Un piede torto e un piede piatto

Barefooters camminare ScalziForum Vegan dedicato al camminare scalzi, per molti cosa strana e rara e per pochi, quotidiana e sana regola.<p>

Moderatore: Vivere Scalzo

Un piede torto e un piede piatto

Messaggioda Gio » mer set 28, 2005 8:30 am

Eccomi di nuovo qua.
Ho bisogno di informazioni.
Intanto grazie Andrea per gli "articoli scalzi", molto interessanti.
Parlano però tutti di situazioni "fisiologiche", ossia di persone nate con piedi normali.

Mio figlio Francesco (che ora ha 3 anni e 3 mesi) è nato con il piede sin. torto (per chi sa di cosa sto parlando: equino, varo, supinato, di II grado - per chi non lo sa, il piede sin. aveva la punta verso il piede dx e la pianta girata verso l'alto, con tallone quasi assente).
E' stato curato dal II giorno di vita con il bendaggio funzionale che gli ha portato il piede nella posizione corretta (penso molto dolorosamente, a sentire dai pianti) e poi dal III mese di vita con una doccetta a molle di ritorno Saint Germain (un tutore eastico), quindi, da quando ha iniziato a camminare, scarpe ortopediche con plantare fatto su misura per lui di giorno e continuiamo col tutore di notte.
All' ultima visita (fatta questa primavera) hanno riscontrato che il piede dx, forse per fare spazio al sin., è diventato piatto, quindi ora ha il plantare anche nel piede dx.
Al momento attuale, il problema nel camminare lo vedono solo i medici e noi genitori, agli occhi dei più è un bambino con piedi normali. Tende a inciampare sul sin. solo quando + molto stanco.

Ultima cosa: alla nascita l'ortopedico mi spiegò che, più che un problema di tipo ortopedico, si tratta di un probl. di tipo neurologico e che se, una volta visti i progressi abbandono gli strumenti di correzione, il cervello del bambino farà ritornare il piede nella posizione sbagliata.

Anche per lui può essere meglio stare scalzo che con le correzioni?

La prossima visita sarà tra circa due settimane.

Grazie per l'attenzione e per le risposte che, spero, arriveranno.
Gio
Gio
 
Messaggi: 615
Iscritto il: mar dic 28, 2004 11:13 am
Località: torino

Re: Un piede torto e un piede piatto

Messaggioda Enzo » mer set 28, 2005 7:51 pm

Gio ha scritto:Ultima cosa: alla nascita l'ortopedico mi spiegò che, più che un problema di tipo ortopedico, si tratta di un probl. di tipo neurologico e che se, una volta visti i progressi abbandono gli strumenti di correzione, il cervello del bambino farà ritornare il piede nella posizione sbagliata


Spero che qualche medico ti possa rispondere. Penso pero' che in questo caso non ci siano alternative, almeno fino a quando il sistema nervoso non si sara' completamente sviluppato, anche se i 3 anni sono un punto di arrivo importante sotto questo aspetto.
E' possibile che ad una certa eta' non sia piu' necessari strumenti correttivi, ma non so con esattezza, dipende molto dalla precocita' della correzione, sapevo che se si interviene tardi puo' essere necessaria una correzione chirurgica.
Sapevo anche che si tratta di una malformazione congenita di origine incerta, forse meccanica in utero, in questo caso si tratterebbe di una situazione diversa, neurologica.
Enzo
 
Messaggi: 143
Iscritto il: mer ott 20, 2004 10:03 pm
Località: Roma

Re: Un piede torto e un piede piatto

Messaggioda bfpaul » mer set 28, 2005 8:04 pm

Gio ha scritto: Mio figlio Francesco (che ora ha 3 anni e 3 mesi) è nato con il piede sin. torto .....

