gruppo d'acquisto erba stevia e perilla 2010

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

gruppo d'acquisto erba stevia e perilla 2010

Messaggioda didy » ven gen 08, 2010 6:45 pm

buon anno a tutti
erbaviola, mi permetto di aprire un nuovo argomento perchè temo di essermi persa nel forum il gruppo di acquisto per quest'anno. E' già partito?
Grazie didy
didy
 
Messaggi: 170
Iscritto il: sab ott 17, 2009 8:47 pm
Controllo antispam: cinque

Re: gruppo d'acquisto erba stevia e perilla 2010

Messaggioda elena.legnani » gio gen 14, 2010 5:02 pm

Annika ha scritto:
Qote: Eccomi... sono qui a disposizione.


Ciao,
il 16 novembre 2009 ho mandato un' MP x aderire all'acquisto di gruppo, però credo non sia ancora stato aperto perchè continua a essere nella posta in uscita. Contami però!

Grazie
Avatar utente
elena.legnani
 
Messaggi: 630
Iscritto il: ven ott 20, 2006 9:53 pm
Località: Bologna

Re: gruppo d'acquisto erba stevia e perilla 2010

Messaggioda silviamazzetto » dom gen 17, 2010 5:27 pm

ciao!

sono un' utente nuova ma sono interessata ad acquistare dei semi di stevia.
posso avere più informazioni a proposito? il gruppo d'acquisto è già partito o si sta formando adesso?

grazie di tutto
silviamazzetto
 
Messaggi: 1
Iscritto il: dom gen 17, 2010 12:01 pm
Controllo antispam: cinque

Re: gruppo d'acquisto erba stevia e perilla 2010

Messaggioda Sololattedimamma » ven gen 22, 2010 9:12 am

Ci sono anch'io! :D
Avatar utente
Sololattedimamma
 
Messaggi: 10
Iscritto il: mar feb 03, 2009 6:57 am
Località: Tra Ferrara e il rovigoto

Re: gruppo d'acquisto erba stevia e perilla 2010

Messaggioda erbaviola » lun feb 08, 2010 8:01 pm

Bene, eccoci qui.

Ragazzi, a marzo per chi è al caldo (pianura, Italia centro-meridionale) e aprile per chi è al nord o al freschetto come me (appennino, 800 mt), si semina la stevia.

Dunque, cominciamo a darci da fare! Quest'anno c'è anche l'aiuto della ineffabile unica imbattibile Annika :D

Si ripete sostanzialmente l'esperienza degli anni scorsi. Il gruppo di acquisto ha funzionato in questo modo:
- Si raccolgono le adesioni, in non più di 10 giorni perché altrimenti tra andarla a prendere, fare i pacchetti e spedire passa troppo tempo.
- Vado a contrattare con il coltivatore in base al numero di adesioni e circuendolo con una delle mie torte vegan ottengo un prezzaccio :mrgreen:
- A me i dineros, a vosotros la spedizione. Ho visto che alla fine la maggior parte era più comoda a pagare con bonifico e ricarica postepay, quindi no problem: si replica. Se avete esigenze particolari per i pagamenti, fatemi sapere. Se abitate in zona Bologna e volete venire a fare un giro sulla Futa a prenderli di persona va bene uguale.


ADESIONI: INVIO EMAIL O MESSAGGIO PRIVATO A ANNIKA (memberlist.php?mode=viewprofile&u=111157) CON NOME, COGNOME, INDIRIZZO, COSA VOLETE (stevia, perilla) E IN QUALI QUANTITA' (andiamo come l'anno scorso a buste da 100 semi, circa 10 gr per busta, anche se in realtà nella busta ce ne saranno 120-140. 100 semi sono circa 60-80 piantine di stevia che sono sufficienti a produrre dolcificante per 6-8 mesi per una persona).

Il 'fornitore' è ancora il nostro collaudato coltivatore specializzato del cuneese. Non usa NIENTE, nemmeno fertilizzanti, ho controllato di persona sul posto. D'altra parte sono piante resistenti, basta un terreno ben drenato. Io fino allo scorso anno ero nella bassa padana e ho avuto un 80% di germinabilità, con diverse piantine sopravvissute all'inverno (ritirate in seminterrato ovviamente). Nella media della stevia, direi un buon risultato. Inoltre ci ha omaggiati tutti di brochure autoprodotta con istruzioni per coltivare la stevia e una bustina di stevia alimentare già in polvere per chi ha fatto acquisti più consistenti.
Quando sono andata a ritirare i nostri acquisti, lo scorso anno, ho visto che questo coltivatore ha anche la perilla, quindi volendo si possono prendere entrambe. (in basso trovate info sia su stevia che su perilla; per chi ha il mio libro trova tutte le info tecniche di coltivazione su queste due piante nel cap.11 )




STEVIA (Stevia Rebaudiana Bertoni)

La Stevia rebaudiana Bertoni è una pianta erbacea arbustiva perenne, di piccole dimensioni, della famiglia delle Asteraceae (Compositae), cioè delle normali margherite; è nativa delle montagne fra Paraguay e Brasile.

La stevia rebaudiana è una pianta perenne ma non molto resistente al gelo, è coltivata solitamente come semi-perenne in climi più freddi. Arriva ad un'altezza di circa mezzo metro, ha fiori ermafroditi molto piccoli, numerosi, di colore biancastro, impollinati dagli insetti. La fioritura è tardo autunnale. Ha foglie ovate, opposte.

Coltivazione

Non cresce bene nei terreni compatti, preferendo quelli sciolti; quindi è pianta di ambienti ruderali e di terreno smosso e coltivato più che pianta da prato; è abbastanza tollerante per l'acidità del suolo. Richiede un'esposizione soleggiata o semiombreggiata.

In caso di clima freddo può essere protetta mediante pacciamature, permettendo la sopravvivenza della parte basale. In caso di clima molto freddo può essere ovviamente ricoverata in serra, riportandola all'aperto dopo le ultime gelate primaverili.

Riproduzione e moltiplicazione

Si riproduce solitamente per seme, e si moltiplica per talea con una buona percentuale di successo. I semi sono minuscoli, e prima della semina vengono solitamente mescolati con della sabbia per impedire una germinazione troppo fitta. La percentuale di germinazione è molto ridotta. Si consiglia di non far seccare mai la composta durante la germinazione. Le piantine vengono trapiantate individualmente quando hanno messo il secondo paio di vere foglie, mettendole a dimora all'esterno dopo le ultime gelate, fornendo loro una certa protezione fin quando la pianta è ben avviata.

Utilizzi

La Stevia è conosciuta da molti popoli dell'area geografica Sud-Americana da diversi millenni, oltre che per il suo potere dolcificante delle sue foglie, anche per le proprietà medicinali, infatti è usata dai popoli indigeni del sud America per le sue doti curative.

Viene usata come dolcificante, in quanto è molto più dolce del comune saccarosio. I principi attivi sono lo stevioside, e il rebaudioside A.

I principi dolcificanti sono in tutte le parti della pianta ma sono più disponibili e concentrati nelle foglie, che quando sono seccate (disidratate), hanno un potere dolcificante (ad effetto della miscela dei due componenti dolcificanti) da 150 a 250 volte il comune zucchero. Contrariamente allo zucchero i principi attivi non hanno alcun potere nutrizionale (zero calorie), ed essendo prodotti naturali sono relativamente stabili nel tempo ed alle alte temperature, per cui conservano perfettamente le loro caratteristiche anche in prodotti da forno o in bevande calde, diversamente da altri dolcificanti come l'Aspartame che subisce degradazione.

La polemica sulla Stevia

Come è comprensibile la possibilità d'uso e diffusione globale della pianta allo stato naturale ha sconvolto il mercato dei dolcificanti commerciali artificiali, che hanno visto in ciò una minaccia del loro mercato.

Sono stati quindi allestiti una serie di esami per mettere alla prova la eventuale "dannosità" della Stevia nei prodotti alimentari. I risultati sono stati controversi, dato che è comprensibile che, non avendo la possibilità di provare per lunghissimi tempi e sull'uomo i campioni di materiali, si è ripiegato con dosaggi massicci per tempi brevi (pochi anni) su cavie. Come è ovvio tali prove hanno prodotto qualche problema alle cavie ma, come affermano alcuni sostenitori della Stevia, non molto diversi dai danni di iperglicemia prodotti dallo zucchero o dai dolcificanti come l'aspartame, la cui tossicità sarebbe dimostrata.

Questo ha prodotto tutta una gamma (molto diversa) di provvedimenti, che in qualche caso tendono a limitarne il consumo, esiste anche il pesante sospetto che tali provvedimenti possano derivare dalle influenze praticate dalle imprese che commercializzano dolficanti convenzionali.

Infatti il suo uso nei prodotti alimentari è vietato in Europa[1] e USA [2] dato che alcuni suoi componenti, alle dosi testate, come lo steviolo e lo stevioside erano ritenuti cancerogeni.

Nonostante questo, la FDA ne ammette l'uso come integratore dietetico, ma non come ingrediente o additivo alimentare.

Chiaramente le discordanti definizioni di "cancerogenicità" derivano da posizioni di difficile valutazione quando i parametri di prova possono essere scelti in maniera sospetta al fine di dare i risultati attesi. Di fatto anche l'acqua calda ed il sale da cucina possono essere sospetti di cancerogenicità se assunti in eccessive dosi e concentrazioni. [3]

Il sospetto del cosiddetto complotto delle compagnie che commerciano in dolcificanti, ha qualche supporto, in quanto altri test indipendenti non sembrano evidenziare controindicazioni; questo diversamente dal saccarosio raffinato, che aumenta la glicemia e favorisce il diabete, e dai dolcificanti ipocalorici contenenti aspartame, ritenuti tossici da diversi studi [4][5].

In particolare è sospetto il fatto che i provvedienti che a livello mondiale governano la materia sembrano direttamente derivati da una influenza politico-economica piuttosto che da motivi sanitari. La sospetta tossicità della Stevia è quindi molto controversa. Di fatto il consumo è diffuso in molti paesi, dove la Stevia è considerata meno dannosa di altri dolcificanti, è usata come estratto secco o come infuso fresco.

Esaminando (più opportunamente) i dati provenienti dai paesi che ne fanno uso corrente, e da molto tempo, la FAO e l'OMS hanno stabilito una "dose massima giornaliera" di 2 mg/kg peso corporeo di steviolo. [6] Questo limite, nello studio della FAO, ha un fattore di sicurezza 200, ossia è 200 volte inferiore alle quantità che possono essere assimilate senza rischi dai soggetti di studio.

Informazioni sull'uso della Stevia come dolcificante

Secondo alcuni studi lo stevioside è tra 110 e 270 volte più dolce del saccarosio, il rebaudioside A tra 150 e 320, e il rebaudioside C tra 40 e 60. [7][8]. Considerando il contenuto medio degli estratti, risulterebbe che una foglia fresca, o un quarto di cucchiaino di foglie essiccate corrisponderebbero ad un cucchiaio di zucchero (durante l'essiccazione il peso della pianta fresca si riduce dell'80%). Dato l'alto concentrato zuccherino è sconsigliata l'assunzione da parte di soggetti affetti da forme di diabete.

Dove e come si usa

La Coca Cola in Giappone la usa come dolcificante per la Coca Cola Light (Diet Coke). Ne è approvato ufficialmente l'uso in 10 paesi, inclusi Svizzera, Giappone, Paraguay, e Brasile. Viene coltivata estensivamente e consumata in Thailandia, Israele e Cina, ed in genere in tutta l'America meridionale. In Brasile è anche utilizzata come rimedio della medicina popolare per il diabete.[9]

Generalmente è usata nei soft drinks, nelle gomme da masticare, come tavolette dolcificanti, negli sciroppi e nei prodotti farmaceutici. Negli USA può essere venduta come supplemento dietetico ma non come dolcificante o additivo per cibi.

In Europa nel 1999 la Commissione sugli Additivi nei Cibi dell'OMS, ed il Comitato Scientifico per gli Alimenti dell'Unione Europea, hanno elencato i loro dati risultanti circa la pericolosità della Stevia come additivo alimentare.

Conseguentemente a tali fatti il 22 febbraio 2000 la Commissione Europea, dando seguito alle opinioni espresse dallo stesso Comitato Scientifico per gli Alimenti - SCF, ha deciso che la Stevia Rebaudiana (pianta ed estratti secchi) non può essere immessa nel mercato come alimento o come additivo alimentare. La Svizzera invece ne ha ammesso il commercio.

(Notizie da Wikipedia)


PERILLA (Perilla frutescens Britt.)


Famiglia: Labiatae

Costituenti principali:
polifenoli e flavonoidi (luteolina, l´apigenina, la crisoeriolina e l´acido rosmarinico); acidi grassi essenziali della serie Omega 6 (olio)

Attività principali:
antiallergico, immunomodulatore, antiossidante

Impiego terapeutico:
disturbi allergici in genere, allergie delle vie respiratorie (febbre da fieno, asma), dermatiti atopiche, orticaria, eczema da contatto, allergie stagionali.

Attività farmacologica:
La Perilla è una pianta della tradizione fitoterapica cinese e giapponese, usata per anni nelle ricette della medicina popolare di tutto il sud est asiatico ed apprezzata soprattutto per la cura delle affezioni delle vie respiratorie, per i reumatismi e in caso di spasmi. L´uso abituale è come spezia e in Giappone è usata nella preparazione del sushi. La pianta è stata ed è tutt´ora importante per l´ottenimento dai semi di un olio ricco in acido alfa-linolenico (precursore degli acidi grassi della serie omega-6). Recentemente, l´approfondimento del fitocomplesso ha rivelato la presenza di costituenti attivi di natura flavonica che hanno rivelato eccellenti proprietà antiallergiche. La Perilla è quindi divenuta in breve la pianta di elezione in formulazioni antiallergiche, senza presentare gli effetti collaterali tipici degli analoghi rimedi farmacologici. I complessi flavonici sono presenti nelle foglie e nei semi ma solo dai semi si ottiene l´estratto che ha mostrato una significativa attività sui principali mediatori della risposta infiammatoria dell´organismo. Questo effetto è risultato dipendere dal controllo del rilascio di istamina dalle cellule mastocitarie: l´estratto di perilla ha dimostrato di essere sette volte più attivo del sodio cromoglicato nell´inibire la produzione di istamina. I componenti ritenuti funzionali per l´attività antiallergica della Perilla sono i flavonoidi: la particolarità della pianta sta nella presenza di tali costituenti attivi flavonoici in forma agliconica anziché glucosidica, fatto eccezionale in natura ma che può ben spiegare la superiore attività antiallergica della Perilla rispetto ad altre piante. Infatti è stato confermato che l´attività inibitoria dei flavonoidi in forma agliconica sull´enzima lipossigenasi nel meccanismo antiallergico è nettamente superiore a quella dei corrispondenti derivati glucosidi. Numerosi sono ad oggi i protocolli clinici disponibili e in essi sono stati coinvolti soggetti affetti da allergie di varia natura quali, riniti, asma, dermatiti atopiche, disturbi allergici. Gli studi hanno considerato sia parametri serici, come i livelli delle immunoglobuline, sia parametri sintomatici, come la desquamazione cutanea, la lacrimazione, il naso gonfio e la frequenza degli starnuti. In tutti i casi, il gruppo trattato con estratto di Perilla ha mostrato miglioramento significativo rispetto al gruppo controllo. La Perilla produce un abbassamento dei livelli serici di immunoglobuline E (IgE), cui consegue un miglioramento nelle riniti allergiche, febbre da fieno e orticarie. Infatti è noto che l´individuo allergico produca una grande quantità di IgE in risposta agli allergeni, le quali si legano alle mast-cellule e ai leucociti polimorfonucleati basofili facendo loro liberare grosse quantità di alcune sostanze, istamina, leucotrieni, prostaglandine e fattore di attivazione piastrinica (PAF), responsabili della reazioni allergiche di tipo I, che vanno dalla rinite fino alla costrizione bronchiale con difficoltà respiratorie. La Perilla è anche un selettivo inibitore dell´enzima 5-lipoossigenasi, con conseguente inibizione della produzione di leucotrieni, mediatori delle forme allergiche e in particolare della broncocostrizione asmatica. Infine ha dimostrato di essere attiva anche nelle allergie non IG-E mediate, di tipo IV, come la dermatite da contatto o eczema da contatto, o mediate dai macrofagi, come nelle reazioni di ipersensibilità ritardata tipiche di alcune infezioni virali. E´ stata inoltre riscontrata un´attività immunomodulatoria. Gli studi farmacologici sulla Perilla non riportano tossicità e negli studi clinici non sono riportati effetti collaterali significativi. Non presenta inoltre gli effetti secondari dei farmaci antiallergici di sintesi, come sonnolenza, scarsa capacità di concentrazione, controindicazione alla guida ed assuefazione. Non usare in gravidanza ed allattamento.

Aspetti botanici:
La Perilla è una pianta erbacea Originaria dell´Asia orientale e del sud-est asiatico; viene coltivata particolarmente in Giappone, Cina, Corea. Possiede foglie ovali seghettate verdi o rosse, caratteristiche infiorescenze in spighe, dai quali si ottengono i semi molto ricchi di acido alfa-linoleico, utilizzati frequentemente per l´estrazione di oli alimentari ricchi di acidi grassi poliinsaturi. Dalle foglie e dai semi si possono ottenere estratti ricchi di flavonoidi e polifenoli. Solo l´estratto dai semi, standardizzato in polifenoli, è indicato per la preparazione di forme orali solide a scopo antiallergico.

(Notizie da Grande Enciclopedia delle Erbe, Fabbri Editori)
erbaviola
 
Messaggi: 474
Iscritto il: sab dic 29, 2007 7:49 pm
Località: Comunità delle cinque valli bolognesi
Controllo antispam: cinque

Re: gruppo d'acquisto erba stevia e perilla 2010

Messaggioda erbaviola » lun feb 08, 2010 8:08 pm

elena.legnani ha scritto:Annika ha scritto:
Qote: Eccomi... sono qui a disposizione.


Ciao,
il 16 novembre 2009 ho mandato un' MP x aderire all'acquisto di gruppo, però credo non sia ancora stato aperto perchè continua a essere nella posta in uscita. Contami però!

Grazie



infatti non lo vedo! :( e io che credevo che non mi pensassi più! :wink:
erbaviola
 
Messaggi: 474
Iscritto il: sab dic 29, 2007 7:49 pm
Località: Comunità delle cinque valli bolognesi
Controllo antispam: cinque

Re: gruppo d'acquisto erba stevia e perilla 2010

Messaggioda Annika » lun feb 08, 2010 9:00 pm

Tranquilli sono qui.
Elena l'ho ricevuto io il tuo pm tutto ok.
Mi raccomando aderite adesso senno' si fa troppo tardi per seminare.
Avatar utente
Annika
 
Messaggi: 21
Iscritto il: gio mar 27, 2008 12:09 pm
Località: Napoli
Controllo antispam: cinque

Re: gruppo d'acquisto erba stevia e perilla 2010

Messaggioda didy » gio feb 11, 2010 9:30 pm

ciao
scusa erbaviola è possibile avere un'idea sul prezzo?

didy
didy
 
Messaggi: 170
Iscritto il: sab ott 17, 2009 8:47 pm
Controllo antispam: cinque

Re: gruppo d'acquisto erba stevia e perilla 2010

Messaggioda canghita » lun feb 15, 2010 11:18 am

Io vorrei tre bustine di Stelvia, ho mandato mp ma credo sia andato perso. Mi contattate per favore?
canghita
 
Messaggi: 52
Iscritto il: sab feb 02, 2008 10:16 pm

Re: gruppo d'acquisto erba stevia e perilla 2010

Messaggioda Annika » mar feb 16, 2010 2:03 am

Ecco il resoconto per ora.
Annika 2 Stevia
canghita 3 Stevia
elena.legnani 2 Stevia
1biancorosso ? Stevia e Perilla
Kuzduk 1 Stevia + 1 Perilla
didy 1 Stevia + 1 Perilla

Avete un altro paio di giorni poi procediamo. ok?
Avatar utente
Annika
 
Messaggi: 21
Iscritto il: gio mar 27, 2008 12:09 pm
Località: Napoli
Controllo antispam: cinque

Re: gruppo d'acquisto erba stevia e perilla 2010

Messaggioda Edera » mer feb 17, 2010 11:01 pm

Ciao a tutti!
Eccomi qua, finalmente iscritta a questo meraviglioso forum.

Intanto saluto ErbaViola, che mi ha segnalato questa iniziativa, e Annika, ciao cara, sono Edera :)

Anche io vorrei partecipare, scrivo quindi un pm ad Annika, ho capito bene?
Avatar utente
Edera
 
Messaggi: 21
Iscritto il: mer feb 17, 2010 10:40 pm
Località: Montagne Pistoiesi
Controllo antispam: cinque

Re: gruppo d'acquisto erba stevia e perilla 2010

Messaggioda Edera » dom feb 21, 2010 1:16 pm

Io ho mandato pm ad Annika ma non ho avuto nessuna risposta...
ho sbagliato qualcosa o è già troppo tardi?
Avatar utente
Edera
 
Messaggi: 21
Iscritto il: mer feb 17, 2010 10:40 pm
Località: Montagne Pistoiesi
Controllo antispam: cinque

Re: gruppo d'acquisto erba stevia e perilla 2010

Messaggioda erbaviola » mer feb 24, 2010 11:29 am

ho contattato annika oggi, aggiorniamoci max entro venerdì su quante iscrizioni sono arrivate

volevo sapere, ma "1 stevia" intendi un sacchetto da 10 gr ? o cosa? illuminatemi! :)
erbaviola
 
Messaggi: 474
Iscritto il: sab dic 29, 2007 7:49 pm
Località: Comunità delle cinque valli bolognesi
Controllo antispam: cinque

Re: gruppo d'acquisto erba stevia e perilla 2010

Messaggioda Edera » mer feb 24, 2010 5:15 pm

Si, io per una stevia intendevo un sacchetto da dieci grammi.

ne avrei presi tre di stevia e due di perilla, se è possibile :)
Avatar utente
Edera
 
Messaggi: 21
Iscritto il: mer feb 17, 2010 10:40 pm
Località: Montagne Pistoiesi
Controllo antispam: cinque

Re: gruppo d'acquisto erba stevia e perilla 2010

Messaggioda canghita » gio feb 25, 2010 5:45 pm

Anche io intendevo 3 pacchetti da 10 gr diStevia.
Se non fosse tanto disturbo potrei avere anche 1 sacchetto di Perilla per una simpatizzante?
canghita
 
Messaggi: 52
Iscritto il: sab feb 02, 2008 10:16 pm

Prossimo

Torna a Archivio forum

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti