pentylene glycol

Forum di supporto al nuovo Biodizionario.it
per approfondimenti sui giudizi espressi del BioDizionario sugli ingredienti Cosmetici e Alimentari

Moderatori: laura serpilli, Erica Congiu

pentylene glycol

Messaggioda marcella » sab feb 17, 2007 11:17 am

ciao Fabrizio!
puoi dirmi qualcosa sul pentylene glycol?è il terzo componente dello shampo che uso.
grazie!
marcella
 
Messaggi: 259
Iscritto il: gio ott 14, 2004 7:08 pm
Località: salerno

Messaggioda Fabrizio Zago » sab feb 17, 2007 3:22 pm

Cara Marcella,
il glicole pentilenico fornisce una ottima scivolosità allo shampoo ed il tatto dei capelli ne risulta migliorato. Peccato che sia completamente di origine petrolifera.
Ciao
Fabrizio
Fabrizio Zago
 
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Messaggioda marcella » sab feb 17, 2007 7:14 pm

dunque non serve per lavare?
resta sui capelli o viene via con l'acqua?francamente è un ottimo shampo..
grazie
marcella
 
Messaggi: 259
Iscritto il: gio ott 14, 2004 7:08 pm
Località: salerno

Messaggioda Fabrizio Zago » sab feb 17, 2007 7:40 pm

Cara Marcella,
assolutamente non serve per lavare. In parte rimane sui capelli a cui conferisce appunto la particolare setosità. Sono certo che si tratti di un ottimo schampoo, solo che è petrolifero.
Fabrizio Zago
 
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Messaggioda marcella » dom feb 18, 2007 10:15 am

ciao Fabrizio!
volevo chiederti un consiglio..siccome da un po' di tempo soffro di una strana seborrea al cuoio capelluto dovuta a cisti ovariche,a volte allo shampo aggiungo del bicarbonato che pulisce alla grande.ma farà cadere i capelli o li indebolirà??
grazie
marcella
marcella
 
Messaggi: 259
Iscritto il: gio ott 14, 2004 7:08 pm
Località: salerno

Messaggioda Fabrizio Zago » dom feb 18, 2007 12:37 pm

Cara Marcella,
il bicarbonato non fà nulla ma non capisco perché usarlo. Anzi a livello di capelli io lo sconsiglio proprio!
Che bisogno c'è di aumantare il pH dello shampoo scombinando quello fisiologico?
Insomma a me sembra un autogoal. La tua seborrea sarà sempre peggio perché con bicarbonato sgrassi troppo e quindi i tuoi follicoli sebacei si diranno "Hoibò qui manca del grasso, meglio che ne produca una svalangata", tu ti ritrovi coi capelli grassi e rilavi, i follicoli ripetono il ragionamento e siamo a punto e a capo.
Per risolvere il problema quello che si deve fare per prima cosa è lavare poco e delicatissimamente il cuoio capelluto ed una svolta smorzato il fenomeno proseguire sempre con dolcezza.
Fabrizio Zago
 
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Messaggioda marcella » mer feb 21, 2007 4:56 pm

Su anagen trovo che il glicole pentilenico è attivo contro il pytosporum ovalis..Fabrizio secondo te è vero?È forse x questo che riesce a pulirmi bene?Help!Chiedo aiuto a tutti voi:esiste qualche alternativa ecologica che riesca a pulirmi bene?x favore astenetevi dal consigliarmi fitocose e verdesativa:hanno buoni detergenti corpo e buone creme,ma in quanto a shampo lasciano molto a desiderare secondo me.
Grazie
Marcella
marcella
 
Messaggi: 259
Iscritto il: gio ott 14, 2004 7:08 pm
Località: salerno

Messaggioda Fabrizio Zago » gio feb 22, 2007 7:41 pm

Cara Marcella,
se fosse vero (io non l'ho mai testato) che "il glicole pentilenico è attivo contro il pytosporum ovalis" vorrebbe semplicemente dire che è tossico per quel microrganismo....se è tossico per lui, e ti lascio la risposta.
Io non credo che la sostanza "pulisca" bene i tuoi capelli, che gli conferisca un tocco morbido questo sì.
Forse la qualità del prodotto non è legata solo al glicole ma all'equilibrio che il formulatore ha ottenuto.
Fabrizio Zago
 
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: pentylene glycol

Messaggioda Etrusca_F » ven mag 10, 2013 7:14 pm

Fabrizio, scusa se rompo anche di qua, ma sto "facendo le pulci" ad alcuni prodotti che non conosco e ci sono diversi ingredienti che non trovo sul Biodizionario di cui vorrei domandarti, dunque preferisco farlo nei singoli topic per mantenere più funzionale il forum anche per gli altri.
A questa sostanza, uno o due rossi?
Fatto salvo che sulla pelle non mi pare il massimo, quanto impatta sull'ambiente?

Grazie di nuovo.
Avatar utente
Etrusca_F
 
Messaggi: 858
Iscritto il: gio lug 02, 2009 9:12 am
Controllo antispam: cinque

Re: pentylene glycol

Messaggioda artemis » ven mag 10, 2013 10:42 pm

Ciao a tutti
è da molto che non posto ma ogni tanto vi leggo con piacere... :-)
Che io sappia ci sono diversi pentilen glicoli ottenuti dal mais o dalla canna da zucchero e che hanno ottenuto anche la certificazione Ecocert come ingredienti.
Comunque, a livello formulativo si tratta di un umettante speciale, perchè il glicole pentilenico è spesso usato anche come conservante o come "coadiuvante" dei sistemi conservanti, data la sua capacità antimicrobica superiore a quella degli altri glicoli, tipo il propilenico, a parità di concentrazione.
Insomma consente ai conservanti "classici" di funzionare meglio e poterne quindi diminuire la quantità.
Se inserito in concentrazioni superiori al 5% credo funzioni anche da solo.
Quindi consente di essere inserito in formulazioni "senza conservanti" (poichè esso non è dichiarato come tale).
Se non erro alcuni cosmetici certificati bio contengono il pentylene glycol derivato dalla canna da zucchero. Se volete faccio una ricerca ma ricordo di averlo visto in alcuni prodotti col marchio di certificazione.
Io sinceramente preferirei trovare un pentilen glicole derivato dalla canna da zucchero piuttosto che un sodio benzoato sintetico. Giusto? cosa ne pensate?
Grazie... :-)
Avatar utente
artemis
 
Messaggi: 146
Iscritto il: mer mag 23, 2007 11:38 am
Località: Brianza

Re: pentylene glycol

Messaggioda Etrusca_F » lun mag 20, 2013 4:43 pm

artemis ha scritto:Che io sappia ci sono diversi pentilen glicoli ottenuti dal mais o dalla canna da zucchero e che hanno ottenuto anche la certificazione Ecocert come ingredienti.

Fabrizio, per favore sapresti dirmi come posso, dall'INCI, distinguere il Pentylene g. di origine petrolifera da te citato rispetto a quelli di cui parla Artemis (che ringrazio per le info)?
Thanks
Avatar utente
Etrusca_F
 
Messaggi: 858
Iscritto il: gio lug 02, 2009 9:12 am
Controllo antispam: cinque

Re: pentylene glycol

Messaggioda Fabrizio Zago » lun mag 20, 2013 5:26 pm

Ahimè non c'è nessun modo per distinguere le due sostanze, anzi la stessa sostanza ma proveniente da due fonti diverse. A meno che, ovviamente, il produttore non lo specifichi in modo chiaro in etichetta.
Ciao
Fabrizio
Fabrizio Zago
 
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: pentylene glycol

Messaggioda Etrusca_F » lun mag 20, 2013 5:37 pm

:|
Ma quello proveniente da fonti non petrolifere costerà di più?
Perché, forse è un ragionamento insensato, ma mi vien da pensare che se così fosse, chi lo usa "pubblicizzerebbe" la cosa in etichetta per mostrare il valore aggiunto del proprio prodotto... :roll:
Mentre in un INCI poco attento alla dermo- ed eco- compatibiltà, mi aspetterei di trovare il "petrolifero", specie se costa meno... :roll:
Avatar utente
Etrusca_F
 
Messaggi: 858
Iscritto il: gio lug 02, 2009 9:12 am
Controllo antispam: cinque

Re: pentylene glycol

Messaggioda artemis » lun mag 20, 2013 6:27 pm

Cara Etrusca, il prezzo globale di un prodotto non sempre è correlato con le materie prime usate, quindi non è detto che un cosmetico a basso costo contenga il pentylene glycol sintetico o uno che costa di più contenga quello derivato naturale... questa correlazione tout-court purtroppo non si può fare...
Un'azienda che utilizza ingredienti naturali può utilizzare, insieme ad essi, anche sostanze totalmente sintetiche. A meno che il prodotto non abbia un marchio di certificazione BIO: in questo caso penso che il produttore sia obbligato a usare solo ingredienti ecologici e naturali o derivati naturali... Penso dipenda anche dal marchio scelto.
Io credo che ad oggi l'unico modo per essere sicuri che gli ingredienti siano eco, naturali e bio sia vedere il marchio di certificazione.
Per tutti gli altri senza certificazione, si può far uso del biodizionario, o di questo e altri forum, ma con le dovute cautele: non credo sia possibile per Fabrizio inserire, per lo stesso nome INCI, due colori diversi, anche se in certi casi sarebbe forse corretto...
Fabrizio, penso cmq che tu possa fare una valutazione di qual è quello più comunemente utilizzato (in questo caso forse quello sintetico), ma questo forse potrebbe portare un consumatore a scartare un prodotto quando vede che il pentylene glycol al secondo o terzo posto nell'INCI del suo prodotto, e il biodizionario dice magari che è rosso... quando invece l'azienda ha utilizzato il p.glicole derivato dalla canna da zucchero, che sarebbe invece a bollino verde... il problema credo sia cercare di non essere fuorvianti, ma mi rendo conto che non è affatto semplice, in mezzo alle migliaia e migliaia di ingredienti in circolazione...
Purtroppo, anzi, per fortuna, i progressi della chimica viaggiano a una velocità impressionante e le stesse sostanze "rosse" possono già essere diventate "verdi" in molti prodotti (però sul mercato sono disponibili entrambe! è questo il problema per il consumatore, e anche per l'inclusione nel biodizionario). Ma capisco la mole di lavoro che ciò comporterebbe...
Il bello però, almeno, è che le aziende, grazie anche a siti e forum come questo, si stanno adeguando a trovare le alternative naturali :-)))
Perciò... onore al merito di Fabrizio e al suo pregevole lavoro! :-)
Avatar utente
artemis
 
Messaggi: 146
Iscritto il: mer mag 23, 2007 11:38 am
Località: Brianza

Re: pentylene glycol

Messaggioda Fabrizio Zago » lun mag 20, 2013 6:48 pm

Ciao Artemis e grazie per i complimenti.
In realtà la tua frase "non credo sia possibile per Fabrizio inserire, per lo stesso nome INCI, due colori diversi, anche se in certi casi sarebbe forse corretto... " è corretta ma non del tutto veritiera. In alcuni casi mi sono divertito a mettere pallini diversi alla stessa sostanza ma con origine diversa. Ad esempio l'acido ialuronico ha una classificazione diversa a seconda dell'origine animale o da biotecnologica.
Hai ragione tu quando dice che si tratterebbe di un lavoro immenso ed infatti intervengo solo quando le evidenze sono certe e provate e questo diminuisce il lavoro.
Ciao
Fabrizio
Fabrizio Zago
 
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Prossimo

Torna a Nuovo BioDizionario: Cosmetico & Alimentare

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 23 ospiti