Ovviamente, non essendo un esperto in materia, posso solo esprimere un parere; le diagnosi le lascio a chi di dovere.
Tuo figlio é stato curato da subito e quindi se ho ben capito, ha recuperato la funzionaltà del piede; resta da vedere se questo ricupero permane con la crescita.
Per dirla in breve: se resta scalzo, credo di si.

Gio ha scritto: All' ultima visita (fatta questa primavera) hanno riscontrato che il piede dx, forse per fare spazio al sin., è diventato piatto, quindi ora ha il plantare anche nel piede dx.
Al momento attuale, il problema nel camminare lo vedono solo i medici e noi genitori, agli occhi dei più è un bambino con piedi normali. Tende a inciampare sul sin. solo quando + molto stanco.

Mi pare un compenso della situazione, ma credo non ci sia molto da preoccuparsi, se il bambino va scalzo. Probabilmente tutto si risolverà da solo.

Gio ha scritto: Ultima cosa: alla nascita l'ortopedico mi spiegò che, più che un problema di tipo ortopedico, si tratta di un probl. di tipo neurologico e che se, una volta visti i progressi abbandono gli strumenti di correzione, il cervello del bambino farà ritornare il piede nella posizione sbagliata.

Per una volta potrebbe aver ragione l'ortopedico sul fatto del problema neurologico, ma con opportune terapie e con la terapia naturale di andar scalzo, secondo me la situazione dovrebbe rimanere "corretta".
Io ho avuto un problema per cui ho dovuto re- imparare a camminare ed ora cammino bene. E ho ben più degli anni di tuo figlio ......
bfpaul
 
Messaggi: 150
Iscritto il: mar ott 05, 2004 9:33 pm
Località: Cagliari

Messaggioda Gio » gio set 29, 2005 7:58 am

Grazie per le risposte a Enzo e bfPaul. Quindi, secondo voi, (se ho capito bene) meglio scalzo che con le scarpe ortopediche-correttive

Chiunque ne sappia un po' di più ... è pregato di scriverlo, anche perchè con la prossima visita devo dire alla scuola materna qualcosa in proposito: loro sanno del problema di Frà e non credo faranno storie se dirò loro che il bambino "deve stare scalzo (o con un paio di calze antiscivolo) perchè l'ha detto il medico" ... anche perchè hanno già accettato in classe le scarpe ortopediche al posto delle pantofoline con la stessa motivazione e, si sa, le maestre non vedono di buon occhio le scarpe in classe ...

Per ora facciamo così a scuola: scarpe ortop. al mattino e pantofoline dopo la nanna pomeridiana, poi scalzo a casa, anche perchè, poveri piedini, tutto il giorno con questo "trattamento" gonfiano al punto che dopo la nanna non riusciamo più a mettergli le scarpe ... e poi 'sta sauna quotidiana gli riduce piedi e scarpe a armi chimiche ... non vorrei vedere arrivare i marines anche all'asilo!

Una proposta potrebbe anche essere: correzione ortopedica al mattino e scalzo già all'asilo dopo la nanna.

Che ne pensate?

Ancora grazie per avere letto fino qui, Giovanna
Gio
 
Messaggi: 615
Iscritto il: mar dic 28, 2004 11:13 am
Località: torino

Messaggioda Enzo » gio set 29, 2005 2:22 pm

Forse non mi sono spiegato. Da parte mia consiglierei cautela, seguendo per ora gli indirizzi dei medici perche' il piede torto non e' uno scherzo, inoltre parli di problemi neurologici, mentre conoscevo riguardo la sua origine cause meccaniche in utero o comunque incerte. Secondo me, in questo caso, in mancanza di meglio, non conviene improvvisare, ma affidarsi ai medici, almeno fino a quando, con lo sviluppo, la situazione si sara' stabilizzata (riguarda quanto ho scritto).
Enzo
 
Messaggi: 143
Iscritto il: mer ott 20, 2004 10:03 pm
Località: Roma

Messaggioda Gio » ven set 30, 2005 8:13 am

Grazie Enzo per la precisazione.

A detta dell'ortopedico il vero piede torto ha sempre un'origine genetica e la causa della malformazione è un problema neurologico che induce il piede a stare in una posizione sbagliata per tutta la gravidanza e anche dopo la nascita. In più, a causa di questa informazione sbagliata che dal sistema nervoso arriva ai muscoli e ai tendini dal polpaccio in giù, c'è anche un assottigliamento del polpaccio e un accorciamento del tendine, che danno come caratteristica una rigidità della caviglia e del piede non riscontrabile nel piede torto "finto", quello che deriva dalla postura sbagliata in utero e che si risolve inizialmente con massaggi del piedino del neonato che può fare anche la mamma e poi, in seguito, con il semplice atto del camminare (meglio se scalzi, anche a detta degli ortopedici, oppure con delle scarpe "a biscotto") e quindi, con il peso del corpo sui piedi, si risolve completamente.

Ciao a tutti.
Gio
Gio
 
Messaggi: 615
Iscritto il: mar dic 28, 2004 11:13 am
Località: torino

Messaggioda andrea grasselli » mar ott 04, 2005 1:21 am

ciao gio,

una cosa che penso utile è farlo stare scalzo soprattutto nelle situazioni in cui puoi seguirlo tu. quindi puoi guidarlo in passeggiate scalze, scalza anche tu, osservando con pazienza i suoi movimenti ed aiutandolo se necessario, con l'amore che sai dargli.

per il problema degli odori ai piedi:
quando è senza scarpe dovrebbe poter stare anche senza calze. mettigli a disposizione delle calze che potrà indossare se sente freddo.

potete fare dei giochi con in piedi, che sono ottimi esercizi per la muscolatura:
http://www.barfusspark.info/it/itgymn.htm
tratto dal sito di lorenz kerscher
http://www.barfusspark.info/it/itindex.htm

toccatevi, massaggiatevi e scaldatevi i piedi a vicenda: l'interesse e il calore umano aiuteranno tuo figlio a sentire ancora di più l'importanza dei piedi e l'attenzione che è bene dedicare loro.

un abbraccio da andrea
andrea grasselli
 
Messaggi: 735
Iscritto il: mar ott 05, 2004 8:02 pm
Località: lugano

Messaggioda Gio » mar ott 04, 2005 8:26 am

Grazie Andrea, sei sempre molto gentile.

Buon tutto.

Gio
Gio
 
Messaggi: 615
Iscritto il: mar dic 28, 2004 11:13 am
Località: torino

Messaggioda anan » mer gen 18, 2006 11:02 pm

ciao gio!
caspita che rogna questo piede torto!
leggendo di francesco non posso non pensare al piedino di lorenzo anche lui con il piedino torto.
ma come deve stare sempre con le scarpine correttive? caspita a questo non avevo pensato.
e perché? lo aiutano a tenere il piedino dritto? o è per il tendine?

per la storia del problema "neurologico". il nostro ortopedico l'ha definito un problema di inprinting, cioè il bimbo ha avuto il piedino torto per tutta la sua vita in utero e quindi nella sua mappa mentale il piede appare torto anche se ormai dopo i gessi e i trattamenti il piede è dritto. questo fa si che nel tempo lui sia portato a usarlo male.

ciao
anna
anan
 
Messaggi: 522
Iscritto il: dom ott 17, 2004 11:12 pm

Re: Un piede torto e un piede piatto

Messaggioda ladytachina » mar ago 06, 2013 6:17 pm

Ciao,
è passato qualche anno da questa discussione, ma vorrei sapere come sta ora il tuo bimbo Gio.
Io sono di 30 settimane e alla morfologica hanno diagnosticato il pt dx.
ladytachina
 
Messaggi: 5
Iscritto il: gio lug 23, 2009 9:32 am
Controllo antispam: cinque


Torna a Camminare scalzi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite