domanda da chi cammina scalzo

Forum dedicato al camminare scalzi.

Moderatore: Vivere Scalzo

Re: domanda da chi cammina scalzo

Messaggioda Akira » mer dic 29, 2010 9:17 am

Se pestate una cacca ?

Sinceramente per strada non proverò mai.... mi vengono i brividi.
Akira
 
Messaggi: 1482
Iscritto il: dom lug 30, 2006 6:44 am

Re: domanda da chi cammina scalzo

Messaggioda BarefootGuy84 » mer dic 29, 2010 10:47 pm

Akira ha scritto:Se pestate una cacca ?


Domanda stupida e inutile dato che all'autore del post interessavano opinioni da parte di chi cammina scalzo.
BarefootGuy84
 
Messaggi: 17
Iscritto il: mar ago 31, 2010 7:59 pm
Controllo antispam: cinque

Re: domanda da chi cammina scalzo

Messaggioda Akira » gio dic 30, 2010 8:12 am

Beh! Anche a me interessa la risposta alla mia domanda.... ma forse non avete una risposta e quindi sviate l'argomento.... :D
Akira
 
Messaggi: 1482
Iscritto il: dom lug 30, 2006 6:44 am

Re: domanda da chi cammina scalzo

Messaggioda Vivere Scalzo » ven dic 31, 2010 3:29 pm

elebz ha scritto:1. le nonne non dicono sempre che camminare scalzi si prende freddo e poi da vecchi vengono i dolori?
Le nonne dicono tante cose... Spesso le nonne hanno i piedi doloranti e distrutti dalle scarpe, mi vien da pensare che spesso non siano molto preparate in materia. Ieri parlando con la farmacista, mi raccontava della quantità di "rimedi" venduti per rimediare ai danni delle scarpe (alluce valgo, calli, puzze varie, funghi, verruche, vesciche).
Io vivo praticamente scalzo sempre e vi assicuro che in inverno spesso la strada è piacevolmente scaldata dal sole, ovviamente non quanto una "scarpa serra" che trattiene calore, a mio parere troppo, visto che il piede suda.
Da quando vado permanentemente scalzo mi è diminuito il piattismo plantare di cui ho sempre sofferto.

elebz ha scritto:2. ma come mai già nella preistoria usavano scarpe se fa cosi bene stare scalzi? persino nella neve? e i geloni?
(le avete viste quelle di Ötzi??)
Le scarpe sono indispensabili per temperature prolungate sotto lo zero.
La neve ha tanta aria, quindi non è così fredda se ci si muove.
I geloni vengono soprattutto per la mancanza di circolazione e il freddo. Le scarpe impediscono una buona circolazione, un piede scalzo si muove bene e aiuta a pompare il sangue in alto, aiutando il ritorno venoso e prevenendo oltre i geloni anche le vene varicose e gambe gonfie. La settimana scorsa in nave un signore mi raccontava che da ragazzo aveva i geloni e la nonna lo costrinse a camminare alcuni minuti scalzo nella neve e i geloni scomparirono in brevissimo tempo.

elebz ha scritto:3. ma camminare scalzi nel bosco non vi siete mai presi le zecche? da me se lo fai succede sempre (io ne ho avute e l'unica volta che l'ha fatto una mia amica se l'è presa infatti)
Le zecche non si attaccano ai piedi, salgono attraverso i pantaloni verso il retro delle ginocchia o più in alto, quindi l'esser scalzi non cambia nulla.

Akira ha scritto:Se pestate una cacca ?
Chi cammina sempre scalzo riacquisisce la capacità di guardare dove cammina (capacità innata, ma persa con l'uso delle scarpe). Se anche così si pesta una cacca, ci si pulisce come con le scarpe, con la differenza che il piede è liscio e si pulisce molto facilmente, mentre la scarpa la trattiene. Inoltre il piede possiamo lavarlo e disinfettarlo, mentre la scarpa difficilmente viene lavata a dovere. La pelle di chi cammina scalzo non è macerata e permeabile come quella di chi usa le scarpe.

Questa è la mia esperienza, preciso che io vivo scalzo.
Non sono certo masochista, se vado scalzo è perché lo reputo più sano, più comodo e più igienico che andare con le scarpe.
Giorgio
NonSoloSolo
Avatar utente
Vivere Scalzo
 
Messaggi: 187
Iscritto il: sab nov 27, 2010 6:15 pm
Controllo antispam: cinque

Re: domanda da chi cammina scalzo

Messaggioda robyvac » ven dic 31, 2010 6:05 pm

Caro Giorgio, non sei solo no :D Concordo con tutto quello che hai scritto, è pieno di buon senso e logica( nonchè esperienza).
Ciao e buon anno
Avatar utente
robyvac
 
Messaggi: 4
Iscritto il: lun dic 20, 2010 10:35 am
Controllo antispam: cinque

Re: domanda da chi cammina scalzo

Messaggioda elebz » ven dic 31, 2010 6:55 pm

ciao grazie delle risposte : )
vorrei solo correggerti una cosa.. le zecche sui piedi vengono eccome! sopratutto tra le dita. però effettivamente era una domanda stupida, perche al contrario di chi cammina con le scarpe voi tornando a casa scalzi vi controllerete e laverete i piedi e quindi l'eventuale zecca la togliereste subito.

buon anno e grazie : )
Avatar utente
elebz
 
Messaggi: 19
Iscritto il: lun dic 27, 2010 5:36 pm
Località: Alto Adige
Controllo antispam: cinque

Re: domanda da chi cammina scalzo

Messaggioda GioEmi » dom gen 02, 2011 10:39 am

elebz ha scritto:ma camminare scalzi nel bosco non vi siete mai presi le zecche? da me se lo fai succede sempre (io ne ho avute e l'unica volta che l'ha fatto una mia amica se l'è presa infatti)


sulle colline dove abito io ci sono tantiiissime zecche, se ti addentri un pochino nel bosco ne esci con almeno due o tre anche con scarponi, pantaloni e calzettoni...te le trovi dappertutto, soprattutto sui bimbi che magari essendo più bassi....ormai ci siamo abituati...un po' d'olio, pinzetta, una giratina e via...

Il vero problema del camminare scalzi nel bosco, da noi, non sono le zecche ma i ricci delle castagne :wink:
GioEmi
 
Messaggi: 8
Iscritto il: mer ago 12, 2009 8:27 pm
Controllo antispam: cinque

Re: domanda da chi cammina scalzo

Messaggioda GioEmi » dom gen 02, 2011 11:12 am

Vorrei anche aggiornarvi su mio figlio, anche se magari non ve ne frega niente, però per me è interessante vedere come si comportano i bambini che non hanno costrizioni culturali e nemmeno abitudini acquisite...dunque lui continua a camminare scalzo in casa, ora che ha imparato a spogliarsi a volte lo si trova pure in giro tutto nudo :D , io non ci metto più parola e in quanto a raffreddore...nulla di straordinario, qualche giorno ha il naso che cola, altri giorni no.
GioEmi
 
Messaggi: 8
Iscritto il: mer ago 12, 2009 8:27 pm
Controllo antispam: cinque

Re: domanda da chi cammina scalzo

Messaggioda Vivere Scalzo » gio gen 20, 2011 12:47 pm

I bimbi non hanno ancora perso il potere di termoregolarsi, che si perde con il tempo a forza di coprirci troppo.
Per fortuna è un processo reversibile, basta coprirsi un po' meno ogni volta e ci si accorge che il fisico sopperisce.
Certo si sente che c'è fresco, ma questo non disturba.
Questo vale sia per i piedi che per il resto del corpo. Ricordiamoci che siamo animali a sangue caldo e che il nostro corpo può produrre calore.

Gioemi quanto è grande il bimbo? Ha tanta fortuna ad avere una mamma che lo lascia libero e non condiziona troppo a vivere in maniera "socialmente corretta", ma innaturale e dannosa.

Giorgio
NonSoloSolo
Avatar utente
Vivere Scalzo
 
Messaggi: 187
Iscritto il: sab nov 27, 2010 6:15 pm
Controllo antispam: cinque

Re: domanda da chi cammina scalzo

Messaggioda NaturAoDistruzione » ven feb 11, 2011 12:49 pm

Salve, vorrei incominciare anch'io a camminare scalzo nella natura, ho sempre camminato scalzo in casa, ma purtroppo negli ultimi tempi non ho avuto molte occasioni di praticare questa attività in ambienti naturali e vorrei alcune informazioni da persone che la praticano da tempo sulla modificazione della pianta del piede, della muscolatura, dell'ossatura, della sensazione di dolore del piede, delle unghie dei piedi, dell'ossatura delle dita dei piedi e dei cambiamenti generali alla camminata ed anche alla capacità di corsa, sarebeb anche molto interessante per me conoscere alcuni suggerimenti su eventuali pericoli nel camminare scalzo in ambienti aperti e naturali soprattutto da coloro che praticano questa attività da tempo. INoltre vorrei anche sapere se ci sono delle famiglie che fanno praticare questa attività ai figli e del diversa evoluzione dei piedi dei loro figli rispetto a coetanei che utilizzano solo scarpe.
NaturAoDistruzione
 

Re: domanda da chi cammina scalzo

Messaggioda NaturAoDistruzione » ven feb 11, 2011 12:54 pm

NonSoloSolo ha scritto:
Gioemi quanto è grande il bimbo? Ha tanta fortuna ad avere una mamma che lo lascia libero e non condiziona troppo a vivere in maniera "socialmente corretta", ma innaturale e dannosa.

Giorgio
NonSoloSolo


Haha parole sante, in ogni modo la parte malata della popolazione umana verrà rimossa nei prossimi 20-30 anni, è una questione spirituale ed evolutiva.
NaturAoDistruzione
 

Re: domanda da chi cammina scalzo

Messaggioda chiccovoice » mer feb 16, 2011 12:08 am

NaturAoDistruzione ha scritto:Salve, vorrei incominciare anch'io a camminare scalzo nella natura, ho sempre camminato scalzo in casa, ma purtroppo negli ultimi tempi non ho avuto molte occasioni di praticare questa attività in ambienti naturali e vorrei alcune informazioni da persone che la praticano da tempo sulla modificazione della pianta del piede, della muscolatura, dell'ossatura, della sensazione di dolore del piede, delle unghie dei piedi, dell'ossatura delle dita dei piedi e dei cambiamenti generali alla camminata ed anche alla capacità di corsa, sarebeb anche molto interessante per me conoscere alcuni suggerimenti su eventuali pericoli nel camminare scalzo in ambienti aperti e naturali soprattutto da coloro che praticano questa attività da tempo. INoltre vorrei anche sapere se ci sono delle famiglie che fanno praticare questa attività ai figli e del diversa evoluzione dei piedi dei loro figli rispetto a coetanei che utilizzano solo scarpe.

Ciao! Io pratico il barefooting da anni,ma da sempre (o quasi) amo stare scalzo appena posso. Vorrei rispondere a tutte le tue domande ma non essenso medico nè competente in materia di corpo umano ti posso solo confermare una cosa:io ho il piede piatto e da bambino ho dovuto indossare i plantari anatomici (da inserire in appositi scarponcini in cuoio rigidissimi). Ricordo solo di quei tempi un dolore costante all'arcata plantare (che non avevo proprio per il fatto del piattismo dei piedi). Tre anni fa come dicevo,ho iniziato a camminare in maniera permanente scalzo,e dato che camminare è una mia passione,ho coniugato il piacere del footing con il grande piacere di farlo a piedi nudi. Un giorno,mentre camminavo su asfalto bagnato mi sono accorto per caso che le impronte che lasciavo erano mancanti dell'arcata plantare... Bene,mi sono reso conto che camminando a piedi nudi mi si stava lentamente modificando il piede,cioè mi si stava riformando l'arcata plantare. Questo per mè è stato motivo per continuare ed incrementare le mie passaggiate scalzo. Chicco.
chiccovoice
 
Messaggi: 80
Iscritto il: lun mag 26, 2008 10:56 am

Re: domanda da chi cammina scalzo

Messaggioda Milo Girina » dom ott 30, 2011 5:23 pm

Anche sull'asfalto, che non è di certo naturale ma altrettanto certamente non è dissimile da tante superfici naturali, mi trovo meglio scalzo. La postura ne trae comnque giovamento così come pure fanno le ginocchia e la schiena.

I percorsi naturali meno regolari hanno di bello, oltre al contatto con la natura (con tutto il bagaglio tattile che ne deriva) anche il fatto che su di essi non si cammina col tipico movimento tacco-punta che tutti noi conosciamo ma, viceversa si pogia prima il metatarso. Questo modo di procedere è indescrivibile se non lo si prova.

...

Ora torno al nocciolo della questione. Anche in città, in molte occasioni, mi accorgo di camminare poggiando prima il metatarso. Lo faccio in maniera del tutto istintiva ogniqualvolta incontro una pendenza, un gradino o un ostacolo in generale. I tutto con grande benestare della colonna e dell'affaticamento generale. Non dimentichiamo la seconda pompa del piede !!!
Avatar utente
Milo Girina
 
Messaggi: 5
Iscritto il: dom ott 30, 2011 4:53 pm
Località: Sardegna
Controllo antispam: cinque

Re: domanda da chi cammina scalzo

Messaggioda Pizza pie » lun nov 07, 2011 9:11 pm

astra84 ha scritto:ma camminare sull'asfalto che sensazione di benessere può dare?...non vedo il contatto naturale e questa pratica perde di significato...

Ciao, finalmente riesco a passare i qui: anche a me, prima di togliere le scarpe, sembrava strana questa affermazione! :shock:
Ora che da quasi due mesi vivo scalza (eh sì: sono una veterana!) vedo la cosa in maniera diversa.
Fin da subito mi è piaciuto andare scalza, su qualsiasi terreno, anche i più sgradevoli che comunque poco alla volta comincio ad apprezzare al tatto.
Ma la cosa che nessuno o quasi menziona mai è l'incredibile sensazione di libertà che si prova :idea:
È indescrivibile quanto si stia bene... sarà che ho sempre sofferto ai piedi e che qualsiasi scarpa era sempre troppo stretta, grattava da qualche parte, faceva sudare o per qualche arcano motivo era inadeguata... infatti ultimamente portavo sempre dei tabi, che erano la cosa più comoda che avevo trovato da mettere.
Da quando ho realizzato, grazie a Giorgio di Vivere Scalzo, che in effetti non c'era nessun valido motivo per continuare a mettere le scarpe sto ancora meglio che con i tabi, anche sull'asfalto, che può essere più o meno caldo, liscio o ruvido etc. come qualsiasi altro terreno. Dove amo forse meno camminare scalza è proprio l'erba a causa del fatto che non sto tranquilla per quello che potrebbe esserci dentro... :D
Avatar utente
Pizza pie
Site Admin
 
Messaggi: 403
Iscritto il: mar ago 03, 2010 9:09 am
Località: Parigi
Controllo antispam: cinque

Re: domanda da chi cammina scalzo

Messaggioda Pizza pie » lun nov 07, 2011 9:16 pm

Akira ha scritto:Se pestate una cacca ?

:lol: che schifo... spero non mi succeda mai... a dire il vero mi è successo due o tre volte in tutta la mia vita... ma ti dirò... mi darebbe più fastidio avere un bel paio di scarpe costose che non posso lavare-disinfettare che pestarla a piedi nudi: una bella lavata e disinfettata e via! Ma perché noi scalzi dobbiamo proprio pestare le cacche? :?
Avatar utente
Pizza pie
Site Admin
 
Messaggi: 403
Iscritto il: mar ago 03, 2010 9:09 am
Località: Parigi
Controllo antispam: cinque

PrecedenteProssimo

Torna a Camminare scalzi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite