby sands
 
Messaggi: 23
Iscritto il: gio apr 20, 2017 6:42 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: un saluto a tutti da un carnivoro curioso

Messaggioda Sauro Martella » dom apr 23, 2017 8:02 pm

Miele e prodotti apiari non mi risulta abbiano niente di esclusivo da un punto di vista nutrizionale e se parliamo di sostituzione del miele in cucina, qualsiasi buon malto è identico nelle tantissime diverse varianti aromatiche che esistono (poi ci sono anche sciroppi di agave, melasse, zuccheri integrali di tantissimi tipi aromi e sapori, ecc)
Ovviamente anche il saccheggio del miele nell'alverare produce stress alle api che devono rifarlo continuamente, per non parlare di quante api restano schiacciate nell'estrazione delle cassette... Insomma, anche in questo caso, le api sono viste solo come meccanismi di produzione e non come essere viventi che hanno diritto di vivere libere senza essere sfruttate e uccise.
Avatar utente
Sauro Martella
 
Messaggi: 1905
Iscritto il: lun set 27, 2004 8:27 pm
Località: Umbria
Controllo antispam: diciotto

Re: un saluto a tutti da un carnivoro curioso

Messaggioda Sauro Martella » dom apr 23, 2017 8:06 pm

bobby sands ha scritto:ne ho molte altre, di domande, dovessi diventare molesto dimmelo e li limiterò. poniamo un esempio, un vegano ha la passione per la coltivazione delle rose, se vuole dei bei fiori deve per forza "fare fuori" gli afidi (e per me fa benissimo) a questo punto può anche bersi un campari che contiene una varietà particolare di afidi per dare il colore rosso


Nessun vegano consuma prodotti colorati con la cocciniglia... Ci sono coloranti alternativi che non implicano l'uccisione di nessun essere vivente (oltretutto la cocciniglia viene prodotto uccidendo proprio le femmine incinta, personalmente trovo questa cosa particolarmente disumana)

Per quanto riguarda la cura delle piante, come dicevo all'inizio, la scelta vegan è una scelta etica piena di compromessi necessari e non il seguire un regolamento scritto chissà da chi... Se posso evito di far del male... Bere un aperitivo con animali uccisi è certamente una delle cose che posso evitare senza problemi, quindi sarebbe stupido non farlo.
Avatar utente
Sauro Martella
 
Messaggi: 1905
Iscritto il: lun set 27, 2004 8:27 pm
Località: Umbria
Controllo antispam: diciotto

Re: un saluto a tutti da un carnivoro curioso

Messaggioda bobby sands » dom apr 23, 2017 9:03 pm

Sauro Martella ha scritto:Miele e prodotti apiari non mi risulta abbiano niente di esclusivo da un punto di vista nutrizionale e se parliamo di sostituzione del miele in cucina, qualsiasi buon malto è identico nelle tantissime diverse varianti aromatiche che esistono (poi ci sono anche sciroppi di agave, melasse, zuccheri integrali di tantissimi tipi aromi e sapori, ecc)
Ovviamente anche il saccheggio del miele nell'alverare produce stress alle api che devono rifarlo continuamente, per non parlare di quante api restano schiacciate nell'estrazione delle cassette... Insomma, anche in questo caso, le api sono viste solo come meccanismi di produzione e non come essere viventi che hanno diritto di vivere libere senza essere sfruttate e uccise.

non ho nulla da obbiettare sui prodotti alternativi ai prodotti dell'alveare, non ne conosco le proprietà ma mi fido delle tue indicazioni , per il resto mi permetto di dissentire, se non ci fossero gli apicultori le api non sarebbero "a portata di mano" e a portata delle cure . per es. a cavallo della fine del millennio la varroa ha rischiato seriamente di distruggere tutto il patrimonio apistico mondiale (con conseguente fine del mondo). inoltre quando uno sciame si attacca all'albero in giardino o chiami un apicultore che le salva o i pompieri che le uccide. per il resto in genere gli apicultori non schiacciano le api o se capita posso assicurare che uccide meno api un apicultore in tutta la sua vita professionale che un solo trattamento antiparassitario su un ettaro di frutteto
bobby sands
 
Messaggi: 23
Iscritto il: gio apr 20, 2017 6:42 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: un saluto a tutti da un carnivoro curioso

Messaggioda Sauro Martella » dom apr 23, 2017 9:23 pm

Se si vuole salvare degli esseri viventi, li si salva senza sfruttarli e ucciderli (anche accidentalmente ma prevedibilmente) nelle estrazioni della cassette... E' possibile convivere con apiari senza produrre miele e sfruttare api, conviviamo con tanti animali non umani (cani, gatti, ecc) senza necessariamente doverli sfruttare economicamente.
E' proprio quando lo scopo diventa produttivo e quindi economico, che inevitabilmente gli animali coinvolti (loro malgrado) ci rimettono...
Avatar utente
Sauro Martella
 
Messaggi: 1905
Iscritto il: lun set 27, 2004 8:27 pm
Località: Umbria
Controllo antispam: diciotto

Re: un saluto a tutti da un carnivoro curioso

Messaggioda bobby sands » dom apr 23, 2017 10:15 pm

Sauro Martella ha scritto:Se si vuole salvare degli esseri viventi, li si salva senza sfruttarli e ucciderli (anche accidentalmente ma prevedibilmente) nelle estrazioni della cassette... E' possibile convivere con apiari senza produrre miele e sfruttare api, conviviamo con tanti animali non umani (cani, gatti, ecc) senza necessariamente doverli sfruttare economicamente.
E' proprio quando lo scopo diventa produttivo e quindi economico, che inevitabilmente gli animali coinvolti (loro malgrado) ci rimettono...

non vorrei insistere e fossilizzarmi sule api, ma i trattamenti contro la varroa sono praticabili perché le arnie sono a portata di mano, le api "selvatiche" sono praticamente morte tutte, penso anche alle volte che una gelata tardiva a messo a rischio la sopravvivenza della famiglia e all'acqua e zucchero che gli ho dato consentendo di superare il periodo di magra, per il resto un conto sono cani e gatti un conto le api, conosci vegani che hanno un arnia solo per tenere api come animali da compagnia?
bobby sands
 
Messaggi: 23
Iscritto il: gio apr 20, 2017 6:42 pm
Controllo antispam: diciotto

Prossimo

Torna a Archivio forum

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti