Gelsemium Sempervirens

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Gelsemium Sempervirens

Messaggioda mariapiera74 » mer nov 03, 2010 12:35 pm

A cura della
dott.ssa Mariapiera Miele
Medico Chirurgo
Omeopata

http://www.omeopatiamiele.it
info@omeopatiamiele.it

La dott.ssa Mariapiera Miele riceve nelle città di Napoli, Roma, Viareggio e Benevento

ORIGINE E PREPARAZIONE

Gelsemium è un rimedio omeopatico di origine vegetale. Il rimedio si ricava a partire da una pianta apprtenente alla famiglia delle loganiacee, il cui nome latino è appunto Gelsemium Sempervirens ed il cui nome volgare è invece Gelsomino giallo.
Si tratta di una pianta rampicante, con fusti sottili, che cresce principalmente nelle regioni meridionali del Nord America, in prossimità di corsi d'acqua, su terreni umidi e pianeggianti.
In passato veniva utilizzato dai coloni nord americani in caso di febbre.
Il rimedio omeopatico si prepara utilizzando la radice fresca raccolta un pò prima della fioritura della pianta. Dalla radice fresca si ottiene poi la tintura madre che viene usata per le varie formulazioni commerciali.
Il rimedio fu sperimentato per la prima volta da Henry nel 1852 negli Stati Uniti.

PRINCIPALI INDICAZIONI

E´ indicato nei casi acuti e cronici, nei bambini e nel periodo puberale, nei processi infettivi o tossici e nei disturbi vascolari, in caso di intense sollecitazioni emotive, come prima di un appuntamento o di una prova, dopo spaventi o shock psicologici, nei soggetti emotivi, paurosi ed incapaci di dominare gli eventi.
E' utilizzato anche in caso di astenia, scarsa capacità reattiva, sequele di malattie infettive, stati tossici, intensa emotività con paura, tremori e diarrea, ictus, meningite, paralisi spinale spastica, sclerosi multipla, nevriti, convulsioni, tremori, morbo di Parkinson, collasso, ipotensione, ipertensione, insolazione, disturbi della dentizione con diarrea, disturbi da altitudine.

QUADRO CLINICO

E' indicato in caso di patologie ad insorgenza acuta, come gli stati influenzali, i processi infettivi febbrili, gli stati tossici, le malattie esantematiche, l'insolazione, l'ictus, le meningiti, gli spaventi o le intense sollecitazioni emotive.
Il quadro clinico acuto è caratterizzato da astenia, mialgie, sensazione di pesantezza degli arti, rigidità e contratture dei muscoli nucali e tremori.A volte può essere presente febbre con brividi lungo la colonna, pelle d´oca, battito dei denti, arti freddi, testa calda, viso rosso e congesto, respirazione stertorosa, paresi o paralisi che interessano in modo elettivo i muscoli oculari, palpebrali, laringei, degli arti e gli sfinteri.
Il quadro clinico cronico è caratterizzato da intensa ansia di anticipazione, tremori, diarrea, pollachiuria e difficoltà nell´emissione della voce prima di un appuntamento o di qualsiasi prova, come esami o esibizioni in pubblico.

EZIOLOGIA

Le cause che possono portare all'insorgenza di un quadro clinico, sia acuto che cronico, che necessita dell'assunzione di Glesemium, sono spaventi, shock psicologici, emozioni deprimenti, obblighi sociali, esami, debutti, processi infettivi, stati tossici, abuso di tabacco, insolazione, soppressione di eruzioni.

PRINCIPALI MODALITA' DI AGGRAVAMENTO

I sintomi spesso presentano un aggravamento al mattino fino a mezzogiorno, di pomeriggio verso le 17, di notte dopo mezzanotte, con il caldo, con le correnti d´aria, con l´umidità, con il clima eccessivamente caldo, caldo-umido o freddo-umido, con il tempo nuvoloso e nebbioso, con le variazioni barometriche, prima e durante il temporale, con i cambiamenti di tempo, soprattutto dal freddo al caldo e in primavera, con la luna piena e calante, durante la primavera e durante l´estate, con il movimento, con gli sforzi fisici, con il movimento verso il basso, con il tabacco.

PRINCIPALI MODALITA' DI MIGLIORAMENTO

I sintomi possono presentare un miglioramento con l´aria fresca, con il riposo, con il movimento continuo, con gli stimolanti, con la comparsa della sudorazione, dopo un´abbondante diuresi.


Questa è una descrizione generale del rimedio. Prima di assumere qualsiasi rimedio omeopatico è bene rivolgersi al prorpio omeopata di fiducia


Ultimo bump di mariapiera74 il mer nov 03, 2010 12:35 pm.
Avatar utente
mariapiera74
 
Messaggi: 57
Iscritto il: lun mar 22, 2010 11:50 am
Controllo antispam: cinque

Torna a Archivio forum

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti