Siliconi al bando. Cosa c'è di vero?

Forum di supporto al nuovo Biodizionario.it
per approfondimenti sui giudizi espressi del BioDizionario sugli ingredienti Cosmetici e Alimentari

Moderatori: laura serpilli, Erica Congiu

Siliconi al bando. Cosa c'è di vero?

Messaggioda Erica Congiu » mer gen 31, 2018 6:24 pm

Recentemente ha destato preoccupazione la decisione della comunità europea di vietare, dal 2020, l'utilizzo di due tipi di siliconi: l’Octamethylcyclotetrasiloxane (D4) e il Decamethylcyclopentasiloxane (D5) (comunemente denominati cyclomethicone e cyclopentasiloxane).

E' lecito chiedersi quanto l'utilizzo passato di queste sostanze possa aver inciso sulla nostra salute e se possiamo fare qualcosa per “disintossicarci” da queste sostanze.

I siliconi sono sicuramente tra gli ingredienti più controversi e disprezzati dalla comunità eco-bio: Di origine sintetica e addirittura petrolifera, comedogenici, filmogeni, non biodegradabili. Tutto ciò che non vorremmo in un cosmetico amico della pelle.

Il primo mito da sfatare è sicuramente quello dell'origine petrolifera. Non bisogna confondere i siliconi con i petrolati come paraffinum liquid. I siliconi derivano dalla silice, un materiale minerale, inerte, dalle interessanti proprietà cosmetiche. E' vero infatti che i siliconi hanno proprità “filmogene” andando a creare uno strato protettivo sulla pelle o sul capello. Questo può essere sicuramente vantaggioso per un tessuto “morto” come il fusto del capello, che necessita di essere protetto e “lucidato”, per avere un aspetto migliore, ma puo' essere problematico per l'epidermide, un tessuto vivo, “traspirante”, dal delicato equilibrio idrolipidico. Si dice che questo film inerte possa aiutare a trattenere l'acqua migliorando l'idratazione, ma è anche vero che sotto questo film gli oli prodotti naturalmente dalla pelle e le cellule morte possono accumularsi ed occludere i pori. La cosa viene aggravata dalla comune combinazione di questi ingredienti con paraffina e/o altre sostanze oleose, anche se naturali, che vanno ulteriormente a intasare i pori, creando i famosi “punti neri”
In questo caso deve essere applicata una buona dose di buon senso: Ha senso applicare quotidianamente un qualcosa che non apporta nessun vantaggio per la pelle, se non a fini puramente estetici e momentanei? Ci sono alternative naturali paragonabili se non migliori che possono aiutare a mantenere l'idratazione cutanea senza occludere i pori? Ma soprattutto: “L'uso occasionale dei siliconi può effettivamente danneggiare la pelle e la salute?”
Basta fare una rapida ricerca su google per vedere la parola silicone spesso associata al termine “cancerogeno”. La realtà è che non esiste nessuno studio che dimostri che alle dosi d'utilizzo i siliconi possano avere un effetto cancerogeno e il termine “inerte” si riferisce proprio al fatto che non dovrebbero in nessun modo alterare la fisiologia del nostro organismo.

Quindi perchè questa “marcia indietro” da parte della comunità europea?
Se si va a guardare il documento ufficiale si scopre che le preoccupazioni riguardano l'impatto ambientare di queste due sostanze e solo in casi particolari, ovvero quando queste sostanze vengono inserite in prodotti “a risciacquo”
Si legge infatti “La presenza di D4 e D5 in taluni prodotti cosmetici che vengono eliminati con acqua dopo l'applicazione comporta un rischio per l'ambiente causato dalle loro proprietà pericolose in quanto sostanza PBT e vPvB nel caso del D4 e sostanza vPvB nel caso del D5. (...). Il limite di concentrazione dello 0,1% fissato dalla restrizione garantisce in modo efficace la cessazione di ogni uso intenzionale di D4 e D5, poiché tali sostanze, per adempiere alla loro funzione, devono essere presenti in concentrazioni molto più elevate nei prodotti cosmetici da eliminare con acqua.”

Il regolamento pertanto non si applica per prodotti che devono rimanere a contatto con la pelle, come primer, fondotinta e creme per il viso, in quanto in grado di evaporare, non contribuendo quindi in misura significativa all'inquinamento acquatico (anche se “il rischio che possono presentare per l'ambiente non è ancora stato valutato dal RAC”).

Possiamo stare tranquilli allora? Al di là delle preoccupazioni ambientali (che comunque non sono una cosa da poco), questi siliconi possono essere considerati sicuri?
Non proprio. Andando a spulciare l'opinione ufficiale della comunità europea si scoprono alcune cose alquanto preoccupanti:
Il D4 infatti è stato classificato come “tossico per la riproduzione” ovvero può diminuire la fertilità. Andando ad approfondire si legge “Un importante effetto negativo del D4 è l' evidenziata tossicità riproduttiva nei ratti. Questi effetti consistono in riduzione dei corpi lutei, siti di impianto e numero di cuccioli nati da madri esposte ad alte concentrazioni di D4 e sono tutte correlate. La soppressione dell'ondata di ormone luteinizzante preovulatorio potrebbe causare una ritardata fase di ovulazione e ridotta fertilità.
Nello studio vengono citati anche affetti avversi nel confronti del timo, fegato ed endometrio.
Pur volendo rimarcare l'inaccettabilità etica della sperimentazione animale e la dubbia riproducibilità dei risultati sull'organismo umano, questi dati sono quantomeno allarmanti.
La ragione per cui tale sostanza non è ancora stata ritirata è la bassa concentrazione di utilizzo nella pratica cosmetica, anche se lo studio stesso rivela che “La richiedente aveva inizialmente descritto tale ciclometicone (octametiltetraciclo-silossano, D4) utilizzato in tutti i prodotti cosmetici in media concentrazione dell'1%. Tuttavia, i dati pubblicati nella letteratura scientifica indicano che il ciclometicone può essere presente in alcuni prodotti cosmetici, ad esempio negli antitraspiranti, a concentrazioni> 40% di concentrazione.
E ancora: “Un valore dello 0.5% di assorbimento cutaneo of D4 è stato posto come limite di sicurezza per il D4” ma “formulazioni antitraspiranti contenente il 62% (peso / peso) sono assorbite nella pelle di cadavere umano e fluidi recettori dopo 24 ore di esposizione, con assorbimento cutaneo del 0,94%.
Quindi il limite di sicurezza viene facilmente infranto in alcune formulazioni cosmetiche, che usano questi siliconi a dosi maggiori.

Minore preoccupazione desta il D5, che, seppur con qualche remora, passa tutti i test di sicurezza. La sua “pecca” è solo la possibile contaminazione da D4 e il fatto che questi siliconi vengono spesso utilizzati in sinergia.

Il “take home message”? A mio parere ci sono sufficienti evidenze per evitare del tutto il cyclomethicone, e ottime ragioni ambientali per limitare il più possibile tutti gli altri siliconi. In commercio ci sono buone alternative, bisogna prendersi un po' di tempo per capire quali sono le formulazioni più adatte per la propria pelle (tutti gli olii vegetali hanno un certo grado di comedogenicità, ma molto dipende dalla nostra personalissima grana della pelle...è un po' come trovare la chiave giusta per una serratura).
Dico “limitare” perchè ci possono essere occasioni in cui il gradevole effetto estetico, difficilmente replicabile dai cosmetici eco-bio, che può donare un primer o un fondotinta siliconico possono fare la differenza: Matrimoni, red carpet, ospitate televisive...Se la levigatezza della vostra pelle o la setosità dei vostri capelli possono apportare un significativo vantaggio in una situazione “una tantum” perchè no?
Tenendo anche presente che, come sottolineato all'inizio è ben diverso utilizzare un silicone sulla pelle rispetto che sul capello.

Il danno ambientale rimane la preoccupazione maggiore, pertanto in questa ottica, tali sostanze rimarranno comunque segnalate da un doppio semaforo rosso sul BioDizionario il che, rende questi due ingredienti in nessun modo utilizzabili dai prodotti certificati BIODIZIONARIO APPROVED.

Riferimenti:
http://eur-lex.europa.eu/legal-content/ ... 35&from=EN
https://ec.europa.eu/health/scientific_ ... _o_029.pdf

Approfondimenti:
http://www.biodizionario.it

Autore: Dott.ssa Erica Congiu (Direttrice BioDizionario.it)

RIPRODUZIONE RISERVATA © copyright BIODIZIONARIO.IT
Avatar utente
Erica Congiu
 
Messaggi: 255
Iscritto il: sab dic 05, 2015 1:50 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Siliconi al bando. Cosa c'è di vero?

Messaggioda Sauro Martella » mer gen 31, 2018 6:43 pm

Ottimo chiarimento!
Anzi, talmente chiaro e preciso rispetto a tante ciance lette in rete in queste ore, che lo stiamo diffondendo anche su:
www.promiseland.it/2018/01/31/siliconi- ... ce-di-vero

Un po' di corretta informazione, non potrà fare che bene.
:-)
Avatar utente
Sauro Martella
 
Messaggi: 1771
Iscritto il: lun set 27, 2004 8:27 pm
Località: Umbria
Controllo antispam: diciotto

Re: Siliconi al bando. Cosa c'è di vero?

Messaggioda Valeria90 » mer gen 31, 2018 7:05 pm

E come sempre: grazie, grazie, grazie :D !
Avatar utente
Valeria90
 
Messaggi: 20
Iscritto il: dom mag 21, 2017 6:55 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Siliconi al bando. Cosa c'è di vero?

Messaggioda DonatoV. » mer gen 31, 2018 7:18 pm

Stavo proprio per chiedere qui sul forum un parere visto che ho letto tante parole a vanvera dove ognuno tira l'acqua al proprio mulino e l'informazione corretta viene lasciata chiusa in un cassetto.
Grazie alla professionalità che il biodizionario garantisce e alla chiarezza della nostra (posso dire così?) Erica
è un piacere far parte di questa community dove non ci si lascia trasportare da titoloni acchiappaclick ma si affronta ogni argomento con professionalità e cordialità
Avatar utente
DonatoV.
 
Messaggi: 15
Iscritto il: mar dic 27, 2016 9:26 pm
Controllo antispam: DICIOTTO

Re: Siliconi al bando. Cosa c'è di vero?

Messaggioda woodybio » mer gen 31, 2018 8:57 pm

Grazie per il chiarimento. Anche io avevo letto comunicati che avevano solo lo scopo di autoglorificarsi dicendo cose scorrette.
Ora è tutto finalmente chiaro :mrgreen:
Avatar utente
woodybio
 
Messaggi: 15
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:05 am

Re: Siliconi al bando. Cosa c'è di vero?

Messaggioda marylunae » gio feb 01, 2018 9:58 am

ancora grazie a questo sito unico che finalmente chiarisce le cose complicate e ce le fa capire senza girarci intorno. quando vedremo le prime aziende certificate dal biodizionario? i prodotti li venderete qui sul sito?
marylunae
 
Messaggi: 14
Iscritto il: sab apr 01, 2017 5:35 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Siliconi al bando. Cosa c'è di vero?

Messaggioda Erica Congiu » gio feb 01, 2018 10:13 am

Grazie a tutti per il gradito riscontro :P
Marylunae presto arriveranno i primi prodotti, per il momento non saranno acquistabili sul nostro sito, ma sicuramente dal sito del fornitore :wink:
Avatar utente
Erica Congiu
 
Messaggi: 255
Iscritto il: sab dic 05, 2015 1:50 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Siliconi al bando. Cosa c'è di vero?

Messaggioda Sauro Martella » gio feb 01, 2018 12:26 pm

Ciao Marilunae, mi permetto di intervenire per risponderti personalmente su aspetti che seguo direttamente.
Ti confermo che i primi prodotti certificati BIODIZIONARIO APPROVED saranno presto introdotti sul mercato da diverse aziende davvero importanti su scala nazionale (probabilmente verranno presentati al VeganFest di Lucca sul palco durante una tavola rotonda sulla BioCosmesi insieme a formulatori, enti certificatori e produttori).
Stiamo in questi giorni verificando schede tecniche e etichette e il percorso per rendere un prodotto BIODIZIONARIO APPROVED è fatto di controlli e documentazioni da verificare, proprio come per la certificazione VEGANOK.
In realtà la certificazione BIODIZIONARIO APPROVED non viene rilasciata all'azienda, ma ai soli specifici prodotti che rispettano il rigido disciplinare, quindi è più corretto parlare di prodotti conformi e non di aziende.

Secondo aspetto che ci tengo a chiarire, i prodotti BIODIZIONARIO APPROVED non saranno venduti da noi, tantomeno qui sul BioDizionario.it che rimarrà orgogliosamente uno strumento libero dove trovare informazione e confronto e non un luogo dove vendere prodotti.
Gli aspetti commerciali sono cosa legittima e sulla quale non abbiamo niente in contrario, ma preferiamo lasciarli fuori da qui per garantire sulla nostra libertà di autonomia decisionale nel giudicare che tipo di semaforo attribuire a una molecola.
Sul forum BioDizionario su fa informazione corretta e non commercio.

Grazie a tutti per l'attenzione e a presto per le novità!
Avatar utente
Sauro Martella
 
Messaggi: 1771
Iscritto il: lun set 27, 2004 8:27 pm
Località: Umbria
Controllo antispam: diciotto

Re: Siliconi al bando. Cosa c'è di vero?

Messaggioda woodybio » gio feb 01, 2018 12:32 pm

grazie dei chiarimenti è bello verificare che qui non ci saranno interessi personali che invece vedo da altre parti. ho sempre apprezzato la correttezza di promiseland che ora finalmente ritrovo anche qui sul biodizionario. spero di vedere presto in commercio i primi prodotti del biodizionario che proverò sicuramente
Avatar utente
woodybio
 
Messaggi: 15
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:05 am

Re: Siliconi al bando. Cosa c'è di vero?

Messaggioda marylunae » gio feb 01, 2018 5:51 pm

grazie Erica e Sauro siete sempre gentilissimi e precisi nelle spiegazioni :D
marylunae
 
Messaggi: 14
Iscritto il: sab apr 01, 2017 5:35 pm
Controllo antispam: Diciotto

Re: Siliconi al bando. Cosa c'è di vero?

Messaggioda Dr.Michela » ven feb 02, 2018 7:02 pm

Buonasera a tutti i partecipanti. Ho letto sul giornale il vostro articolo sul presunto divieto delle due sostanze nei prodotti cosmetici e mi congratulo per la precisione del chiarimento.
La mia professione mi porta ogni giorno a confrontarmi con cattivi maestri e presunti esperti che scrivono cose allarmistiche e senza reale fondamento come ho visto fare su questo argomento su diversi siti vicini al mondo "naturale" di cui comunque ritengo di far parte con il mio operato quotidiano.
Ho trovato le parole della collega Erica Congiu, pienamente rispondenti alla realtà e prive di enfatizzazioni, proprio come dovrebbe fare chi si assume l'onere di produrre un'informazione responsabile.
Consiglierò certamente la frequentazione del Biodizionario alle persone che per i più svariati problemi chiedono la mia consulenza, augurandomi che venga mantenuta la professionalità riscontrata. E ovviamente anch'io, pur non essendo una assidua scrittrice su internet, visiterò frequentemente questo porto sicuro.
Dottoressa Michela F.
Avatar utente
Dr.Michela
 
Messaggi: 4
Iscritto il: ven feb 02, 2018 6:49 pm
Controllo antispam: diciotto


Torna a Nuovo BioDizionario: Cosmetico & Alimentare

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti