Lavastoviglie: residui carboidrati e proteine su pentole

Forum di supporto al sito Biodizionario.it

Moderatore: Fabrizio Zago

Lavastoviglie: residui carboidrati e proteine su pentole

Messaggioda Etrusca_F » mar feb 14, 2017 4:32 pm

Buonasera a tutti, :)

vorrei porre una questione che non ho trovato affrontata nelle varie discussioni sui detersivi per lavastoviglie.

- Lavastoviglie acquistata a ottobre 2015 (all’epoca tra le migliori dai test Altroconsumo, soprattutto per efficacia del risciacquo), classe A+++, solitamente utilizzata ogni 1-2 gg, con ciclo “Eco 50° C”, stoviglie disposte come si deve e non eccessivamente piena.
- Acqua 11,6°F, con conseguente regolazione dell’addolcitore (ma non uso il citrico/brillantante).
- Provati 5 diversi detergenti, tra cui le pastiglie Viviverde Coop e il gel Verdevero; ormai il “mio” detersivo è la polvere Solara Officina Naturae.

Il problema è che sulle pentole in acciaio, ma anche sui coperchi in vetro o Pyrex, restano sempre, ma proprio sempre, consistenti residui della patina di cottura di carboidrati (soprattutto riso, ma anche pasta, che richiede cottura ben più breve) e legumi (le lenticchie le più indelebili!! :? ).
Nemmeno il programma “Energico 70°” risolve, e neppure avviare il lavaggio subito dopo aver svuotato le pentole e averle fatte raffreddare un po'.
Tenendo conto che in genere si tratta di cotture per bollitura o al vapore, e che abitualmente non uso grassi in cottura (le rare volte, è solo olio extra vergine d’oliva), qualcuno può aiutarmi a capire cosa non funziona e, possibilmente, come migliorare il risultato di lavaggio? :roll: :idea:

Grazie.

Questo il detersivo:

Trisodium citrate,
sodium carbonate,
disodium silicate,
sodium carbonate peroxide,
sodium sulfate,
carboxymethylcellulose,
glycerin,
sunflower seed oil polyglyceryl,
coco glucoside,
silica,
tetrasodium etidronate,
alfa-amilase,
protease,
citrus lemon oil.
Avatar utente
Etrusca_F
 
Messaggi: 858
Iscritto il: gio lug 02, 2009 9:12 am
Controllo antispam: cinque

Re: Lavastoviglie: residui carboidrati e proteine su pentole

Messaggioda Fabrizio Zago » gio feb 23, 2017 8:53 am

Evidentemente il livello di Amilasi (enzima specifico per digerire gli amidi) è scarso oppure è scaduto cioè il formulato potrebbe essere vecchio. Non vedo altre ipotesi.
Ciao
Fabrizio
Avatar utente
Fabrizio Zago
 
Messaggi: 16586
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm

Re: Lavastoviglie: residui carboidrati e proteine su pentole

Messaggioda Etrusca_F » gio feb 23, 2017 11:09 am

Ciao Fabrizio, :)

grazie.
La polvere non è vecchia, e cmq è improbabile che il problema si presenti con qualsiasi confezione abbia acquistato nell'ultimo anno.
Evidentemente l'amilasi è insufficiente per il nostro tipo di sporco.

C'è qualcosa che posso fare per migliorare i risultati?

Saluti affettuosi!
Avatar utente
Etrusca_F
 
Messaggi: 858
Iscritto il: gio lug 02, 2009 9:12 am
Controllo antispam: cinque

Re: Lavastoviglie: residui carboidrati e proteine su pentole

Messaggioda Fabrizio Zago » gio feb 23, 2017 11:23 am

Potresti segnalare la cosa al fabbricante e chiedere di intervenire. Questo risolverà un problema tuo ma anche quello di molti consumatori che non hanno segnalato la cosa. Quindi ti ringrazieranno.
Ciao
Fabrizio
Avatar utente
Fabrizio Zago
 
Messaggi: 16586
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm

Re: Lavastoviglie: residui carboidrati e proteine su pentole

Messaggioda infiore » gio feb 23, 2017 11:40 am

Scusate se mi intrometto, volevo chiedere ad Etrusca: mi interessa molto la tua esperienza dato che anch'io stavo per acquistare la polvere Solara, però l'inci che hai postato è diverso da quello che viene riportato sul sito, forse parliamo di due prodotti diversi?
Vedi http://www.officinanaturae.com/it/prod/solara-detersivo-polvere-lavastoviglie-km0#horizontalTab3
Grazie mille, ciao.
Avatar utente
infiore
 
Messaggi: 196
Iscritto il: lun feb 25, 2013 9:04 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Lavastoviglie: residui carboidrati e proteine su pentole

Messaggioda violadaprile » gio mar 09, 2017 1:29 pm

Salve, scusate se mi permetto,è passato un po' di tempo.
Sul sito da cui acquisto ci sono due versioni: "officina naturae" e "solara" con sacchetto da 1,5 kg (l'altro è 3 kg).
Io prendo da circa due anni il sacco grande "officina naturae" con ottimi risultati,ultimamente migliorati dal cambio di lavastoviglie,un modello piu' efficiente;in ogni caso ci sono dei limiti per qualsiasi macchina.Personalmente per le pentole in acciaio e lo sporco descritto uso dare una passata di paglietta ,anche solo con acqua.
Spero di essere stata utile,ciao! :mrgreen:
Avatar utente
violadaprile
 
Messaggi: 289
Iscritto il: gio mag 23, 2013 1:59 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Lavastoviglie: residui carboidrati e proteine su pentole

Messaggioda Etrusca_F » gio mar 09, 2017 3:26 pm

Ciao,

scusate il ritardo: periodo convulso.

@Fabrizio:
Giusto, ottimo suggerimento! In tempi di maggior lucidità, mi sarebbe venuto in mente, dato che già in passato ho avuto modo di verificare quanto siano gentili e disponibili al confronto.
Grazie! :)

@infiore:
Hai ragione, la formulazione attuale del Solara è proprio quella che hai linkato: nel messaggio iniziale ho copiato quella che avevo appuntato tempo fa, quando ho iniziato ad usarlo, senza considerare che nel frattempo poteva esser stata modificata.
Grazie della dritta! :wink:

@violadaprile:
... Infatti anche io spesso mi risolvo a lavare a mano le stoviglie "incriminate", solo che avendo un lavello ad angolo non molto comodo (schizzi sul pavimento in primis) e una lavastoviglie che certamente consuma molta meno acqua di me, mi dispiace proprio.
La polvere non concentrata officina naturae fu il primo detersivo lavastoviglie a basso impatto ambientale che comprai, ma non lo trovai soddisfacente con la mia lavastoviglie, né con quella dei miei genitori, pure abbastanza recente ed efficiente (tra l'altro, loro, non vegani, sulle stoviglie hanno uno sporco differente).
Siccome però i prodotti ON mi sono sempre sembrati tra i migliori sul mercato, sono passata a Solara (anche per il detersivo lavatrice) e, seppure non del tutto soddisfatta come spiegato sopra, la differenza di efficacia rispetto alle versioni non concentrate secondo me è notevole, naturalmente con un minor impiego di prodotto e tutto quello che ne consegue dal punto di vista ambientale. :)

Buon proseguimento :)
Avatar utente
Etrusca_F
 
Messaggi: 858
Iscritto il: gio lug 02, 2009 9:12 am
Controllo antispam: cinque


Torna a BioDizionario: Cosmetici e prodotti Biodegradabili

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 21 ospiti