CONCIMI VEGAN E CONCIMI NON VEGAN

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

CONCIMI VEGAN E CONCIMI NON VEGAN

Messaggioda erbaviola » gio mag 21, 2009 4:21 pm

Ciao a tutti,

leggendo gli ultimi messaggi mi sono accorta che molti danno per scontato il fatto che gli escrementi animali possano essere utilizzati come concime anche dai vegani.
Non c'è nulla di più sbagliato invece...

sì, lo so che alcuni ora staranno facendo questa faccia: :shock:

e che qualcuno obietterà che per ottenere il letame, la pollina, il guano ecc non si uccide nessun animale. :idea:

Invece non è così.

I concimi di origine animale che si trovano in commercio si chiamano non a caso "stallatico" "pellettato" "carnicciato".
Significa che nella migliore delle ipotesi sono la resulta delle spazzature delle stalle, degli allevamenti intensivi che tutti noi aborriamo.
Lo stallatico contiene feci, urea e paglia/fieno dalla pulizia delle stalle. Il pellettato contiene concimi animali di origine diversa (ovini, suini, equini e in parte bovini) triturati e venduti in forma di pellet idrosolubile. Infine i prodotti in cui è presente "carnicciato" sono da evitare anche per questioni igieniche oltre che animaliste: si tratta infatti di un prodotto ottenuto dalla triturazione degli scarti di macellazione :evil: , liquami (sangue) di macellazione e urea bovina.

Acquistando lo stallatico e il pellettato, anche se dichiarati "bio", si contribuisce a finanziare l'allevamento intensivo, le torture agli animali e la loro uccisione. Non è un po' troppo per coltivare un'insalata? ;)


Stesso discorso per prodotti simili: il guano è ottenuto da volatili in cattività. La pollina da polli in allevamento intensivo. Non ultimo quello che io considero un'aberrazione al pari del carnicciato: la cornunghia. Unghie, cartilagini, corna e ossa animali triturate.

Attenzione infine al Neem. E' estratto da una pianta indiana, ma in Italia è commercializzato in due forme: l'AZ4 e il BIO3. Con il BIO3, con mio grandissimo rammarico, ci sono cascata anche io: il neem è diluito con carnicciato e l'azienda italiana ha pensato bene di non indicarlo nemmeno! Ho scritto due email per chiedere spiegazioni tecniche sulla composizione e non mi hanno mai risposto.
L'unico che si può utilizzare è quindi l'AZ4, ottimo in orti e frutteto, io ho avuto grandi risultati (ma per i balconi secondo me è troppo concentrato, diventa un concime 'pesante' con il rischio di far bruciare tutte le radici. Forse se proprio si vuole utilizzare sarebbe il caso di diluirlo in acqua - basta farlo sciogliere per una notte).


So che a questo punto ci sarà qualcuno che sta per buttare i prodotti sopra e contemporaneamente si chiede "e ora cosa diavolo uso" ? :roll:

Niente paura, ci sono un sacco di prodotti vegan :mrgreen:
Per esempio:
    il compost, che si può fare da soli, in proprio, con gli scarti di cucina.
    L'humus, che si può ottenere introducendo lombrichi nell'orto oppure facendo una lombricaia (non è sfruttamento animale, i lombrichi vivono in poco spazio tutta la loro vita, è sfruttamento esattamente quanto avere un cane o un gatto per amico)
    I macerati vegetali, che è possibile preparare in proprio, per esempio quelli di ortica e equiseto che sono facili e adatti a tutti i terreni
    La borlanda o "sangue di bue" se fatta solo con melassa/macerato di barbabietole rosse (ce n'è un tipo in commercio che è fatto alla vecchia maniera con sangue di bue)
    Concimi chimici a basso impatto ambientale e riequilibranti dei terreni (solfati ecc.), anche se io resto convinta che ci siano soluzioni naturali migliori
    Luppolo o concime di lupini, molto utilizzato nel nord europa e in commercio anche da noi, è un concime 100% vegetale
    Torba (è 100% vegetale e molto ricca, ma anche qui.. io non dimentico l'impatto ambientale nello sfruttamento delle torbiere, in Irlanda le stanno devastando solo per nutrire giardinetti di rose pretenziose)
... e tantissimi altri che al volo non mi vengono in mente ma ce ne sono davvero molti :)
erbaviola
 
Messaggi: 474
Iscritto il: sab dic 29, 2007 7:49 pm
Località: Comunità delle cinque valli bolognesi
Controllo antispam: cinque

Re: CONCIMI VEGAN E CONCIMI NON VEGAN

Messaggioda resspect » gio mag 21, 2009 8:01 pm

Bentornata :D e grazie per i chiarimenti!
Cavolo questa del neem mi ha spiazzato..
Ciao
Avatar utente
resspect
 
Messaggi: 82
Iscritto il: ven gen 09, 2009 3:36 pm

Re: CONCIMI VEGAN E CONCIMI NON VEGAN

Messaggioda iosononicola » gio mag 21, 2009 8:07 pm

Senza contare la possibilità di fregarsene proprio e smettere di "concimare" (specialmente negli orti... sui terrazzi è un po' più complessa... ma non impossibile).
La microfauna e microflora nel suolo ringrazieranno.
Saluti!
iosononicola
 
Messaggi: 78
Iscritto il: mer apr 23, 2008 12:04 pm

Re: CONCIMI VEGAN E CONCIMI NON VEGAN

Messaggioda erbaviola » gio mag 21, 2009 8:37 pm

@resspect: a chi lo dici! ci son rimasta malissimo anche io quando l'ho scoperto!!

@iosononicola: sai che mi trovi totalmente d'accordo :D però il mondo si cambia un passo alla volta, tra lo smettere di usare gli insetticidi chimici e l'agricoltura naturale, che sia permac. o sinergica o xy, ci sono tanti passi e tante scelte... a volte passano anche dal vedere cosa succede senza ridurre l'orto a una cloaca :mrgreen:
erbaviola
 
Messaggi: 474
Iscritto il: sab dic 29, 2007 7:49 pm
Località: Comunità delle cinque valli bolognesi
Controllo antispam: cinque

Re: CONCIMI VEGAN E CONCIMI NON VEGAN

Messaggioda Free » gio giu 18, 2009 9:33 pm

mitica ErbaViola!!!!! sempre informatissima..... :D la notizia sul Bio mi ha stamazzato........ :cry: ormai l'ho usato come antiparassitario sulle piante da frutto, spero che oltre ad eventuali scarti animali (e già non è poco....) non contenga veleni chimici....

Ti volevo chiedere se sai come produrre la borlanda o devo per forza comprarla? sai, ho già provato il macerato di equiseto, che oltre a dare buoni risultati, non costa nulla perchè me lo preparo da sola...e mi domandavo se era possibile fare lo stesso con la borlanda....così so quel che ci metto dentro :P

Buona serata!
Free
 
Messaggi: 50
Iscritto il: ven gen 02, 2009 3:06 am

Re: CONCIMI VEGAN E CONCIMI NON VEGAN

Messaggioda erbaviola » gio set 24, 2009 6:37 pm

non mi sono dimenticata. sto cercando da mesi un pezzo di carta che avevo infilato in un libro sull'orto con la ricetta della borlanda, quella giusta. c'è una ricetta su Il grande libro dell'orto (mi pare, non ce l'ho sottomano) ma mi era venuta pessima. Avevo poi trovato questa ricetta da un signore con l'orto 'vecchia maniera' e ,,, non trovo più il biglietto!
erbaviola
 
Messaggi: 474
Iscritto il: sab dic 29, 2007 7:49 pm
Località: Comunità delle cinque valli bolognesi
Controllo antispam: cinque

Re: CONCIMI VEGAN E CONCIMI NON VEGAN

Messaggioda Dante Chieregato » lun ott 12, 2009 9:42 pm

A questo punto devo sentirmi un torturatore di animali vari? Avevo un maneggio, ho chiuso pensando appunto che i cavalli non sono nati per essere sfruttati in quel modo, anche se devo dire che i miei lavoravano mediamente 2 o 3 ore a settimana. Ho cambiato vita, li ho portati tutti con noi, nessuno li cavalca, se non c'è troppo caldo escono in un prato dove corrono, giocano o stanno semplicemente all'ombra degli olivi a vedere passare il tempo sonnecchiando, mandandosi via le mosche gli uni con gli altri. Ho anche 20 pecore suffolk, che escono dai loro box al mattino, rientrano quando c'è caldo ed escono nel pomeriggio, gli agnelli giocano, le mamme imbiancano e gli arieti dopo aver litigato un po' fanno crescere le famiglie. E' vero che mia figlia le tosa, ma non si può farne a meno. Durante la tosatura la pecora è libera nel box, assieme alle sue amiche, figlie o sorelle, così stanno tutte tranquille poi mais per tutte e quindi tutti fuori per fare calare lo stress. Da noi non si ammazzano neppure le galline, anzi ho imparato anche a fare le iniezioni ad un galletto che aveva un disturbo agli occhi. Tutti qui muoiono di vecchiaia, o meglio vengono soppressi con preventiva anestesia, solo quando con il vet che ci segue decidiamo che non c'è altra soluzione.Quindi tornando ai concimi credo che sia superficiale definire ogni forma di allevamento come intensivo sfruttamento di animali. Spero di non essere l'unico ad avere cavalli, pecore, capre, asini, galline, cani e gatti da compagnia. La "famiglia" è numerosa e costosa, forse finiremo anche con le pezze al sedere, ma non mi sentirò mai torturatore dei nostri amici.
Avatar utente
Dante Chieregato
 
Messaggi: 33
Iscritto il: mer set 09, 2009 8:43 pm
Controllo antispam: cinque

Re: CONCIMI VEGAN E CONCIMI NON VEGAN

Messaggioda erbaviola » gio ott 22, 2009 11:41 am

Dante, scusa per il ritardo nel risponderti, ho visto solo ora il messaggio. Quello che descrivi è una situazione bellissima e molto sostenibile, conosco molti vegani che ospitano animali e personalmente non credo che ogni allevamento sia 'torturare gli animali'. Forse non mi sono spiegata bene. La tua realtà è molto lontana dagli allevamenti intensivi che secondo me andrebbero boicottati del tutto, anche dagli onnivori. Sono una barbarie. Tu tosi le pecore a mano, in serenità, perché ormai non se ne può fare a meno: centinaia di anni di selezione hanno fatto sì che la pecora non possa vivere allo stato brado, diventerebbe una brutta imitazione di un bob marley quadrupede con notevolissimi problemi (per chi non è mai venuto in contatto con questo problema: non vi linko le immagini delle pecore abbandonate, sono terribili, il pelo diventa lunghissimo trasformandosi in giganti dreadlocks che strappano la pelle, provocano infezioni, ferite, difficoltà o impossibilità totale di movimento).
Chiaramente il tuo 'allevamento' è tutt'altro da quelli in cui gli animali vengono stabulati, riempiti di antibiotici e nel caso delle pecore tosati brutalmente a macchina, con sanguinamenti e ferite.

Quello di cui stavo parlando non era il concime che arriva dai tuoi prati. Ma quello che arriva dalle stalle degli allevamenti intensivi. E' nient'altro che un altro prodotto che arricchisce questi barbari assassini. Inoltre, è un prodotto pericoloso, in cui albergano parassiti, germi, virus resistenti agli antibiotici e gli antibiotici stessi.
Vogliamo portare questa schifezza crudele nel nostro orto? Direi di no :)

Invece, se mi dovessi aprire le porte del tuo rifugio per animali, andrei tranquillamente in giro per il prato con badile e secchio a raccogliere oro nero :)

Spero che ora sia tutto chiaro e ne approfitto per complimentarmi delle tue scelte, davvero coraggiose! :D
erbaviola
 
Messaggi: 474
Iscritto il: sab dic 29, 2007 7:49 pm
Località: Comunità delle cinque valli bolognesi
Controllo antispam: cinque

Re: CONCIMI VEGAN E CONCIMI NON VEGAN

Messaggioda Dante Chieregato » mar ott 27, 2009 11:51 pm

Grazie per la risposta.. sembra una pacca sulla spalla!! E ne abbiamo bisogno. In questi giorni abbiamo perso Big Luciano detto Lucianino, agnellone Suffolk nato questa primavera quando ancora faceva freddo, era tanto grosso che la sua mamma Gaia era in difficoltà nel farlo nascere e cosi insieme a mia figlia, visto che ormai era notte ci siamo dati da fare e siamo riusciti ad aiutarli!! Appena nato, invece di alzarsi e andare a cercare la mammella della mamma, ha lanciato un belato così forte da meritarsi il suo nome. Tutto bene fino a qualche giorno fa quando un ariete del gregge lo ha ammazzato per rincorrere Gaia. Per le Suffolk è epoca di accoppiamenti e i maschi a volte sono violenti. Non siamo stati abbastanza attenti, del resto le nostre pecore escono e di solito tornano verso sera quasi sempre in automatico, ma quella sera invece di correre verso la loro stalla, sono rientrate lente e in fila e poi lo abbiamo trovato steso a terra, ormai se ne era andato in silenzio lasciando a noi un senso di colpa per non aver immaginato che i maschi giovani non possono e non devono essere lasciati insieme ai maschi adulti, ma questo vuol dire allevare, vuol dire vivere a contatto con la natura e con gli animali, la vita e la morte sono sempre lì con noi, e non sempre siamo pronti ad accoglierle. Scusate per lo sfogo, ma ci si rimane sempre di...... quando succedono queste cose. :(
Avatar utente
Dante Chieregato
 
Messaggi: 33
Iscritto il: mer set 09, 2009 8:43 pm
Controllo antispam: cinque

Re: CONCIMI VEGAN E CONCIMI NON VEGAN

Messaggioda erbaviola » lun nov 09, 2009 2:54 pm

Accidenti, che botta!!! povero piccolo... Ti capisco, perché è sempre una scelta molto pesante quella di non accudire in modo soffocante gli animali a cui si vuole bene. Io divento matta se escono i gatti per la paura che vadano sotto una macchina, quindi posso immaginarmi che animo ci voglia a lasciar andare da sole tutte le pecore! Quando poi succedono queste cose ci si sente in colpa, perché ragioniamo con i parametri umani con i quali si allevano i figli una ventina d'anni Purtroppo regalargli la libertà contempla anche questi aspetti, che come giustamente dici tu sono nella loro natura, compreso il maschio grande che assale il piccolo.
Una pacca sulla spalla te la dò veramente :)
erbaviola
 
Messaggi: 474
Iscritto il: sab dic 29, 2007 7:49 pm
Località: Comunità delle cinque valli bolognesi
Controllo antispam: cinque

Re: CONCIMI VEGAN E CONCIMI NON VEGAN

Messaggioda mikiVeg » sab feb 27, 2010 10:49 pm

Ciao! Avrei una domanda :) sto per seminare sul mio balcone basilico,alchechengi e viole e sono interessata al concime fatto attraverso i lombrichi, ma non so proprio da dove cominciare... :( mi daresti delle dritte a riguardo? un grazie in anticipo! :)
mikiVeg
 
Messaggi: 85
Iscritto il: lun feb 22, 2010 9:11 pm
Controllo antispam: cinque

Re: CONCIMI VEGAN E CONCIMI NON VEGAN

Messaggioda erbaviola » sab giu 12, 2010 12:47 pm

mikiVeg ha scritto:Ciao! Avrei una domanda :) sto per seminare sul mio balcone basilico,alchechengi e viole e sono interessata al concime fatto attraverso i lombrichi, ma non so proprio da dove cominciare... :( mi daresti delle dritte a riguardo? un grazie in anticipo! :)



se intendi l'humus di lombrico, l'unica soluzione sul balcone è comprarlo in sacchettini nei garden center. Su un balcone veramente fresco, ben areato, ombreggiato e con la giusta umidità si può installare una lombricaia per la produzione di humus. Ma se non sei esperta, ti direi di evitare perché la conseguenza sarebbe la morte per disidratazione dei lombrichi, una morte piuttosto cruenta per loro. Tra l'altro la lombricaia richiede un po' di tempo e costanza, oltre a produrre humus che non sapresti più dove mettere dovendo fertilizzare solo un balcone. Meglio quindi, in questo caso, comprarlo.

Sul balcone puoi invece fare con facilità una compostiera-
erbaviola
 
Messaggi: 474
Iscritto il: sab dic 29, 2007 7:49 pm
Località: Comunità delle cinque valli bolognesi
Controllo antispam: cinque

Re: CONCIMI VEGAN E CONCIMI NON VEGAN

Messaggioda deboluccio » mar ago 26, 2014 7:03 pm

Ciao a tutti,io non sono molto esperto in materia. Sono 2 anni che faccio l'orto ed uso esclusivamente acqua per irrigarlo e niente altro. Ovviamente non ho preteso molto,ma cmq sono venuti i pomodori,i pomodorini,le zucchine,le melanzane,il melone giallo(1 per la precisione),le fragole,l'insalata,la rucola,il radicchio(appena messo)... Ho comprato del concime che si chiama biostark(non so se puo'andar bene) e ho pensato di riutilizzare la posaa del caffè,cosa ne pensate? Poi volevo chiedere:utilizzare il compost significa dare al terreno gli avanzi di cucina?
Avatar utente
deboluccio
 
Messaggi: 24
Iscritto il: gio ago 14, 2014 9:22 pm
Località: Noceto (PR)
Controllo antispam: diciotto


Torna a Archivio forum

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Yahoo [Bot] e 6 ospiti